Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

La legittimazione passiva della Regione nei casi di danni causati da fauna selvatica

ntesi: Va riconosciuta la legittimazione passiva in capo alla Regione per i danni cagionati a terzi dalla fauna selvatica.

Estratto: «Acquisita documentazione dietro ordine di questo Giudicante ed ammesse e –successivamente espletate- le prove orali richieste, una volta precisate le conclusioni la causa, previa concessione di termine per il deposito delle comparse conclusionali, veniva trattenuta in decisione. Preliminarmente (anche se per incidens, stante il tenore della richiamata ordinanza, e comunque sia ad colorandum), in punto alla questione relativa al dedotto difetto di legittimazione passiva in capo alla convenuta Regione …………., il Giudice delle Leggi ha più volte sentenziato in senso contrario: si vedano per tutte Cass. 8788/91, che ha fatto per così dire da apripista per le altre pronunce; Cass. 8470/91, 13956/99, 1638/00, Cass. 24.9.02 n. 13907. Tali pronunciamenti (cui hanno fatto seguito dive... _OMISSIS_ ...i di merito: tra le statuizioni “locali”, si segnalano in particolare sent. 14/97 GdP San Severino Marche, confermata in appello dal Trib. Camerino con sent. 175/98; sent. 349/96 con cui Trib. Macerata ha escluso la legittimazione passiva in capo all’ente Provincia di Macerata; sent. 260/99 Trib. Ascoli Piceno; da ultimo, a conferma di tale orientamento, sentt. 73/05 E 23/07 Giudice di Pace Amandola) hanno ricevuto per così dire l’imprimatur del S.C. sez. III, con la sentenza 07.04.2008 n° 8953 (sul versante del merito, ex multis ac recentioribus Trib. Modena, 13 maggio 2009, n. 620). Se è vero che con la sentenza (ultima vox in materia), pronunciata dalla sez. III, 08.01.2010 n° 80, i Giudici della Suprema Corte hanno affermato che in assenza di specifiche disposizioni si deve ritenere che la colpa per i danni a terzi debba essere imputata sempre ed esclusivamente all’ente cui sono stati affidati concretamente i po... _OMISSIS_ ...i controllo del territorio, nonché della fauna ivi esistente, pare a questo Giudicante di non dover aderire al dictum in parola, essendo il revirement giurisprudenziale sopravvenuto nelle more del (presente) giudizio né -a dirimere una disputa che si trascina ormai da anni- essendosi (ancora) pronunciate sul punto in senso nomofilattico le Sezioni Unite.»