Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Utilizzo delle risorse idriche: le acque minerali e termali

DEMANIO E PATRIMONIO --> ACQUE --> CATEGORIE DI BENI --> ACQUE MINERALI E TERMALI

Dalla previsione generale di cui all’art. 97 del T.u. dell’ambiente n. 152/2006, ("le acque superficiali e sotterranee, ancorché non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa che è salvaguardata ed utilizzata secondo il criterio di solidarietà") deriva che la risorsa idrica va considerata prioritariamente un bene comune, anche se di esso può essere ammesso un utilizzo economico, e si evince che l’uso collettivo dell’acqua pubblica fa sempre premio sull’uso privato.

Le concessioni demaniali aventi ad oggetto acque minerali devono necessariamente essere precedute dalla valutazione di impatto ambientale, in particolare nelle ipotesi di rinnovo della concessione, reputandosi necessario il vaglio di permanenza della compatibilità con mutamenti delle con... _OMISSIS_ ... ed ambientali eventualmente sopravvenuti.

La materia delle acque minerali è estranea alla materia delle acque pubbliche rientrando, invece, in quella delle miniere.

Le scelte operate con il d. lgs. 176/2011, in materia di acque minerali, sono perfettamente compatibili con il regime di liberalizzazione delle attività economiche introdotte con l'art. 3 d.l. 138/2011 e con l'art. 34 d.l. 201/2011, poiché queste norme non escludono che sull'esigenza di semplificazione possa prevalere la finalità di assicurare la tutela della salute dei consumatori di acque minerali che, nell'ordinamento nazionale, costituisce un interesse generale, costituzionalmente rilevante, in quanto species del più ampio genus della salute del singolo individuo e della collettività di cui all’art. 32 Cost..

Il d. lgs. 176/2011 di recepimento della diretttiva 2009/54/CE pone una disciplina di principio nell... _OMISSIS_ ...e minerali, che non modifica il riparto delle funzioni amministrative tra Stato, Regioni ed enti locali in materia, come delineato sia dalle disposizioni della legge 59/1997 e del D. Lgs. 112/1998 sia nella l. cost. 3/2001, in particolare all’art. 118 Cost..

Le disposizioni di cui all'artt. 7, co. 1, lett. a), e all'art. 23, co. 1, lett. a), del d.lgs. 176/2011 devono essere intese, nella parte in cui rinviano alla parte III del d. lgs. 152/2006, come prescrittive del limite minimo di protezione rispetto al quale le Regioni possono prevedere l’applicazione di misure più rigorose nell’ambito dell’esercizio delle loro competenze in materia di tutela della salute e dell’alimentazione.

Tra acque minerali ed acque termali non sussiste una differenza ontologica: i diversi termini fanno riferimento all’uso che delle stesse viene fatto.

Il bene della vita “acque minerali e ter... _OMISSIS_ ...o da due distinti punti di vista, quello dell’uso o fruizione e quello della sua tutela: il primo è di competenza regionale residuale, mentre la tutela delle stesse acque è di competenza esclusiva statale.

Qualora l’attività di estrazione dell’acqua minerale, in costanza dello svolgimento del rapporto funzionale, comporti disfunzioni nell’assetto idrogeologico dei luoghi, l’Autorità competente deve intervenire imponendo all’impresa concessionaria l’adozione di opportune misure in grado di neutralizzare dette disfunzioni, essendo immanente al rapporto concessorio il potere di revoca per sopravvenuti motivi di interesse pubblico.