Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

IL CODICE DEL PIANO CASA

OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA --> REGIONE BASILICATA --> MUTAMENTO DI DESTINAZIONE D'USO

L'art. 4-bis, co. 1-ter, lett. a), L.R. Basilicata 25/2009, per gli interventi di mutamento di destinazione d'uso, non prevede affatto la preventiva autorizzazione e/o nulla osta dei condomini ed, in ogni caso, un’eventuale clausola del regolamento condominale, che prevedesse tale autorizzazione, risulterebbe ora illegittima alla stregua del vigente art. 1138, co. 4, c.c. come novellato dall’art. 16, co. 1, lett. a), legge 220/2012.

La P.A. può accertare facilmente l’eventuale superamento della soglia del 50%, prevista dall'art. 4-bis, co. 1-ter, lett. a), L.R. Basilicata 25/2009: pertanto, tale onere istruttorio non può essere addossato al soggetto che richiede l'autorizzazione ad effettuare l'intervento, essendo tale condotta una violazione del principio di non aggravamento del procedimento.

Nel caso di un edificio con più unità immobiliari la soglia massima del 50% delle superfici utili lorde esistenti per gli interventi di mutamento di destinazione d'uso, prescritta dall’art. 4-bis, co. 1-ter, lett. a), L.R. Basilicata 25/2009, si riferisce chiaramente all’intero edificio e non alle singole p... _OMISSIS_ ...