Forme di gestione e modalità di affidamento del servizio idrico integrato

DEMANIO E PATRIMONIO --> ACQUE --> SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

Pur dopo l’abrogazione, con il referendum del 12 e 13 giungo 2011 (il cui esito è stato proclamato dal d.P.R. 18 luglio 2011, n. 116, con effetto a decorrere dal 21 luglio 2011), del criterio tariffario costituito dall’«adeguatezza della remunerazione del capitale investito», ossia dall’utile d’impresa, il SII, alla luce della disciplina nazionale e europea, continua a rientrare nel novero dei servizi pubblici a rilevanza economica.

Il servizio idrico integrato è un servizio pubblico locale a rilevanza economica, in relazione al quale spetta alla competenza esclusiva dello Stato in materia di tutela della concorrenza e dell’ambiente stabi... _OMISSIS_ ...rme di gestione, sia le modalità di affidamento al soggetto gestore, sia il procedimento di determinazione della tariffa.

Il servizio idrico integrato è soggetto a una disciplina speciale che esclude la possibilità di applicare alle relative infrastrutture la disciplina generale prevista in materia di uso delle strade e il canone previsto dall'articolo 27 d.lgs. n. 285 del 1992.

Il gestore del servizio idrico uscente non ha un diritto di ritenzione degli impianti fino alla soluzione dell’eventuale contenzioso sul valore di indennizzo.

L’unica aspettativa tutelabile per il gestore del servizio idrico uscente è il rinvio della consegna degli impianti per il periodo ragionevolmente necessario a definire, mediante trattati... _OMISSIS_ ...amministrazione e il nuovo gestore, l’entità dell’indennizzo.

Le attività di controllo e di analisi delle acque potabili sono riservate in via esclusiva al gestore del servizio idrico integrato e non vi è spazio per un loro affidamento, ancorché mediante procedura concorsuale, a soggetti privati.

La consegna di beni, impianti ed opere pertinenti al Servizio Idrico Integrato non può prescindere dall'attività di ricognizione delle opere di captazione, adduzione, distribuzione, fognatura e depurazione presenti nel territorio comunale, di indubbia natura pubblicistica, di modo che la medesima consegna non rappresenti una mera attività materiale, ma si esplichi attraverso provvedimenti amministrativi, avvenendo essa mediante l'affidamento... _OMISSIS_ ... di opere, beni ed impianti pertinenti il S.I.I.

Il servizio idrico integrato investe l’insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue.

I cardini della disciplina del servizio idrico integrato sono due: a) una visione unitaria della risorsa idrica, per la quale viene delineato un ciclo completo, che si diparte dalla fase della captazione, dell’emungimento per giungere alla depurazione, attraverso la fase intermedia del’adduzione; b) il superamento della polverizzazione territoriale che contrassegnava le pregresse gestioni, per lo più condotte in amministrazione diretta o economia dai vari enti locali.

La decisione circ... _OMISSIS_ ...toria più opportuna mediante la quale provvedere all’erogazione del servizio idrico integrato spetta unicamente all'Autorità d'ambito e nessuno dei comuni ricompresi nell'A.T.O. può sottrarvisi: di conseguenza, è illegittimo il recesso di un Comune dalla convenzione istitutiva dell'Autorità d'Ambito, salvo che tale diritto non sia stabilito dalla stessa convenzione.

È illegittima l'ordinanza che, in caso di rottura di una tubazione sottomarina non ancora passata in gestione all'affidatario del servizio idrico integrato, impone a quest'ultimo soggetto l'apposizione di segnali di divieto di balneazione.

Le competenze comunali in ordine al servizio idrico sia per ragioni storico-normative sia per l'evidente essenzialità di questo alla vita as... _OMISSIS_ ...omunità stabilite nei territori comunali devono essere considerate quali funzioni fondamentali degli enti locali.

L’art. 153, co. 1, d. lgs. 152/2006 che stabilisce il principio della gratuità della concessione in uso al gestore del servizio idrico delle infrastrutture strumentali, non trova applicazione ai rapporti concessori già in essere alla data della sua entrata in vigore ma solo a quelli nuovi o rinnovati, poiché definisce il contenuto obbligatorio della convenzione e del disciplinare di affidamento e pertanto è invocabile solo allorché la norma de qua sia già entrata in vigore al momento che le parti si trovino a dover definire le clausole e le condizioni della convenzione di affidamento della gestione del servizio idrico integrato.

... _OMISSIS_ ... provvedimenti che sostanzialmente impediscono l'approvvigionamento dell'acqua può giustificarsi solo in presenza di ragioni di interesse pubblico superiori.

È illegittima l'ordinanza contingibile ed urgente che ordina all'A.T.O. di provvedere all’esecuzione di lavori di allacciamento con conseguente attivazione della fornitura idrica a tutti gli utenti che ne abbiano fatto richiesta, qualora la P.A. non richiami l'effettiva esigenza di fronteggiare un’emergenza sanitaria o comunque un pericolo imminente per la pubblica incolumità non altrimenti fronteggiabile, tenuto conto anche che l'opera di cui si è ordinata la realizzazione non ha carattere provvisorio.

Lo Stato, nel disciplinare il servizio idrico integrato, ha fatto ricorso al... _OMISSIS_ ...legislativa esclusiva nelle seguenti materie: funzioni fondamentali degli enti locali, concorrenza, tutela dell'ambiente, determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni. Deve pertanto parlarsi di un concorso di competenze statali, che vengono esercitate su oggetti diversi, ma per il perseguimento di un unico obiettivo, quello dell'organizzazione del servizio idrico integrato.

Nel quadro dettato dal d. lgs. 152/2006, non può essere riconosciuto ad alcun Comune il potere di autodeterminarsi sull’organizzazione e sulla gestione del servizio idrico integrato, in quanto ogni decisione in tal senso deve avvenire all’interno dell’Autorità d’ambito e secondo le sue regole di funzionamento: in buona sostanza le determinazioni dell&rsquo... _OMISSIS_ ...ono portata vincolante sull’intero territorio provinciale in virtù di una precisa scelta legislativa.

Gli acquedotti, le fognature, gli impianti di depurazione idrica e le altre infrastrutture idriche di proprietà pubblica che devono essere oggetto di affidamento ai sensi dell'art. 153, co. 1, d. lgs. 152/2006 non ricomprendono anche i beni che appartengano a soggetti privati affidatari di un servizio pubblico oppure partecipati, in misura anche totalitaria, da un soggetto pubblico.

La realizzazione delle opere di allaccio alla fognatura non costituisce esplicazione del servizio idrico integrato, pertanto le norme del d. lgs. 152/2006 non rilevano ai fini di stabilire quale sia l'Ente titolare del diritto di percepire il contributo relativ... _OMISSIS_ ...accio fognario, dovendosi invece verificare in concreto chi abbia materialmente eseguto i lavori.

Il sistema normativo nel suo complesso individua come unica possibile forma di gestione del servizio idrico integrato il modulo organizzatorio individuato nell’autorità d’ambito territoriale, a cui spetta l'individuazione del soggetto a cui assegnare la gestione del ciclo completo delle acque: pertanto i Comuni che facciano parte dell'ambito territoriale ottimale non possono adottare scelte organizz...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 27686 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo