Le concessioni marittime non turistico-ricreative

Gli usi del demanio marittimo Ad una lettura, anche sommaria, del complesso delle norme analizzate, non può sfuggire che l’attenzione del legislatore si sia focalizzata soprattutto sul regime concessorio di un singolo aspetto del più ampio settore delle varie attività cui possono essere adibiti i beni demaniali marittimi.

Da quanto si evince, si potrebbe essere indotti a pensare che l’utilizzazione del litorale nazionale per finalità turistico-ricreative (e, in modo particolare, balneari) sia, se non esclusiva, almeno preminente rispetto a tutte le altre possibili destinazioni.

Non è illogico pensare si tratti di una vera e propria inversione di tendenza, rispetto al passato, che tende all’attribuzione di un ruolo di secondo p... _OMISSIS_ ... usi enumerati – per la prima volta, anche se in via non esaustiva – dall’articolo 01, comma 1, del D.L. n. 400/1993 [66], convertito con modificazioni dalla legge n. 494/1993, e soprattutto a tutti quelli da sempre storicamente intesi come peculiari per il soddisfacimento dei pubblici usi del mare [67].

Come si è visto, infatti, l’impianto codicistico non prevede alcuna gerarchia precostituita tra le varie destinazioni possibili, ma subordina al ponderato apprezzamento dell’autorità concedente sia l’opportunità di sottrarre il bene al pubblico godimento, sia la funzionalità ritenuta più consona a rispondere agli interessi collettivi.

Nelle «Istruzioni per l’amministrazione del demanio pubblico mar... _OMISSIS_ ...68], il Dicastero delle Comunicazioni affermava che «l’azione dello Stato nei riguardi dei beni di demanio pubblico marittimo ha carattere, preminentemente d’imperio, mirando essa alla tutela degli interessi inerenti al traffico ed alle industrie marittime, alla sicurezza dei naviganti, al salvataggio dei naufraghi, alla difesa delle coste ed alla sorveglianza del litorale, e cioè agli interessi di carattere pubblico e collettivo».

In proposito, le concessioni «ordinarie» venivano suddivise in una scala, graduata in base agli interessi marittimi, composta da tre categorie fondamentali:


a) concessioni per impianto ed esercizio di opere destinate all’incremento del traffico marittimo;

... _OMISSIS_ ...one per impianto e gestione di opere destinate ad usi di interesse privato e di carattere non marittimo, o di scarso interesse marittimo;

c) concessioni per impianto ed esercizio di opere destinate ad usi estranei alle industrie ed al traffico marittimo.


Stabilimenti balneari, uffici, chalets trovavano pertanto collocazione unicamente nella seconda e terza categoria.

Il Dicastero ribadiva poi il concetto spiegando che «nel caso di concorrenza di più domande, si deve sempre dare la precedenza a quelle che mirino alla utilizzazione del bene richiesto per scopi attinenti ai traffici ed alle industrie marittime, tenuto appunto conto dei bisogni e degli interessi locali».

Soltanto nel 1976 [69... _OMISSIS_ ...azione centrale riconosceva che le iniziative svolgentisi «esclusivamente sul demanio marittimo o che in tali beni trovano la loro necessaria integrazione si sono andate costantemente accentuando per motivi connessi, da un lato alla crescente industrializzazione e, dall’altro, al notevole sviluppo assunto dal turismo», cosicché «i pubblici usi del demanio, nell’attuale fase di sviluppo, sfuggono ad una precisa catalogazione e sono determinati dai concreti interessi che la collettività (i singoli cittadini, le formazioni sociali, lo Stato) esprime in un dato momento storico nei confronti di questi beni e del mare».


Il turismo e le altre destinazioni In conformità con la delineata interpretazione dinamica, pertanto, s... _OMISSIS_ ... emergere che l’interesse prevalente collettivo si rifletta sul turismo [70], con conseguente necessità di una minore tutela per la salvaguardia dell’assetto delle concessioni vigenti non direttamente connesse a tale settore, come implicitamente confermato dalla fissazione di un termine di proroga, per queste ultime, limitato al 31 dicembre 2012 (anziché al 2020).

Secondo una differente prospettiva, si potrebbe, invece, ritenere che il legislatore non abbia valutato necessario intervenire in modo particolarmente significativo su tali rapporti considerandoli estranei all’ambito applicativo dei puntuali precetti della direttiva Bolkestein.

I dati certi sono che le norme emanate a seguito della contestazione della Commissione euro... _OMISSIS_ ...ntrodotto esplicite differenziazioni tra le procedure di rilascio delle varie tipologie di utilizzazione dei beni del demanio marittimo e che la parziale abrogazione dell’articolo 37 del codice della navigazione opera indistintamente nei confronti del rinnovo di tutti i titoli.

In definitiva, si appalesano possibili due interpretazioni: o le concessioni non turistico-ricreative costituiscono fattispecie non comunitariamente contemplata oppure la salvaguardia della prosecuzione delle attività in essere in tali concessioni è reputata secondaria.

La seconda ipotesi appare gravata da incongruenza ed iniquità talmente palesi da essere esclusa a priori e fa, piuttosto, supporre che il legislatore, nella fretta di fornire risposta ai rilievi for... _OMISSIS_ ...re la comminazione di sanzioni, abbia involontariamente omesso di valutare in modo compiuto tutte le implicazioni connesse alle espressioni lessicali utilizzate.

Risulta quasi impossibile pensare che lo Stato, in un periodo di recessione economica generalizzata, abbia scientemente scelto di sfavorire comparti, come quello industriale e cantieristico, di sicuro interesse per il Paese (e che, per converso, sotto altri profili, sono ritenuti meritevoli di sovvenzioni, sgravi ed interventi di sostegno).

Si pensi, a mero titolo di esempio, ad un cantiere navale: si tratta di un esercizio che richiede la presenza di cospicue maestranze dipendenti, che presuppone lavorazioni ben difficilmente pianificabili (prima del rilascio della concessione) e concl... _OMISSIS_ ...rmine prestabilito (della concessione), che implica costanti investimenti in termini di know how e di innovazione degli impianti, che necessita l’acquisizione di commesse con congruo anticipo (e magari sono state ottenute in vigenza del precedente regime [71]), che – forse – riceve o ha ricevuto contributi pubblici oppure ha avuto accesso alla cassa integrazione guadagni.

Un’azienda del tipo descritto, che in precedenza poteva contare sulla relativa tranquillità derivante dalla previsione di un «diritto di insistenza», si troverebbe ora in una fase di assoluta incertezza che, oltre a collidere con le normali esigenze di programmazione delle attività, mette a repentaglio il posto di lavoro dei dipendenti e la sopravvivenza de... _OMISSIS_ ...a stessa (nonché quella di numerose altre strettamente collegate alla filiera).

Ne conseguirebbe l’inaccettabile paradosso di...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13641 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo