Richiesta alla p.a. del risarcimento per equivalente nel caso di occupazione illegittima

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE

La domanda risarcitoria (e la conseguente condanna adottata in sede giurisdizionale), difetta dei suoi presupposti originari nell'eventualità che l'Amministrazione adotti sua sponte l'autonomo potere ablatorio codificato dall'art. 42 bis DPR n. 327/2001, in quanto: a) per un verso, la legalità dell'azione amministrativa viene, in certo modo, "recuperata" dalla creazione di un (nuovo ed autonomo) titulus adquirendi di natura provvedimentale, b) per altro verso, si garantisce al privato una tutela piena e satisfattiva (in prospettiva dichiara... _OMISSIS_ ...taria, piuttosto che risarcitoria) al conseguimento dell'integrale valore del bene (per giunta maggiorato del pregiudizio non patrimoniale forfetizzato).

L’incidenza del procedimento di acquisizione sanante sulla statuizione giurisdizionale del risarcimento del danno da occupazione usurpativa non è revocabile in dubbio, poiché l’art. 42 bis TU non prevede alcun limite temporale di applicazione, essendo valevole anche in relazione “ai fatti anteriori alla sua entrata in vigore ed anche se vi è già stato un provvedimento di acquisizione successivamente ritirato o annullato” (comma 8). Inoltre i criteri di determinazione delle spettanze economiche da corrispondere al proprietario dell’area interessata divergono sensibilmente rispett... _OMISSIS_ ...ci risarcitori (cfr. in particolare, nel caso di specie, il comma 5 per il caso di utilizzazione per finalità di edilizia residenziale pubblica, agevolata o convenzionata).

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE --> CONDIZIONI --> PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO --> CONDANNA

Il Giudice amministrativo, nell'esercizio dei suoi poteri equitativi e nella logica di valorizzare la “ratio” del nuovo istituto di cui all’art. 42 bis T.U. n. 327/01, volto ad impedire che l'espropriazione per pubblica utilità della proprietà privata si trasformi in un danno ingius... _OMISSIS_ ...dino, può accogliere la domanda risarcitoria derivante dall'occupazione “sine titulo” di un bene privato per scopi di interesse pubblico, oggetto di trasformazione irreversibile, subordinandone gli effetti all'emissione di un formale provvedimento acquisitivo ex art. 42 bis cit. In assenza di un contratto, per il quale è necessaria la previa acquisizione del consenso delle parti, o di un provvedimento che dia luogo a riedizione del procedimento espropriativo, con tutte le sue garanzie, è dunque consentito ordinare di dare luogo al procedimento di sanatoria di cui all'art. 42 bis DPR 327/2001.

In ipotesi d'illegittimità dell'intero procedimento e di sopravvenuta irreversibile trasformazione del bene, la domanda risarcitoria dei proprietari, ove l'... _OMISSIS_ ... non si determini alla restituzione del bene, o alla stipula di un atto negoziale di cessione, può e deve essere accolta con la mera declaratoria dell'obbligo dell'Amministrazione medesima di adottare un formale provvedimento acquisitivo da emanarsi ai sensi dell'art. 42 bis DPR 327/2001.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE --> CONDIZIONI --> PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO --> DISCREZIONALITÀ

Riconoscendo l'art. 42-bis DPR 327/2001 alla Pubblica Amministrazione di procedere all’acquisizione dell’area su cui insiste l’opera pubblica realizzata senza ... _OMISSIS_ ...o di esproprio, non può essere accolta la domanda, proposta in via principale da parte ricorrente, volta ad ottenere il risarcimento del danno subito e articolata sull’assunto della impossibilità di restituzione della stessa. Trattasi, difatti, di valutazione – in ordine all’an dell’acquisizione o meno dell’area – che spetta esclusivamente all’Amministrazione, nell’esercizio dei propri poteri discrezionali.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE --> CONDIZIONI --> PROVVEDIMENTO ACQUISITIVO --> NECESSITÀ

Anche a fronte... _OMISSIS_ ...nuta irreversibile trasformazione del suolo per effetto della realizzazione di un’opera pubblica, deve escludersi la possibilità di una condanna puramente risarcitoria a carico dell’amministrazione, poiché una tale pronuncia postula l’avvenuto trasferimento della proprietà del bene; donde la necessità, in ogni caso, di un passaggio intermedio, finalizzato all’acquisto della proprietà del bene da parte dell’ente espropriante. Tale passaggio, secondo la legislazione vigente, è costituito dall’art. 42-bis del T.U. 8 giugno 2001 n. 327.

In ipotesi di occupazione illegittima, gli interessati devono chiedere la restituzione dei terreni di cui è causa previa remissione in pristino dello stato dei luoghi oppure l’emanazione de... _OMISSIS_ ... di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR n. 327/2001, impugnando l’eventuale silenzio dell’Amministrazione ai sensi degli artt. 31, commi 1, 2 e 3, e 117 Cod. Proc. Amm.. Inammissibile, viceversa, la domanda volta ad ottenere la condanna dell'Amministrazione stessa al pagamento del valore venale degli immobili occupati.

E' l'Amministrazione a poter emanare il il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42 bis DPR n. 327/2001. Il giudice adito non può statuire direttamente il trasferimento all'Amministrazione della proprietà dei terreni occupati e, conseguentemente, deve dichiarare inammissibile la domanda volta ad ottenere la condanna dell'Amministrazione stessa al pagamento del valore venale degli immobili in questione.

E' d... _OMISSIS_ ...ai espunta dall’ordinamento l’occupazione acquisitiva; ne consegue che l’occupazione illegittima non implica la perdita della proprietà e i privati non possono quindi agire per il risarcimento del danno, permanendo la proprietà in capo ai medesimi. Il proprietario può agire per la restituzione del bene e per la condanna dell’amministrazione al risarcimento del danno derivante dall’illegittima occupazione fino a che non sia acquisita la proprietà mediante contratto o ricorrendo all’acquisizione sanante ex art. 42- bis, d.P.R. 8 giugno 2001 n. 327.

La constatazione della permanenza della proprietà in capo agli originari proprietari in uno all’accoglimento della domanda restitutoria fa sì che non vi sia mai stata a... _OMISSIS_ ...erdita della proprietà e quindi esclude concettualmente la risarcibilità del danno da perdita della proprietà. Unicamente nel caso in cui l’Amministrazione adotti il provvedimento di esproprio in sanatoria di cui all’art. 42 bis DPR 327/2001 la stessa P.A. si dovrà preoccupare di liquidare il danno da perdita della proprietà nella misura determinata dal comma 3 della disposizione (i.e. valore venale del bene utilizzato per scopi di pubblica utilità).

Una condanna puramente risarcitoria a carico dell&r...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13700 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo