Amministratori e condomini sono legittimati ad impugnare le previsioni urbanistiche lesive

Sintesi: La ratifica condominiale vale a sanare con effetti ex tunc l’operato dell'amministratore che abbia agito senza autorizzazione dell'assemblea, ed è idonea a paralizzare l'eccezione di inammissibilità della costituzione in giudizio.

Estratto: «2.1. Preliminarmente, in rito, occorre esaminare l’eccezione di difetto di legittimazione del condominio istante sollevata dal Comune di C. secondo cui l’ente ricorrente, avendo agito in persona del suo amministratore legale rappresentante pro tempore, avrebbe dovuto allegare all’atto di proposizione del presente ricorso l’atto assembleare deliberativo contenente il conferimento dell’autorizzazione ad attivare il giudizio in oggetto, cosa che nella specie non è avvenuta.Su... _OMISSIS_ ...nzitutto evidenziato che il Condominio istante, dopo la proposizione del ricorso, in data 14.11.2011 e 25.07.2012 ha depositato agli atti del giudizio copia dei verbali delle assemblee condominiali tenutasi in data 6.05.2011 e 4.06.2012 con cui il Condominio formalizzava l’incarico professionale per il contenzioso in essere con il Comune di C. al n.r.g. 6538/2010 e ratificava il ricorso proposto avverso le concessioni edilizie, ivi inclusi i motivi aggiunti.L’intervenuta ratifica condominiale produce effetto sanante rispetto al vizio di rappresentanza dedotto per effetto del disposto di cui all’art. 182 c.p.c. applicabile al processo amministrativo in virtù del rinvio esterno operato dall’art. 39 c.p.a. alle disposizioni del codice di procedura civile... _OMISSIS_ ...atibili o espressione di principi generali.Ed invero, l'art. 182 c.p.c., come novellato dall'art. 46, comma 2, della legge n. 69/2009, prevede la verifica d'ufficio, nonché la regolarizzazione degli atti processuali difettosi, e, nell'ipotesi specifica di un difetto di rappresentanza, di assistenza, di mancanza di autorizzazione ad agire, la possibilità di rilascio di altro mandato e/o autorizzazione i cui effetti si producono fin dalla prima notificazione. Per effetto delle modifiche apportate alla norma dall’art. 46 cit. risulta esplicitamente introdotta la decorrenza “ex tunc” della sanatoria, escludendosi l’operatività di eventuali decadenze nelle more avveratesi contemplata invece dalla pregressa formulazione.La ratifica condominiale vale quindi ... _OMISSIS_ ...fetti "ex tunc" l’operato dell'amministratore che abbia agito senza autorizzazione dell'assemblea, ed è quindi idonea a paralizzare la dedotta eccezione di inammissibilità della costituzione in giudizio. (Cass.S.S.U.U. 6.08.2010 n.18331). L’eccezione va pertanto respinta.»

Sintesi: Il condominio, nella persona dell'amministratore nell'esercizio dei poteri conferitigli dall'assemblea, è legittimato, al pari di ciascun condomino ad impugnare le previsioni urbanistiche lesive della proprietà comune.

Sintesi: L’amministratore non solo può agire attivamente in giudizio, a prescindere da una previa delibera dell'assemblea, ma a seguito del rigetto della domanda da parte del primo giudice, può proporre impugnazione inn... _OMISSIS_ ... di appello.

Sintesi: Salvo una diversa disposizione del regolamento condominale o di una delibera dell’assemblea, la legittimazione dal lato attivo dell'amministratore del condominio comprende la facoltà del medesimo di proporre tutti i gravami che, successivamente alla prima deliberazione dell’assemblea, si rendano necessari per l’effettiva affermazione finale dei diritti del condominio risultati soccombenti in primo grado.

Estratto: «2.§.2. Con una seconda eccezione si assume che, con riferimento al gravame n. 333/2007 ed anche al 349/2005, il condominio avrebbe originariamente difettato delle necessarie deliberazioni assembleari, non potendo a tal fine essere sufficiente il verbale dell’assemblea del 23 ago... _OMISSIS_ ... quale sarebbe stato conferito all’amministratore solamente un generico mandato. Pertanto, dato che la deliberazione di un ente o di un condominio in materia devono essere caratterizzate dall’oggetto, che deve specificare gli atti ed i procedimenti cui si fa riferimento dopo il primo ricorso, l’amministratore non poteva ritenersi legittimato.L’eccezione è priva di pregio.A parte il risolvente rilievo per cui, tra i ricorrenti vi sono anche i singoli condomini i quali da soli hanno la legittimazione sufficiente all’ammissibilità del gravame, si deve in ogni caso ricordare che, come è noto, in un condominio edilizio, mentre la proprietà delle cose comuni va riferita "pro quota" ai singoli partecipanti, la loro gestione è riferibile al co... _OMISSIS_ ... in qualità di “centro d'imputazione di interessi”, ossia come figura organizzativa che si colloca nel vasto spazio che separa le persone fisiche dalle persone giuridiche.Pertanto, il condominio, nella persona dell'amministratore nell'esercizio dei poteri conferitigli dall'assemblea, è legittimato, al pari di ciascun condomino ad impugnare le previsioni urbanistiche lesive della proprietà comune (cfr. Consiglio Stato, Sez. V 14 luglio 1995 n. 1076).L’amministratore quindi non solo può agire attivamente in giudizio, a prescindere da una previa delibera dell'assemblea, ma a seguito del rigetto della domanda da parte del primo giudice, può proporre impugnazione innanzi al giudice di appello (arg. ex Cassazione civile sez. III 22 aprile 2008 n. 10369). Inoltre,... _OMISSIS_ ...rsa disposizione del regolamento condominale o di una delibera dell’assemblea, la legittimazione dal lato attivo dell'amministratore del condominio comprende la facoltà del medesimo di proporre tutti i gravami che, successivamente alla prima deliberazione dell’assemblea, si rendano necessari per l’effettiva affermazione finale dei diritti del condominio risultati soccombenti in primo grado. Per giunta, nel caso di specie, non ci sono dubbi che la delibera del condominio “Le M.” recava una formulazione che comprendeva tutti i gradi di giudizio in quanto demandava all’amministratore “… l’istruzione di tutti i ricorsi necessari per impedire la realizzazione di opere previsti gravante prospicienti il condominio…&rdquo... _OMISSIS_ ...
Sintesi: I vizi di regolare costituzione dell’assemblea di condominio, rilevando in termini di annullabilità, sono sottoposti innanzi al giudice ordinario a regime decadenziale, con la conseguenza che, in mancanza di tempestivo gravame avverso la deliberazione, la legittimazione ad agire dell’amministratore non può che considerarsi valida.

Estratto: «Tutte le questioni preliminari, esaminate anche alla luce delle censure svolte a mezzo del gravame, risultano correttamente decise dal Giudice di prime cure. In particolare quanto all’idoneità e sufficienza del criterio della vicinitas, a fondare, in materia edilizia, una posizione giuridica legittimante, è sufficiente richiamare la costante giurisprudenza della Sezione, secondo l... _OMISSIS_ ...il possesso del titolo di legittimazione alla proposizione del ricorso per l'annullamento di una concessione edilizia, che discende dalla c.d. vicinitas , cioè da una situazione di stabile collegamento giuridico con il terreno oggetto dell'intervento costruttivo autorizzato, esime da qualsiasi indagine al fine di accertare, in concreto, se i lavori assentiti dall'atto impugnato comportino o meno un effettivo pregiudizio per il soggetto che propone l'impugnazione” (tra le tante, Sez IV, 12 maggio 2009, n. 2908)P...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 20248 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo