In caso di occupazione illegittima, è possibile presentare più domande risarcitorie da parte di soggetti diversi in un'unico ricorso?

GIUDIZIO --> DOMANDA --> RISARCITORIA

Sintesi: La realizzazione di un'opera pubblica su un fondo oggetto di legittima occupazione in via di urgenza, non seguita dal perfezionamento della procedura espropriativa, costituisce un mero fatto, non in grado di assurgere a titolo dell'acquisto. Con la domanda di risarcimento del danno il privato intende patrimonializzare il suo diritto alla restituzione di esso, rinunciando ad esso mediante la corresponsione dell'equivalente monetario del bene.

Estratto: «È stato finalmente chiarito che la realizzazione di un'opera pubblica su un fondo oggetto di legittima occupazione in via di urgenza, non seguita dal perfezionamento della procedura espropriativa, costituisce un mero fatto, non in grado d... _OMISSIS_ ...itolo dell'acquisto, ed è, come tale, inidonea, da sé sola, a determinare il trasferimento della proprietà in favore della P.A., in tal senso deponendo la costante giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, che ha affermato la contrarietà alla Convenzione dell'istituto della cosiddetta "espropriazione indiretta" e negato la possibilità di individuare sistemi di acquisizione diversi da quello consensuale del contratto e da quello autoritativo del procedimento ablatorio.A questa conclusione induce altresì l'art. 42 bis D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità), aggiunto dall'art. 34, comma 1, D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito in L. 15 luglio 201... _OMISSIS_ ...a che, anche con riguardo ai fatti anteriori alla sua entrata in vigore, disciplina le modalità attraverso le quali, a fronte di un'utilizzazione senza titolo di un bene per scopi di pubblico interesse, è possibile - con l'esercizio di un potere basato su una valutazione degli interessi in conflitto - pervenire ad un'acquisizione non retroattiva della titolarità del bene al patrimonio indisponibile della P.A., sotto condizione sospensiva del pagamento, al soggetto che perde il diritto di proprietà (così, da ultimo, Cass. 14 gennaio 2013 n. 705).Da quanto precede deriva che il Comune non ha acquistato la proprietà del bene, mentre la R. ha inteso patrimonializzare il suo diritto alla restituzione di esso, rinunciando ad esso mediante la corresponsione dell'equivalente ... _OMISSIS_ ...raquo;

Sintesi: Colui che chiede che la responsabilità dell'ente proprietario della strada sia accertata sotto il profilo dell'insidia, agisce ex art. 2043 c.c. e, di conseguenza, non può pretendere che il giudice possa affermare la responsabilità dell'ente quale custode del bene ex art. 2051 c.c..

Estratto: «1.- La prima, seconda e quinta censura possono esaminarsi congiuntamente.1.1 - Con la prima il ricorrente denuncia la violazione o falsa applicazione di norma di diritto per non avere la Corte di merito applicato l'art. 2051 c.c. in relazione al quale il custode risponde dei danni cagionati dalla cosa se non prova il fortuito; con la seconda l'omessa insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della contro... _OMISSIS_ ...tato dalle parti o rilevabile di ufficio, per non avere la Corte motivato la non applicazione della precitata norma, anche perché l'incidente si era verificato in un tratto di strada comunale limitato e non era stato segnalato il pericolo pur se già cinque giorni prima si erano verificati incidenti; con la quinta deduce la violazione o falsa applicazione di norma di legge per non avere ritenuto la Corte di merito che qualsiasi soggetto pubblico o privato, possessore o detentore di un bene, ne è custode, e che a norma dell'art. 14 C.d.S. gli enti proprietari delle strade ne devono garantire la sicurezza provvedendo alla loro manutenzione e pulizia e al controllo tecnico dell'efficienza, nonché all'apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta, e quindi il Comune dov... _OMISSIS_ ...nsabile a norma dell'art. 2051 c.c., non essendo sufficiente la natura demaniale del bene per escluderne la responsabilità.Le censure sono infondate perché, come si desume anche dalla memoria, in primo grado lo S. aveva chiesto di accertare la responsabilità del Comune sotto il profilo dell'insidia, e cioè ai sensi dell'art. 2043 cod. civ. Ne consegue che il giudice non poteva d'ufficio esaminare il diverso profilo della responsabilità del custode, e quindi le censure di violazione della norma di cui all'art. 2051 cod. civ. sono infondate.»

Sintesi: Va dichiarata inammissibile la domanda risarcitoria soltanto enunciata e, pertanto, genericamente formulata.

Estratto: «6. Va infine dichiarata inammissibile la domanda risarcitoria formu... _OMISSIS_ ...o iscritto al n. 250/2010 R.G. in quanto soltanto enunciata e, pertanto, genericamente formulata (cfr. in tal senso: Cons. Stato, sez. VI, 16 dicembre 2010, n. 9102; T.A.R. Calabria Catanzaro, sez. I, 15 novembre 2010, n. 2691; T.A.R. Puglia Bari, sez. I, 4 ottobre 2010, n. 3525).»

Sintesi: Nel caso di asservimento di fatto di una parte del terreno di proprietà privata e di sottrazione definitiva di altra parte della proprietà del bene, fondata è la domanda di risarcimento del danno.

Estratto: «Fondata è invece la domanda di risarcimento del danno che, nel caso di asservimento di fatto di una parte del terreno di proprietà e di sottrazione definitiva di altra parte della proprietà del bene, corrisponde alla riduzione del valore venal... _OMISSIS_ ...ovuto all’insistenza di fatto di un vincolo limitativo del godimento della proprietà (per la parte soggetta a servitù) e della perdita definitiva dell’esercizio del diritto dominicale (per la parte soggetta a esproprio), a seguito del loro perpetuarsi senza un titolo legittimante.E il Consiag, pertanto, deve essere condannato al pagamento, in favore dei ricorrenti, del risarcimento dei danni per i titoli indicati.Per la quantificazione dell’ammontare di quanto spettate ai ricorrenti stessi, ritiene il Collegio, di dovere fare applicazione dell’art. 34, comma 4, del dcr. lgs 2.7.2010 n. 104 stabilendo i criteri di liquidazione del danno nel seguente modo:in base alla norma contenuta nella legge finanziaria per l'anno 2008, l. 24.12.2007 n. 244, il cui ... _OMISSIS_ ...9, lett. e) così dispone: "All'articolo 55 (del D.Lvo 8.6.2001, n. 327), il comma 1 è sostituito dal seguente: "Nel caso di utilizzazione di un suolo edificabile per scopi di pubblica utilità, in assenza del valido ed efficace provvedimento di esproprio alla data del 30 settembre 1996, il risarcimento del danno è liquidato in misura pari al valore venale del bene."; e tenendo conto che nel caso di specie, appare incontestato che i terreni oggetto del procedimento ablatorio in questione avevano, alla data di inizio del procedimento stesso, destinazione per sede stradale e in misura minore per verde pubblico, il Consiag dovrà proporre ai ricorrenti una somma pari alla diminuzione del valore venale dei terreni assoggettati a servitù di acquedotto e al... _OMISSIS_ ...e venale della porzione del terreno sottratta definitivamente alla disponibilità dei ricorrenti con la realizzazione di opere pertinenziali al pozzo di captazione. Per determinare tale valore, dovrà individuarsi il valore venale, calcolato al mq., del terreno de quo alla data di scadenza del periodo di occupazione legittima. Su tale somma, costituente la sorte capitale di un debito di valore, andranno altresì corrisposti – come espressamente chiesto nel ricorso - la rivalutazione m...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 21129 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo