Necessità di procedura di gara pubblica competitiva nella concessione di beni demaniali

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> NECESSITÀ DI EVIDENZA PUBBLICA

Ai sensi del D.P.R. 13 settembre 2005 n. 296, le concessioni e le locazioni dei beni demaniali possono essere assegnate solo in esito ad una procedura di gara pubblica, mentre il ricorso alla trattativa privata resta una modalità di carattere eccezionale e, perciò, residuale, comprimendo il principio della concorrenza e della più ampia partecipazione alla gara che costituiscono corollari non solo dei generali principi costituzionali di buon andamento e di imparzialità, che presiedono all’esercizio dell’attività amministrativa, ma anche dei principi comunitari di concorrenza e di libera circolazione dei beni e dei servizi.
... _OMISSIS_ ...u tutte le amministrazioni pubbliche, in generale, grava l’obbligo di attivare procedure competitive ogni qualvolta si debbano assegnare beni pubblici suscettibili di sfruttamento economico. Infatti, la mancanza di tale procedura introduce una barriera all’ingresso al mercato, determinando una lesione alla parità di trattamento, al principio di non discriminazione ed alla trasparenza tra gli operatori economici, in violazione dei principî comunitari di concorrenza e di libertà di stabilimento.

Per l’affidamento di concessioni demaniali comunali non può quindi prescindersi dalla previa pubblicazione di un bando di gara ad evidenza pubblica, come prescritto dalla prevalente normativa comunitaria, oltre che dalla sentenza della Corte Costi... _OMISSIS_ .../2017.

Un’ormai consolidato orientamento giurisprudenziale, che trae origine dai principi di concorrenzialità di derivazione eurounitaria, impone che le concessioni demaniali, in quanto concernenti beni economicamente contendibili, siano affidate mediante procedura di gara.

Anche alla luce delle più recenti direttive UE in materia, per il rilascio delle concessioni demaniali devono trovare applicazione i principi generali di non discriminazione, parità di trattamento, trasparenza, mutuo riconoscimento e proporzionalità, con il conseguente obbligo di utilizzare procedure ad evidenza pubblica.

Per principio generale, i beni demaniali passibili di più domande concorrenti devono essere assegnati avendo riguardo al criterio della... _OMISSIS_ ...tilizzazione e al criterio della massimizzazione dell'interesse pubblico: massimizzazione che solo la messa in competizione può assicurare in modo adeguato.

Dalla qualificazione di una società come organismo di diritto pubblico ai sensi dell’art. 3, comma 26, del d. lgs. n. 163 del 2006 (vigente “ratione temporis”) discende l’obbligo di osservare la normativa comunitaria e di rispettare i procedimenti di evidenza pubblica previsti dalla normativa statale o regionale (nello specifico, la disposizione di cui all’art. 3, comma 3, della l. r. Liguira n. 22 del 2002, che àncora il riutilizzo delle aree liberate dalle lavorazioni siderurgiche a una previa procedura di evidenza pubblica).

Sia dal Codice della navigazione c... _OMISSIS_ ...one dei principi Europei si deve ritenere che non si possa prescindere dall'assoggettamento delle pubbliche Amministrazioni all'obbligo di esperire procedure ad evidenza pubblica ai fini della individuazione del soggetto contraente anche in materia di concessioni di beni pubblici.

In seguito alla revoca delle concessione demaniale, non compete al precedente concessionario una posizione differenziata ad ottenere una concessione del bene ai fini commerciali.

L’Amministrazione contravviene ai principi di derivazione comunitaria, che impongono che il rilascio di concessione amministrativa sia preceduto da idonea procedura selettiva fra gli operatori interessati, allorquando concede a sé stessa l’uso del bene demaniale sia pure per un sol... _OMISSIS_ ...tivare alcuna procedura conforme alle regole di evidenza pubblica.

Lo spazio acqueo occupato da un barcone costituisce un bene demaniale economicamente contendibile, il quale può essere dato in concessione ai privati, a scopi imprenditoriali, solo all’esito di una procedura comparativa ad evidenza pubblica.

I principi in materia di libera circolazione dei servizi, di par condicio, d’imparzialità e di trasparenza, si applicano anche a materie diverse dagli appalti, essendo sufficiente che si tratti di attività suscettibile di apprezzamento in termini economici. Pertanto, i detti principi sono applicabili anche alle concessioni di beni pubblici, atteso che la sottoposizione ai principi di evidenza trova il suo presupposto sufficiente n... _OMISSIS_ ...a che con la concessione di area demaniale marittima si fornisce un’occasione di guadagno a soggetti operanti sul mercato.

Nell’affidamento in concessione di aree ordinariamente destinate all’uso pubblico ma suscettibili di un utilizzo singolare con finalità economiche, la tipica modalità di affidamento è quella competitiva, e qualunque forma di protrazione dell’occupazione rappresenta una deroga – tendenzialmente illegittima – al principio liberoconcorrenziale dell’affidamento tramite procedura competitiva ad evidenza pubblica.

L’affidamento di un bene o di un servizio pubblico in concessione ad un determinato soggetto richiede il previo espletamento di una procedura comparativa.

In... _OMISSIS_ ...egnazione di aree aeroportuali per attività commerciali, muovendosi dalla qualificazione della fattispecie in termini di concessione di bene pubblico (stante la natura demaniale del sedime), va riconosciuta la sussistenza dell’obbligo di attivazione di una procedura competitiva, pena l’introduzione di una barriera all’ingresso al mercato e la conseguente lesione dei principi di parità di trattamento, non discriminazione e trasparenza.

Nei casi in cui il numero delle domande di autorizzazioni disponibili per una determinata attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche è necessario adottare una procedura di selezione tra diversi candidati potenziali.

A mente dell'art. 12 della dire... _OMISSIS_ ...olkestein 2006/123/CE, la concessione di aree demaniali (nella specie, lo spazio acqueo occupato con un barcone saldamente ancorato alla riva) è subordinata al rispetto della normativa vigente in tema di evidenza pubblica.

La concessione per lo sfruttamento di un bene demaniale assegnato e utilizzato per la produzione di beni e servizi di rilevanza economica è soggetta alla necessità di prevederne l’attribuzione mediante procedure concorsuali trasparenti e non discriminatorie, che non solo garantiscono la parità di trattamento dei concorrenti nonché la libertà di stabilimento, ma che anche comportano il più conveniente impiego delle risorse pubbliche disponibili.

Il rinnovo delle concessioni demaniali senza l’espletamento di una sele... _OMISSIS_ ...va tra tutti gli interessati si palesa in contrasto con la normativa comunitaria in quanto consente la reiterazione di affidamenti diretti al preesistente concessionario.

Il rilascio di una concessione su area demaniale richiede l’esperimento di una gara ad evidenza pubblica dal momento che l’amministrazione deve consentire a tutti i soggetti interessati di poter ottenere il bene agognato.

Le ipotesi derogatorie all'obbligatorietà della pubblica gara come mezzo ordinario per l&rsq...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 36192 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo