Vincoli urbanistici espropriativi e conformativi
VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI

Pur preludendo all'acquisizione del terreno da parte di un ente pubblico, la destinazione ad opere, attrezzature ed impianti pubblici di interesse generale secondo gli standards previsti dal D.M. n. 1444 del 1968 impressa dallo strumento attuativo, conserva il suo carattere programmatico per il suo contenuto conformativo che deriva dalla definizione in via astratta e generale, vale a dire formulata in base a criteri preordinati, della zona di cui i terreni fanno parte.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI

Il carattere conformativo dei vincoli non dipende dalla collocazione in una specifica categoria di strumenti urbanistici, ma soltanto dai requisiti oggettivi, per natura e struttura, dei vincoli stessi, ricorrendo in particolare tale caratte... _OMISSIS_ ...ncoli siano inquadrabili nella zonizzazione dell'intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni ricadono e in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto, per lo più spaziale, con un'opera pubblica.

Secondo la decisione della Corte Cost. n. 179/1999, si collocano al di fuori dei vincoli espropriativi quelli concernenti i beni immobili aventi valore paesistico-ambientale, "in virtù della loro localizzazione o della loro inserzione in un complesso che ha in modo coessenziale le qualità indicate dalla legge"; i limiti che "attengano, con carattere di generalità per tutti i consociati e quindi in modo obiettivo, ad intere categorie di beni, e per ciò interessino la generalità dei soggetti con una sottoposizione indifferenziata di essi - anche per zone t... _OMISSIS_ ...particolare regime secondo le caratteristiche intrinseche del bene stesso".

Non può attribuirsi carattere ablatorio ai vincoli che regolano la proprietà privata al perseguimento di obiettivi di interesse generale, quali il vincolo d'inedificabilità, c.d."di rispetto", a tutela di una strada esistente, a verde attrezzato, a parco, a zona agricola di pregio, verde privato, ecc.

Il carattere conformativo e non ablatorio, agli effetti indennitari, dei vincoli di piano non discende, direttamente e necessariamente, dal fatto in sé della loro collocazione nello strumento urbanistico, e non si impone, quindi, esclusivamente in ragione della fonte da cui il vincolo deriva, quanto piuttosto dipende dai requisiti oggettivi, di natura e struttura - che i vincoli contenuti nello strumento urbanistico di norma presentano - della incidenza su una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione... _OMISSIS_ ...assolta dalla intera zona in cui questi ricadono, in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto (per lo più spaziale) con un'opera pubblica: dal che appunto il modo d'essere, "conformato" della proprietà dei beni medesimi.

Per vincoli conformativi si intendono i vincoli che impongono una destinazione, anche di contenuto specifico, realizzabile ad iniziativa privata o promiscua pubblico-privata, tale da non richiedere necessariamente l’espropriazione dell’area e l’intervento ad esclusiva iniziativa pubblica; tali vincoli, di conseguenza, restano al di fuori della schema ablatorio-espropriativo, non comportano indennizzo, non decadono al quinquennio e non fanno sorgere un dovere di ritipizzazione.

Non può attribuirsi carattere ablatorio ai vincoli che regolano la proprietà privata al perseguimento di obiettivi di interesse generale, quali il vincolo d'inedificabilità, c.d."di rispett... _OMISSIS_ ...strada esistente, a verde attrezzato, a parco, a zona agricola di pregio, verde, ecc.

Le destinazioni d’uso degli immobili sono in diretto rapporto con l'assetto del territorio dei comuni e costituiscono attuazione delle funzioni e degli usi delle zone in cui viene articolato il territorio medesimo, secondo le previsioni della pianificazione comunale.

I vincoli espropriativi, che sono soggetti alla scadenza quinquennale, concernono beni determinati in funzione della localizzazione puntuale di un'opera pubblica, la cui realizzazione non può quindi coesistere con la proprietà privata; non può invece attribuirsi carattere ablatorio ai vincoli che regolano la proprietà privata al perseguimento di obiettivi di interesse generale, quali il vincolo d'inedificabilità c.d."di rispetto" a tutela di una strada esistente, a verde attrezzato, a parco, a zona agricola di pregio, verde, ecc.

Quello che connota i vincoli ... _OMISSIS_ ...dquo;, è la peculiarità per cui le infrastrutture e gli interventi previsti dal PRG possono essere realizzati anche a mezzo di iniziative totalmente private o in forme di partenariato misto pubblico-privato.

Non può assolutamente attribuirsi carattere ablatorio ai vincoli che regolano la proprietà privata al perseguimento di obiettivi di interesse generale, ai sensi dell’art. 42,II co. della Cost., allo scopo di assicurarne la funzione sociale (come ad es. vincolo di inedificabilità, c.d. “di rispetto”, a tutela di una strada esistente, a verde attrezzato, a parco, a zona agricola di pregio, verde, ecc. ).

Il potere conformativo è stato da tempo individuato dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale come espressione della potestà amministrativa di governo del territorio, alla quale è connaturata la facoltà di porre condizioni e limiti al godimento del diritto di proprietà non di singoli individui, ma di inter... _OMISSIS_ ...gie di immobili identificati in termini generali e astratti.

Il vincolo conformativo, in quanto espressione del più generale potere urbanistico di zonizzazione e pianificazione del territorio comunale, non è preordinato all'esproprio; non intacca, in modo sostanziale, il valore di scambio del bene in quanto non priva il suo titolare della facoltà di godimento e di utilizzazione della "res".

La giurisprudenza amministrativa è giunta a riconoscere, per lo più, tenendo, comunque, in debita considerazione le peculiarità delle vicende decise, la natura normalmente conformativa dei vincoli di destinazione a: verde pubblico attrezzato, verde di quartiere, verde di rispetto, attrezzature pubbliche o di uso pubblico collettivo, servizi di quartiere, opere di interesse generale, attrezzature per il gioco e lo sport.

La categoria dei vincoli c.d. conformativi è enucleabile in relazione ad una previsione di tipologia urbani... _OMISSIS_ ...ura una “prenotazione” dell’Amministrazione all’inedificabilità assoluta o all’espropriazione, trattandosi di una prescrizione diretta a regolare concretamente l’attività edilizia e per ciò stesso con validità a tempo indeterminato, ai sensi dell’art.11 della legge n.1150 del 17 agosto 1942.

Un vincolo conformativo scaturisce da limiti impressi dalla programmazione comunale all’attività di trasformazione del territorio in funzione dell’ordinato sviluppo delle aree abitate e della salvaguardia dei valori ambientali esistenti.Tale tipo di vincolo, in quanto espressione del più generale potere urbanistico di zonizzazione e pianificazione del territorio comunale, non è preordinato all’esproprio.

I vincoli conformativi poggiano sulla natura intrinseca di un suolo che risulta destinato, proprio in virtù della sua localizzazione e delle sue caratteristiche, ad una tipizzazione strumen... _OMISSIS_ ...one degli obiettivi urbanistici che la p.a. locale si prefigge in sede di pianificazione generale, ma che possono essere perseguiti utilmente anche a mezzo dell'iniziativa del privato stesso.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI

Le aree destinate a sede viaria, parcheggi e aree per l’istruzione sono soggette a vincolo espropriativo.

La giurisprudenza amministrativa è giunta a riconoscere natura sostanzialmente espropriativa, o pre-espropriativa, della destinazione a: edilizia residenziale pubblica e area per parcheggio gestito da privati diversi dal proprietario.

Le tipizzazioni a rete viaria e verde di arredo stradale sono qualificabili alla stregua di vincoli espropriativi.

Solo l’esclusione totale di qualsiasi possibilità realizzativa o (in alternativa) la riserva esclusiva della realizzazione i... _OMISSIS_ ...e pubblico assume valenza espropriativa, con conseguente obbligo di indennizzo a carico dell’amministrazione e previsione di un termine di scadenza.