Previsioni urbanistiche e vincoli per la realizzazione di parchi, e di attrezzature ricreative e sportive

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI --> PARCO

Il vincolo a parco non costituisce un vincolo di preordinazione all’esproprio ma un vincolo conformativo, come tale non soggetto a decadenza ed efficace a tempo indeterminato.

La destinazione a parco - area inclusa in un parco locale di interesse sovracomunale - dal piano di governo del territorio, non configura affatto un vincolo espropriativo bensì un mero vincolo conformativo. Ad escludere la natura espropriativa del vincolo depone ulteriormente l'eventuale disposizione urbanistica che preveda, quale alternativa all’acquisizione della proprietà da parte dell'Amministrazione, l’attuazione... _OMISSIS_ ...rco da parte del proprietario.

La destinazione verde ed a parchi di interesse cittadino avente carattere generale del sacrificio imposto a tutte le proprietà dalle esigenze di pianificazione urbanistica del territorio, comporta la natura conformativa del relativo vincolo.

La previsione di una determinata tipologia urbanistica, quale nella specie relativa alla realizzazione o conservazione di parco urbano o di quartiere, non configura un vincolo preordinato all'espropriazione né comporta l'inedificabilità assoluta, trattandosi di una prescrizione diretta a regolare concretamente l'attività edilizia e quindi, costituendo esercizio di potestà conformativa che sfugge al ricordato limite temporale (cfr. art. 11, l. 17 agosto 1942 n. 1150).

... _OMISSIS_ ...zione a "parco pubblico" non preordinata all'espropriazione, che consente limitati interventi edificatori, senza escluderne la realizzabilità da parte dei privati induce a ritenere corretta la qualificazione del vincolo imposto come meramente conformativo, evidentemente inteso a salvaguardare, nell'interesse pubblico, un equilibrio dell'assetto territoriale ritenuto dalle Amministrazioni resistenti meritevole di tutela.

La destinazione complessiva di un’intera area a “ Zona F6 A – Parco Urbano”, espressione del potere pianificatorio del comune, configura un vincolo conformativo, come tale non soggetto alla decadenza prevista dall’art. 2 della legge n. 1187/68.

La destinazione a "parco urbano” va... _OMISSIS_ ... potestà di conformazione in sede pianificatoria, valida a tempo indeterminato, qualora sulla base delle NN.TT.AA. le tipologie di intervento consentite, in assenza di espressa esclusiva riserva alla mano pubblica, possano essere attuate anche ad iniziativa privata o promiscua e senza necessità di previa ablazione del bene.

I vincoli apposti a proprietà ricomprese in un Parco attengono a caratteristiche intrinseche ed obiettive dei beni e sono volti a mantenere intatta la loro originale conformazione; la natura conformativa del vincolo deriva, quindi, dalla sua finalità ambientale connessa con le caratteristiche intrinseche dei beni e ciò esclude l’indennizzabilità.

Qualora le previsioni urbanistiche relative alla realizzazione di un parco... _OMISSIS_ ...realizzazione di opere private di uso pubblico, attraverso apposita convenzione che consente al pubblico la fruizione di servizi privati attraverso la remunerazione dei medesimi, deve escludersi l’esistenza di vincoli espropriativi, configurandosi invece come prescrizione di tipo conformativo.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI --> PARCO, GIOCO, SPORT

La destinazione ad attrezzature ricreative, sportive e a verde pubblico, data dal P.R.G. ad aree di proprietà privata, non comporta l'imposizione sulle stesse di un vincolo espropriativo, ma solo di un vincolo conformativo, che è funzionale all'interesse pubblico generale conseguente alla zonizzazione effe... _OMISSIS_ ...rumento urbanistico.

Secondo l’orientamento prevalente in seno alla giurisprudenza amministrativa, la destinazione urbanistica dell’area ad attrezzature per lo sport ha natura conformativa.

La destinazione ad attrezzature ricreative, sportive ed a verde, data dal PRG ad aree di proprietà privata, comporta l'imposizione sulle stesse di un vincolo non espropriativo, bensì soltanto conformativo, funzionale, cioè, all'interesse pubblico generale conseguente alla zonizzazione, che definisce i caratteri generali dell'edificabilità in ciascuna delle zone in cui è suddiviso il territorio comunale.

La destinazione ad attrezzature ricreative, sportive, e a verde pubblico, data dal piano regolatore ad aree di proprietà pri... _OMISSIS_ ...rta l’imposizione sulle stesse di un vincolo espropriativo, ma solo di un vincolo conformativo, che è funzionale all’interesse pubblico generale conseguente alla zonizzazione, effettuata dallo strumento urbanistico, che definisce i caratteri generali dell’edificabilità in ciascuna delle zone in cui è suddiviso il territorio comunale.

La giurisprudenza consolidata ha precisato che la destinazione ad attrezzature ricreative, sportive, a verde pubblico o (come nel caso), a “parco turistico” data dal piano regolatore ad aree di proprietà privata, implica l'imposizione di un vincolo conformativo, conseguente alla zonizzazione effettuata dallo strumento urbanistico per definire i caratteri generali dell'edificabilità in ciascuna delle z... _OMISSIS_ ...ddiviso il territorio comunale.

La destinazione a "Zona sportiva", riconducibile ad una previsione generale dello strumento urbanistico, riguardante una parte estesa del territorio comunale, ben oltre la proprietà di un singolo proprietario, non è un vincolo a carattere particolare, ma di una destinazione generale e astratta, secondo la logica della ripartizione zonale, che agli effetti dell'incidenza sul diritto di proprietà, ha connotazione conformativa.

La destinazione ad attrezzature ricreative, sportive e a verde pubblico, data dal piano regolatore ad aree di proprietà privata, determina l’imposizione sulle stesse di un vincolo di tipo conformativo e non espropriativo, conseguente cioè alla zonizzazione effettuata dallo stru... _OMISSIS_ ...co per definire i caratteri generali dell’edificabilità in ciascuna delle aree in cui è suddiviso il territorio comunale. Pertanto, la validità della destinazione è a tempo indeterminato e non è soggetta alla decadenza quinquennale propria dei vincoli preordinati all’esproprio, di cui all’art. 9 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 327.

Non sussiste un vincolo preordinato all'espropriazione nel caso di destinazione a parco giochi per bambini, atteso che tale destinazione è suscettibile di utilizzazione anche economica da parte del privato e costituisce solo una misura conformativa dello jus aedificandi.

Le destinazioni ad attrezzate per attività ricreative e sportive configurano vincoli conformativi.