Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Legislazione regionale relativa al rilascio delle concessioni su beni demaniali marittimi

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE

La disciplina relativa al rilascio delle concessioni su beni demaniali marittimi investe diversi ambiti materiali, attribuiti alla competenza sia statale che regionale, atteso che particolare rilevanza, quanto ai criteri e alle modalità di affidamento di tali concessioni, assumono i principi della libera concorrenza e della libertà di stabilimento, previsti dalla normativa comunitaria e nazionale.

Il legislatore regionale può attribuire ad una Delibera della Giunta regionale il potere di stabilire i criteri per il rilascio delle concessioni demaniali con finalità turistico-ricreative, nonché le modalità per il loro rinnovo.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE --> ABRUZZO_OMISSIS_ ...uzionalmente illegittimi gli artt. 1 e 2 L.R. Abruzzo 3/2010, in quanto viene attribuita ai titolari delle concessioni demaniali marittime una proroga in violazione dei principi di libertà di stabilimento e di tutela della concorrenza.

In Abruzzo ai Comuni sono state delegate ai comuni (LL. RR. 41 e 42/2006) soltanto le funzioni in materia di demanio turistico e ricreativo: da ciò deriva che la competenza al rilascio di concessioni demaniali marittime per l'estrazione di sabbia ai fini di ripascimento è di competenza della Regione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE --> CALABRIA

Una corretta lettura degli artt. 20 e 22 della L.R. n. 17/2005 impone di ritenere che l'accertata abusività delle opere sulle aree demaniali marittime è condizione ostativa al rilascio della concessione sul bene demaniale, att... _OMISSIS_ ...circostanza che denuncia ex se il cattivo uso del bene pubblico.

In seguito all'entrata in vigore della l.r. Calabria 21 dicembre 2005, n. 17, il cui art. 4 ha affidato ai Comuni, le funzioni per l’attività amministrativa inerenti il rilascio ed il rinnovo, la revoca e la decadenza delle concessioni demaniali marittime, non può addossarsi al privato richiedente alcun onere procedimentale suppletivo, quale la riproposizione al Comune della domanda già presentata alla Regione e non ancora esitata.

L'interesse legittimo del concessionario alla definizione della propria istanza di destagionalizzazione della concessione litoranea, attesa la natura della pretesa, si rinnova – nella vigenza della concessione – al compimento di ogni stagione balneare, posto che tramite l’attività della P.A. al cui compimento parte ricorrente aspira, quest’ultima otterrebbe il vantaggio di poter proseguir... _OMISSIS_ ...ve; nei periodi invernali o comunque non balneari.

L'esito della domanda di destagionalizzazione della concessione demaniale della ricorrente dipende dal Piano Spiaggia Comunale.

La trasformazione di una concessione da stagionale a non stagionale non può essere assentita soltanto sulla base del piano strutturale comunale, poiché la funzione pianificatoria generale del Comune è integrata, quanto all’uso del litorale, dalle specifiche disposizioni di cui alla L.R. Calabria 17/2005 e, conseguentemente, dagli strumenti di pianificazione di livello, rispettivamente, regionale e comunale, ivi nominativamente regolati.

Il soggetto interessato ad ottenere la destagionalizzazione della propria concessione demaniale marittima ha interesse a ricorrere contro l'inerzia dell'Amministrazione comunale e provinciale nell'adozione e nell'approvazione del Piano Spiaggia e contro il mancato esercizio dei pote... _OMISSIS_ ...rte della Regione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE --> CAMPANIA

In tema di tutela delle zone sottoposte a vincolo, il mantenimento delle strutture degli stabilimenti balneari oltre il termine di scadenza stagionale del titolo concessorio demaniale, autorizzato dalla L.R. Campania n. 16 del 2014, art. 1, comma 42, richiede necessariamente il concorrente titolo paesistico, la cui mancanza integra il reato di cui al D.Lgs. n. 42 del 2004, art. 181.

Ai fini dell'applicazione dell'art. 1, comma 42, della L.R. Campania 7 agosto 2014, n. 16 - che in attesa del riordino della materia consente agli stabilimenti balneari del litorale regionale la permanenza delle installazioni e delle strutture rimovibili realizzate su aree demaniali attribuite in concessione -, la nozione di "stabilimento balneare", priva di specifica definizione n... _OMISSIS_ ...e; suscettibile di interpretazione estensiva, in quanto frutto di un intervento legislativo di carattere transitorio ed eccezionale, e deve essere tenuta distinta da quella di "impresa turistico-balneare".

Non spetta allo Stato, e per esso al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, attribuire alle autorità marittime statali la competenza amministrativa relativa al rilascio di concessioni demaniali nell'ambito dei porti turistici della Regione Campania.

La L.R. Campania n. 16 del 2014, art. 1, comma 42, a mente del quale per il mantenimento delle strutture degli stabilimenti balneari oltre il termine concesso non è necessaria l'autorizzazione paesaggistica, richiesta ad altri fini dalla precedente L.R. Campania n. 10 del 2012, si limita a legittimare la permanenza (peraltro senza un termine finale), a fini esclusivamente demaniali, delle (sole) installazioni e strutture rimovibili oltre il termine previsto... _OMISSIS_ ...demaniale stagionale, ma non si esprime sulla necessità dell'autonomo titolo richiesto a fini paesaggistici (o urbanistici), nel senso che non la richiede come condizione della permanenza, ma nemmeno la esclude.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE --> FRIULI VENEZIA GIULIA

Con il trasferimento, in forza degli articoli 9, comma 2, e 11, comma 2, D.Lgs. n. 111/2004 e del DPCM 9.02.2009, alla Regione Friuli Venezia Giulia delle funzioni amministrative relative, tra le altre, alla Laguna di Grado, la Regione è divenuta titolare di autonomi poteri in relazione alla concessioni ivi esistenti: questo significa che essa non è in alcun modo vincolata alle determinazioni antecedentemente assunte dall’Amministrazione statale.

È incostituzionale l'art. 36 co. 2 L.R. Friuli Venezia Giulia 13/2009, che, nel modificar... _OMISSIS_ ...o. 2, L.R. Friuli-Venezia Giulia 16/2008 individua i destinatari della proroga automatica delle concessioni demaniali marittime.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE --> LAZIO

Nella Regione Lazio, la D.G.R. n. 543 del 18.11.2011 ha abrogato le disposizioni contenute nella precedente D.G.R. n. 1161 del 30.7.2001, che al Titolo II comma 8 stabiliva che prima della pubblicazione del decreto del Presidente della G.R. i Comuni non potessero rilasciare nuove concessioni, e che nell’allegato 3 al punto 1 limitava la durata del Piano di Utilizzazione dell'Arenile (PUA) a 5 anni.

Nelle more del procedimento di revisione dei Piani di Utilizzazione dell'Arenile (PUA) i Comuni del Lazio possono procedere al rilascio di nuove concessioni purché già previste nei PUA vigenti e fatte salve le acquisizioni delle autorizzazioni e/o nul... _OMISSIS_ ...me previsto dalla D.G.R. n. 543/2011 e dall'art. 19, comma 3, del Regolamento Regionale demaniale n. 19 del 2016.

La DGR Lazio n. 1161/2001 punto 16 paragrafo 4^ e il regolamento regionale Lazio n. 11/09 art. 5 riguardano la stipula fra Comune e privati, già titolari di "concessionari balneari", di convenzioni aventi ad oggetto l'affidamento a costoro dei servizi di prima necessità nei tratti di spiaggia libera; si tratta di accordi negoziali fra amministrazione comunale e privati aventi ad oggetto le spiagge libere, cd "a fruizione gratuita", finalizzati a garantire al pubblico, attraverso l'affidamento della relativa gestione ai privati, un minimo di servizi di prima necessità. Non si tratta quindi di atti di disposizione del demanio marittimo in favore di privati, bensì di atti con cui si decide di demandare ai privati già concessionari la gestione di detti servizi indispensabili nei tratti di ... _OMISSIS_ ... oggetto di concessione.

L'art. 52 della L.R. 13/2007 spiega che rientrano, tra l'altro, tra le tipologie di utilizzazione delle aree demaniali marittime per finalità turistiche e ricreative i soli punti di ormeggio e non anche i porti turistici e gli approdi turistici, sottoposti a una diversa disciplina giuridica rispetto ai primi, consentendo di escludere la competenza del Comune in materia di concessioni per gli approdi e i porti turistici.

Le fonti e gli indicatori che i Comuni della Regione Lazio devono utilizzare per l’attribuzione delle categorie di Alta e Normale Valenza Turistica sono indicati nelle schede allegate alla L.R. n. 7/14 e, quindi, è evidente che non è ammesso da parte dei comuni il ricorso ad altre fonti.

L’art. 52-bis della legge regionale Lazio 6 agosto 2007, n. 13 consente una deroga alle previsioni dei piani che prevedono l’occupazione dell’arenile c... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 4,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo