Gli albergatori locali sono legittimati ad impugnare il programma integrato di intervento

Sintesi: Gli albergatori locali sono legittimati ad impugnare un programma integrato di intervento, poiché, tenendo conto dell'attività economica da essi svolta, il provvedimento di approvazione lede una serie di posizioni giuridiche soggettive differenziate (sotto una pluralità di aspetti astrattamente rilevanti: viabilità, servizi pubblici, modifica di flussi turistici) atta a qualificare e differenziare la loro sfera rispetto alla collettività indistinta.

Estratto: «Ciò premesso, e procedendo da quest'ultima eccezione, il Collegio rileva che essa non è fondata, in quanto la sig.ra Vettorazzi era ancora proprietaria del terreno, nel momento in cui è stato proposto il ricorso e quindi non può essere negata la sua ... _OMISSIS_ ...zione di controinteressata, mentre le vicende successive alla proposizione del ricorso non rilevano, in quanto il controinteressato è tale in quanto riceva un vantaggio diretto e immediato dal provvedimento, nel momento in cui esso viene impugnato. Preliminarmente, va poi riconosciuto l'interesse delle parti ricorrenti, associazione di albergatori e consorzio, nonché dei singoli albergatori, in base al principio, ripetutamente affermato dalla giurisprudenza amministrativa in tema di piani urbanistici, secondo cui la posizione legittimante postula una situazione di stabile collegamento con la zona interessata dall'attività pianificatoria.Questa è appunto la situazione degli albergatori locali, nei cui confronti – per l'attività economica da essi... _OMISSIS_ ... emerge una specifica lesione di posizioni giuridiche soggettive differenziate (sotto una pluralità di aspetti astrattamente rilevanti: viabilità, servizi pubblici, modifica di flussi turistici) atta a qualificare e differenziare la loro sfera rispetto alla collettività indistinta (cfr., ad es.: Consiglio di Stato, sez. IV, 14 gennaio 2011, n. 183; id., 4 marzo 2003, n. 1191; id., 5 febbraio 1998, n. 207).»