Carrello
Carrello vuoto



Il promotore e il beneficiario dell'espropriazione


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:SOGGETTI E RESPONSABILITÀ NELL'ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITÀ
anno:2018
pagine: 2922 in formato A4, equivalenti a 4967 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 50,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


SOGGETTI --> SOGGETTI ATTIVI --> PROMOTORE E BENEFICIARIO

E' pienamente compatibile con la normativa in materia di espropriazione per pubblica utilità l'agire dell'ente promotore dell'espropriazione in nome e per conto di un diverso soggetto pubblico beneficiario, tant'è che l'art. 1 del d. lgs. 327/01 distingue le due diverse categorie di soggetti: promotore dell'espropriazione e beneficiario dell'espropriazione che, anche con riferimento ad un unico progetto complessivo, non necessariamente deve essere uno solo.

SOGGETTI --> SOGGETTI ATTIVI --> PROMOTORE E BENEFICIARIO --> TITOLARE OBBLIGAZIONE

Il soggetto che a non consente il completamento della procedura espropriativa non rendendo disponibili i finanziamenti per il pagamento delle indennità di espropriazione, si espone ad assumere una posizione di contitolarità dell'obbligazione risarcitoria nella conseguente illegittimità dell'occupazione non tempestivamente conclusa.

L'autorità espropriante non va evocata nei giudizi di opposizione alla determinazione dell'indennità di espropriazione e, comunque, non è parte necessaria del procedimento, atteso che, superata la fase autoritativa dell'emissione ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... di occupazione di urgenza e di espropriazione riservata all'autorità pubblica indicata dalla legge, la controversia attinente all'adeguatezza dell'indennità di espropriazione concerne unicamente il rapporto sostanziale patrimoniale tra espropriato e beneficiario del provvedimento ablativo.

La costruzione su fondo altrui di opere e manufatti appartenenti a privato, ma in assenza di provvedimenti di esproprio o asservimento, configura un fatto illecito di natura permanente, che obbliga al risarcimento del danno non già il Comune che ha dato luogo all'occupazione (tenuto all'indennizzo relativo), ma l'autore dell'illegittima detenzione del bene, dopo la scadenza del periodo di occupazione, per non aver consentito al proprietario il pieno ed esclusivo godimento del fondo.

Sussiste la legittimazione passiva dell'Amministrazione riguardo alla domanda di risarcimento del danno da occupazione illegittima anche in ipotesi in cui il bene sia stato assegnato a diverso Ente pur essendo lo stesso ancora di proprietà del privato.

Quanto all'individuazione del soggetto passivo dell'obbligazione risarcitoria da occupazione illegittima, va ritenuta la responsabilità solidale dell'Amministrazione espropriante e del ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...neficiario, qualora l'occupazione illegittima si sia realizzata per il concorso dell'opera colposa dell'ente espropriante (che ha provveduto, nel caso di specie, all'emanazione di un decreto di occupazione ed urgenza pure in assenza del fondamentale atto impositivo del vicolo ablativo) e dell'ente beneficiario che ha materialmente inglobato l'immobile nel suo dominio, di fatto utilizzandolo arbitrariamente.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI