Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Le norme conformative riguardanti altezza, cubatura e distanze tra gli edifici nei regolamenti urbanistici

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI --> ALTEZZA/CUBATURA/DISTANZE..

I limiti normalmente posti nei regolamenti urbanistici o nella pianificazione urbanistica e relative norme tecniche, riguardanti altezza, cubatura, superficie coperta, distanze, zone di rispetto, indici di fabbricabilità, limiti e rapporti per zone territoriali omogenee e simili, non hanno carattere ablatorio, e sono connaturali alla proprietà.

La norma conformativa, che impone standard di distanze, cubatura, altezza, tipologia etc., stabilisce restrizioni uguali per gli appartenenti alla classe (proprietari della zona omogenea) e determina, quindi, i parametri di mercato (valore dell’immobile realizzabile e quindi dell’area edificabile), in relazione alle restrizioni omogenee. Si tratta di vincoli economici esterni, accettabili e compatibili con ... _OMISSIS_ ...to e con i principi di uguaglianza, nella misura in cui operino, sostanzialmente, come limiti esterni allo jus aedificandi.

I limiti non ablatori normalmente posti nei regolamenti urbanistici o nella pianificazione urbanistica e relative norme tecniche, riguardanti altezza, cubatura, superficie coperta, distanze, zone di rispetto, indici di fabbricabilità, limiti e rapporti per zone territoriali omogenee e simili, sono vincoli conformativi, connaturali alla proprietà; tali vincoli hanno validità a tempo indeterminato e non comportano indennizzo.

I limiti non ablatori normalmente posti nei regolamenti urbanistici o nella pianificazione urbanistica e relative norme tecniche, riguardanti altezza, cubatura, superficie coperta, distanze, zone di rispetto, indici di fabbricabilità, limiti e rapporti per zone territoriali omogenee e simili, sono vincoli conformativi, connaturali alla proprietà, e non comporta... _OMISSIS_ ... /> Le prescrizioni delle Norme Tecniche di Attuazione (circa altezza, cubatura, superficie coperta, distanze, zone di rispetto e indici di fabbricabilità) costituiscono vincoli non ablatori, e quindi non comportano diritto all'indennizzo.

La Corte Costituzionale ha escluso che possano qualificarsi in termini di vincolo espropriativo tutte le condizioni e i limiti che possono essere imposti ai suoli in conseguenza della loro specifica destinazione (ivi compresi i limiti di cubatura connessi agli indici di fabbricabilità previsti dal P.R.G. per le varie categorie di zone in cui il territorio viene suddiviso).

I limiti impressi dalla pianificazione territoriale all’attività edilizia in funzione dell’ordinato sviluppo delle aree abitate e della salvaguardia dei valori ambientali esistenti, sono espressione del più generale potere di zonizzazione e pianificazione del territorio comunale, e, in q... _OMISSIS_ ...no carattere conformativo e non espropriativo.