SOGGETTI ATTIVI

Stai vedendo 1-12 di 32 risultati

Natura giuridica e beni amministrati da A.N.A.S. spa (Azienda Nazionale Autonoma delle Strade)

L'assetto privatistico dell'ANAS ha incidenza concreta soltanto sulla fase gestionale del nuovo soggetto, permanendo sia la natura pubblica del nuovo organismo, sia i poteri pubblicistici propri dell’Ente proprietario delle autostrade e strade statali trasferite, tra i quali l’autotutela amministrativa.

I soggetti delegati all'espropriazione di suoli per la realizzazione dei programmi di edilizia residenziale pubblica

In tema di espropriazione di suoli per la realizzazione dei programmi di edilizia residenziale pubblica, ai sensi della L. 22 ottobre 1971, n. 865, beneficiario dell'espropriazione è il Comune, in favore del quale l'espropriazione è pronunciata, sicché è il Comune stesso ad essere obbligato al pagamento dell'indennità di espropriazione e di occupazione, anche quando gli atti espropriativi vengano delegati e l'occupazione delle aree sia attuata dagli istituti e dalle cooperative.

La delega all'esproprio ex art. 60 L. 865/1971 a cooperative per la realizzazione di alloggi di edilizia economica e popolare

In ipotesi di “delega all'esproprio” ex art. 60 L. n. 865/71 a cooperativa edilizia, sussiste corresponsabilità nella causazione del danno consistente nella perdita della proprietà per effetto dell'intervenuta occupazione appropriativa, con conseguente condanna in solido al risarcimento del danno del delegante, che abbia omesso l’esercizio dei poteri di controllo e di intervento e del delegato, che abbia omesso la conclusione della procedura mediante emanazione del decreto di esproprio.

La delega all'I.A.C.P. della procedura espropriativa per la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica

In tema di espropriazione per la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica da parte di un I.A.C.P. su delega del comune, quest'ultimo, quale ente delegante, è tenuto al pagamento dell'indennità di occupazione legittima.

Competenze e funzioni attribuite alle Autorità di sistema portuale

In base alla L. n. 94 del 1984, le Autorità Portuali svolgono attività di affidamento e controllo finalizzate alla fornitura a titolo oneroso agli utenti portuali di servizi di interesse generale, esercitando compiti e funzioni più propriamente ascrivibili alla regolazione ed al controllo dell'erogazione dei servizi che non alla loro produzione e scambio, sicché, pur operando in regime di oggettiva economicità, non perseguono alcun fine di lucro.

Soggetti attivi dell'espropriazione: successione tra enti

Alcun dubbio può sorgere in merito all’attuale responsabilità di Poste Italiane S.p.a. per un'occupazione illegittima causata dalla originaria amministrazione delle Poste e delle Telecomunicazioni, ove si consideri che quest'ultima fu trasformata ope legis dapprima nell’ente pubblico economico denominato “Poste Italiane”, quindi nell’attuale società per azioni: si apprezza, pertanto, un ininterrotto fenomeno successorio, con ogni conseguenza in pu ...

La sostituzione amministrativa dei soggetti attivi dell'espropriazione

Solo nei casi in cui vi è sostituzione amministrativa, l’ente sostituto agisce per l’esecuzione dell’opera non in rappresentanza dell’amministrazione sostituita, ma per competenza propria e spendendo il proprio nome di persona giuridica diversa, assumendo di fronte all’espropriato o al titolare del bene occupato tutti gli obblighi relativi al pagamento dell’indennità o all’eventuale ristoro dei danni, salvo che non affidi in concessione ad ...

Soggetti attivi nell'espropriazione: enti, uffici e competenze

Deve ritenersi che, ai sensi dell’art. 6, comma VIII, D.P.R. 327/2001 ed in considerazione del D.M. 28.11.2002 citato nel decreto di esproprio adottato, R.F.I., quale concessionario della gestione dell’infrastruttura ferroviaria nazionale cui sono stati delegati, in attuazione della legge, specifici poteri espropriativi, spenda, nella specie, poteri propriamente amministrativi (recte, è, limitatamente a tali attività, Pubblica Amministrazione), con connessa valenza fide ...

Il promotore e il beneficiario dell'espropriazione

E' pienamente compatibile con la normativa in materia di espropriazione per pubblica utilità l’agire dell’ente promotore dell’espropriazione in nome e per conto di un diverso soggetto pubblico beneficiario, tant’è che l’art. 1 del d. lgs. 327/01 distingue le due diverse categorie di soggetti: promotore dell’espropriazione e beneficiario dell’espropriazione che, anche con riferimento ad un unico progetto complessivo, non necessariamente deve ...

Il rapporto dell'impresa appaltatrice con l'espropriazione per pubblica utilità

In base al disposto dalla L. n. 2248 del 1865, art. 324, All. F, le espropriazioni potevano essere accollate all'appaltatore.

Soggetti attivi: atti di gestione e atti di indirizzo

Il nuovo sistema del riparto di competenze tra Giunta e Consiglio comunale previsto dagli artt. 42 e ss. del t.u. 18 agosto 2000 n. 267, è retto dal principio secondo cui l'organo elettivo (Consiglio comunale) è chiamato ad esprimere gli indirizzi politici ed amministrativi di rilevo generale, che si traducono in «atti fondamentali» tassativamente elencati all'art. 32 della l. 8 giugno 1990 n. 142, poi trasfuso nell'art. 42 del t.u. approvato con d.lgs. 18 agosto 2000 n. ...

L'Autorità espropriante

L’art. 6 del d.P.R. n. 327/2001 prevede che l’autorità competente alla realizzazione di una opera pubblica è anche competente all'emanazione degli atti del procedimento espropriativo che si rendano eventualmente necessari.

Pagina 1 di 3 1