Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

GIURISDIZIONE E COMPETENZA GIURISDIZIONALE nell’ambito del governo del territorio

Sintesi: Sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo laddove un professionista impugni l'atto amministrativo con il quale è stato ritenuto incompetente a firmare quel tipo di progetti.

Sintesi: Rientrano nella giurisdizione del GA le controversie attivate dai Consigli degli ordini professionali nei confronti di titoli edilizi rilasciati sulla base di attività professionali svolte da professionisti iscritti a contrapposti Ordini o Collegi.

Estratto: «2 - Le doglianze sollevate con l’atto d’appello colgono nel segno, laddove il Giudice di primo grado ha anzitutto osservato, correttamente, che i ricorrenti, nella loro qualità di “periti industriali edili”, avevano impugnato la nota con la quale l’Amministrazione aveva sospeso l’esame di una domanda di concessione edilizia, da altri presentata, “ritenendo necessaria la presentazione del progetto a firma di un tecnico professionalmente competente”, concessione, peraltro, successivamente rilasciata.Da questa esatta premessa in fatto la sentenza appellata ha, tuttavia, fatto scaturire la errata considerazione che i ricorrenti non chiedevano al T.A.R. di soddisfare l’interesse legittimo ad ottenere una concessione edilizia, ma l’accertamento del loro “ diritto soggettivo ad esercitare un piu’ vasto ambito della propria professione, altrimenti rientrante nelle sole competenze degli ingegneri “.Tale accertamento esulerebbe – secondo il TAR - dalla giurisdizione generale di legittimità del Giudice Amministrativo, rientrando in quella del Giudice Ordinario; sul punto si richiamano anche sporadici precedenti di T.A.R. Toscana, sez. II, 17.4.89 n. 144 e 12.11.88 n. 1725 e di T.A.R. Campania, sez. II, 17.11.88 n. 453.3 - La motivazione e statuizione recata in sentenza va riformata, in quanto non si contestava, da parte degli interessati, un presunto caso di carenza di potere a disciplinare o limitare l’esercizio di una professione regolamentata, ma solo il cattivo e scorretto uso del potere determinativo in ordine all’emanazione del provvedimento finale ed all’altrettanto scorretto potere valutativo di tutti i presupposti di legittimità per l’adozione dell’atto finale, compreso quello inerente la capacità e legittimazione a firmare un progetto in relazione alle caratteristiche concrete di esso. In questi casi l’attività amministrativa di diritto pubblico non può qualificarsi come strumento teso a comprimere o negare un diritto soggettivo, ma a verificarne il regolare esercizio nell’ambito di un procedimento amministrativo nell’ambito del quale la disciplina della professione e della capacità progettuale assume rilievo meramente incidentale e la relativa valutazione fatta dalla P. A. un effetto meramente strumentale all’adozione del provvedimento concessorio fin... _OMISSIS_ ...’esperienza del G. A. è da decenni consolidata – escluse sporadiche pronunce - nel trattenere presso di sé la cognizione di controversie – di segno opposto a quella in esame - attivate dai Consigli degli ordini professionali nei confronti di titoli edilizi rilasciati sulla base di attività professionali svolte da professionisti iscritti a contrapposti Ordini o i Collegi, come quel... _OMISSIS_ ...