Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Declaratoria di inagibilità

TITOLO EDILIZIO --> AGIBILITÀ E ABITABILITÀ --> DECLARATORIA DI INAGIBILITÀ

Il rilascio del certificato di agibilità non impedisce l'esercizio del potere di dichiarare l’inagibilità di un edificio o di parte di esso ai sensi dell'articolo 222 del regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265 e ciò è tanto più vero nel caso in cui la precedente declaratoria di agibilità sia stata rilasciata sulla base delle sole dichiarazioni ed accertamenti tecnici prodotti dal privato, senza alcuna relazione dell’azienda sanitaria successivamente investita della questione.

Alla declaratoria di inagibilità non si può opporre l'affidamento indotto dalla precedente agibilità, venendo in rilievo la tutela della salute, rispetto alla quale gli altri interessi individuali che l’interessato potrebbe far valere assumono caratter... _OMISSIS_ ...cessivo.

Nonostante la sussistenza del certificato di agibilità ex art. 24 del d.p.r. 380/2001, l’autorità può esercitare la potestà inibitoria se è riscontrata l’inagibilità dei locali, ma ciò non comporta che, qualora non risulti rilasciato il certificato, per adottare una misura inibitoria si debba rilevare l’inagibilità dei locali.

La competenza alla dichiarazione di inagibilità spetta al sindaco in applicazione dell’art. 222 del r.d. 1265/1934 e dell’art. 50 del d.lgs. 267/2000, non sussistendo alcun contrasto tra questa normativa e il d.P.R. 380/2001, il quale anzi, prevede espressamente all'art. 26 che il rilascio della relativa certificazione non impedisce l'esercizio del potere di dichiarazione di inagibilità ai sensi dell'art. 222 R.D. n. 1265/1934.

Ai sensi dell’art. 4 D.P.R. 425/1994, deco... _OMISSIS_ ...iorni dalla presentazione della domanda, l’abitabilità si intende attestata, salvo la facoltà della P.A. di disporre l’ispezione per verificare la sussistenza dei requisiti richiesti per l’abitabilità nei successivi centottanta giorni nonché di dichiarare l’inabitabilità della costruzione qualora risulti accertata l’assenza dei detti requisiti; pertanto, l’accertamento da parte della P.A. dell’insussistenza o del venir meno dei requisiti in capo al richiedente allo spirare del termine perentorio, implica la cessazione degli effetti provvisoriamente prodotti dall’autorizzazione implicita con efficacia ex tunc.

L’art. 26 del T.U.E.D., secondo cui il rilascio del certificato di agibilità non impedisce l’esercizio del potere dell’Amministrazione di dichiarazione di inagibilità, è manifestamente diretta all’ipotes... _OMISSIS_ ...e si verifichi il venir meno dei requisiti igienico sanitari previsti dall’art. 222 r.d. 27 luglio 1934, n. 1265: si tratta dunque di una norma di ordine pubblico che non ha rilievo procedimentale, ma carattere sostanziale, essendo finalizzata alla successiva tutela degli interessi generali alla sicurezza ed alla salubrità degli immobili.

È illegittima la dichiarazione di inagibilità emessa senza alcun previo accertamento tecnico circa la concreta salubrità dei locali e basata sulla semplice irregolarità edilizia dell'immobile, senza alcuna motivazione con riferimento alle esigenze igienico-sanitarie: invero, non può ritenersi che la mancanza del titolo edilizio implichi automaticamente la violazione delle norme tecniche in materia di salubrità, ben potendosi configurare opere abusive che però risultino assolutamente agibili sotto il profilo igienico-sanitario.

_OMISSIS_ ...atoria di inagibilità può essere effettuata in ogni tempo e non costituisce manifestazione di autotutela amministrativa, ma soltanto attestazione della insussistenza originaria o sopravvenuta dei requisiti tecnici necessari per dichiarare agibile un edificio.

Qualora manchino i presupposti per l'agibilità e sia decorso il termine di cui all'art. 26, co. 3, D.P.R. 380/2001, il provvedimento che dichiari l'inagibilità non è illegittimo, in quanto la mancanza di tali presupposti comporta che non si sia formato tacitamente alcun provvedimento di assenso.

Qualora, nel corso di una corrispondenza tra la P.A. e il richiedente il titolo abilitativo, la prima si sia mostrata disponibile al rilascio di un certificato di agibilità parziale, è illegittima la declaratoria di inagibilità per tutto l'edificio che non motivi in ordine alla possibilità di rilasciare un'agibilit... _OMISSIS_ ... dell'edificio.
L'articolo riportato è un brano dimostrativo tratto dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e immediatamente scaricabile con pochi click.
OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO 6201 pagine in formato A4

50,00 €