Superamento dell'istituto dell'occupazione acquisitiva a seguito dell'elaborazione giurisprudenziale della CEDU

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELL'UOMO

Se il nostro ordinamento, in materia di espropriazione, si ispira ad un principio di legalità in senso formale, la CEDU, invece, concepisce il principio di legalità in senso sostanziale, ritenendo, dunque: a) non necessaria una legge formale, ma all’uopo sufficiente anche una regola di matrice giurisprudenziale (come accade nei Paesi di Common Law); b) non rilevante la forma ma la sostanza, dovendo anche la regola di matrice pretoria prevedere che la perdita della proprietà sia conseguenza del legittimo esercizio di un potere espropriativo sancito dall’emanazione di un atto all’esito di un giusto procedimento nell’ambito del q... _OMISSIS_ ...teressato abbia potuto difendere i propri interessi (c.d. legalità procedurale); c) necessario che la legge preveda i presupposti, le finalità e le procedure di espropriazione, oltre al pagamento di un indennizzo adeguato al valore del bene espropriato con una maggiorazione per il danno non patrimoniale. È, quindi, in contrasto con i principi della CEDU qualsivoglia “espropriazione indiretta”, ossia contraddistinta, non da un giusto procedimento regolato da una legge chiara che preveda (tra l’altro anche) la corresponsione di un indennizzo adeguato, ma da una condotta illecita, le cui conseguenze, anche materiali, siano legittimate da un successivo provvedimento di sanatoria con efficacia retroattiva.

Il superamento dell'istituto dell'occupaz... _OMISSIS_ ...a è stato fatto proprio anche dalla Corte di Cassazione, cui è dovuta l'elaborazione giurisprudenziale dello stesso istituto, che nella sentenza 28 gennaio 2013 n. 1804 ha richiamato le pronunce con la quale la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) ha censurato le forme di "espropriazione indiretta", configurandole come illecito permanente perpetrato nei confronti di un diritto fondamentale dell'uomo, garantito dall'art. 1 del Protocollo addizionale n. 11 alla Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali e sottolineando che mai l'acquisizione del diritto di proprietà possa conseguire a un illecito.

Va escluso che si sia determinato un acquisto a titolo originario delle aree da parte dell’Ammini... _OMISSIS_ ...ffetto della radicale e definitiva trasformazione del suolo, conseguente alla sua occupazione e alla realizzazione dell’opera pubblica, ostando a tale conclusione il primo protocollo addizionale della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, recepiti dall’ordinamento interno, secondo la quale il requisito della legalità non permette all'amministrazione di occupare un terreno e di trasformarlo irreversibilmente, di tal maniera da considerarlo acquisito al patrimonio pubblico, senza un provvedimento formale che dichiari il trasferimento di proprietà.

Secondo la costante giurisprudenza amministrativa e civile, successiva agli arresti della Corte Europea dei diritti dell’uomo (ex mul... _OMISSIS_ ...2000, Belvedere Alberghiera s.r.l. c. Italia; 12 gennaio 2006, Sciarrotta c. Italia), la P.A. non può divenire proprietaria del suolo sulla base di un atto illecito (quale è la realizzazione dell'opera pubblica in assenza di un valido titolo ablativo) e nessun acquisto della proprietà di un'area può esservi in assenza di un legittimo atto ablatorio.

I meccanismi elaborati dalla giurisprudenza in materia di occupazione acquisitiva ed usurpativa per porre riparo alle conseguenze dell’illecito commesso dall’amministrazione, sono stati censurati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo che, con sentenza 30 maggio 2002 (in causa Carbonara-Ventura contro Italia), ha affermato che l’evoluzione giurisprudenziale “potrebbe condurre ad un ... _OMISSIS_ ...vedibile e arbitrario e privare gli interessati di una protezione efficace dei loro diritti e, di conseguenza, sarebbe incompatibile con il principio di legalità”.

La Corte Europea dei diritti dell’uomo ha censurato le forme di cd. “espropriazione indiretta” elaborate nell’ordinamento italiano, ed in particolare in sede giurisprudenziale (come nell’ipotesi di cd. occupazione acquisitiva), affermando – in controversie instaurate contro lo Stato Italiano – che: l’acquisizione del diritto di proprietà non può mai conseguire a un illecito e che l’esistenza in quanto tale di una base legale non basta a soddisfare il principio di legalità”, non potendo l’espropriazione indiretta comunque costit... _OMISSIS_ ...lternativa ad una espropriazione “in buona e dovuta forma”.

Deve escludersi la possibilità di una condanna puramente risarcitoria a carico dell’amministrazione, poiché una tale pronuncia postula l’avvenuto trasferimento della proprietà del bene, per fatto illecito, dalla sfera giuridica del ricorrente, originario proprietario, a quella della P.A. che se ne è illecitamente impossessata; esito, questo (comunque sia ricostruito in diritto: rinuncia abdicativa implicita nella domanda solo risarcitoria, ovvero accessione invertita), vietato dal primo protocollo addizionale della convenzione Europea dei diritti dell’uomo e dalla giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo.

Nel superamento dell'istituto... _OMISSIS_ ...one acquisitiva un ruolo fondamentale hanno avuto la “Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali” e la giurisprudenza della Corte di Strasburgo, secondo la quale, indipendentemente dalla natura della occupazione (appropriativa o usurpativa), un comportamento contra legem (illegittimo o, addirittura, illecito), non può costituire il presupposto per l’acquisto di un diritto e la realizzazione dell’opera pubblica non costituisce impedimento alla restituzione dell’area illegittimamente occupata (Corte di Strasburgo, 30 maggio 2000 n. 31524/96).

Nel superamento dell’istituto della c.d. “acquisizione sanante”, un ruolo fondamentale hanno avuto la “Convenzione ... _OMISSIS_ ...salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali” e la giurisprudenza della Corte di Strasburgo, secondo la quale, indipendentemente dalla natura della occupazione (appropriativa o usurpativa), un comportamento contra legem (illegittimo o, addirittura, illecito) non può costituire il presupposto per l’acquisto di un diritto e la realizzazione dell’opera pubblica non costituisce impedimento alla restituzione dell’area illegittimamente occupata (Corte di Strasburgo, 30 maggio 2000 n. 31524/96).

E da ritenersi definitivamente espunto dall’ordinamento giuridico l’istituto dell’occupazione acquisitiva, di origine giurisprudenziale, secondo il quale si ipotizzava in caso di irreversibile trasformazione u... _OMISSIS_ ...tolo originario della proprietà del fondo in capo all’Amministrazione occupante. La C.E.D.U., già nel 2000, ha, infatti, affermato che l'acquisto della proprietà per effetto di attività illecita viola l'art. 1 del Protocollo aggiuntivo della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo. L'ordinamento giuridico non consente, pertanto, che un’Amministrazione pubblica, mediante un atto illecito o in assenza di un atto ablatorio, acquisti a titolo originario la proprietà di un'area altrui sulla quale sia stata realizzata un'opera pubblica o d&rsq...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 37324 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo