Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI

Le controversie in materia di determinazione e pagamento degli oneri concessori, investendo l'esistenza o l'entità di una obbligazione legale, concernono diritti soggettivi e rientrano nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo pertanto, la relativa domanda non soggiace al regime della decadenza propria del processo di impugnazione, ma può essere proposta nel termine della prescrizione ordinaria ed indipendentemente dall'impugnazione di atti.

L’atto di imposizione del pagamento degli oneri concessori non ha carattere autoritativo, ma si risolve in un mero atto ricognitivo e contabile applicativo di precedenti provvedimenti di carattere generale, e la sua mancata tempestiva adozione non implica alcun potere dell’amministrazione di differire il suo diritto di credito, configurandosi piuttosto come mancato esercizio del diritto stesso, idoneo a far decorrere il periodo di prescrizione.

La controversia relativa alla determinazione degli oneri, ai criteri da applicarsi per la relativa quantificazione e alla ripetizione di quanto indebitamente versato appartiene alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo.

La tutela dell’affidamento non è configurabile in relazione ad un preteso credito del privato al quale è opponibile, senza limiti di tempo, l’obbligo dell’amministrazione di sottrarsi ad oneri patrimoniali ingiustificati.

In tema di sanatoria edilizia deve aversi riguardo, per la determinazione delle somme dovute a titolo di oblazione, alla data di presentazione della domanda di condono mentre per gli oneri concessori alla data di rilascio del provvedimento abilitativo.

La richiesta di rimborso delle somme versate a titolo di contributo di costruzione deve provenire dal soggetto che ha materialmente effettuato il pagamento; da ciò deriva l’esclusione della legittimazione del mero cointestatario del titolo edilizio.

Nella terminologia corrente, gli "oneri" sono tutti quelli necessari ad ottenere il permesso di costruire e cioè sia quelli corrispettivi alla fruizione delle opere di urbanizzazione (oneri di urbanizzazione in senso stretto) che quelli commisurati al costo di costruzione, entrambi contributi che il privato deve corrispondere per ottenere il titolo.

Il rilascio della concessione edilizia è correlato al pagamento di un contributo, il cui ammontare è commisurato alle spese che il Comune sostiene per la realizzazione delle opere di urbanizzazione e al costo di costruzione.

Il contributo di costruzione include in sé il costo di costruzione e le spese di urbanizzazione: di queste due voci, la convenzione di piano esecutivo può assorbire in tutto o in parte la seconda, lasciando tuttavia impregiudicata ... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 5,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista