ULTIMI APPROFONDIMENTI CARICATI

Stai vedendo 2640-2448 di 3910 risultati

La notifica agli intestatari catastali legittima gli effettivi proprietari all'impugnazione tardiva del decreto d'esproprio?

La notifica del decreto di esproprio ad un soggetto di cui l'Amministrazione conosce l'avvenuto decesso non incide sulla legittimità dell'atto, ma impedisce comunque il decorso, nei confronti degli effettivi proprietari, del termine per impugnare, ove non sussistano circostanze idonee a far presumere comunque l’intervenuta loro conoscenza dell'atto stesso.

L'impugnazione dell'atto amministrativo: il riconoscimento dell’errore scusabile e la rimessione in termini

Il riconoscimento dell’errore scusabile e la conseguente rimessione in termini presuppone una situazione normativa obiettivamente non conoscibile o confusa oppure uno stato di incertezza per la oggettiva difficoltà di interpretazione di una norma, per la particolare complessità della fattispecie concreta, per contrasti giurisprudenziale esistenti o per il comportamento non lineare dell’amministrazione, idoneo a ingenerare convincimenti non esatti o comunque di errore non imputabile al ricorrente

La mancata impugnazione del titolo edilizio determina l’inammissibilità del ricorso

Il soggetto che abbia espressamente o implicitamente rinunciato agli effetti del silenzio non può poi eccepire l'inammissibilità del ricorso proposto avverso il provvedimento espresso, asserendo che avrebbe dovuto essere impugnato anche il silenzio assenso.

Impugnazione del provvedimento tacito di rigetto dell'istanza di accertamento di conformità

L’imposizione di un onere di demolizione o di correzione progettuale quale condizione di efficacia del titolo edilizio in sanatoria, assume immediata efficacia lesiva per le ragioni dell’istante, per cui se ne impone l’impugnazione entro l’ordinario termine decadenziale, decorso il quale i profili sfavorevoli del provvedimento di sanatoria si consolidano.

Ammissibilità della domanda di annullamento della D.I.A. ed impugnazione del provvedimento

La comunicazione dell’avvio del procedimento di verifica della DIA conserva la propria natura di mera comunicazione o, in sostanza, di preavviso dei motivi per i quali il procedimento è stato avviato e che potranno condurre al formale provvedimento repressivo terminale: è solo l’emissione di quest’ultimo, privando la DIA della sua efficacia, che assume valenza lesiva dello “ius aedificandi” relativamente a quel determinato intervento che la dichiarazione mirava a legittimare

Ammissibile l’impugnazione del titolo abilitativo formatosi per denuncia di inizio attività

È ammissibile la diretta impugnazione della d.i.a. anteriormente alle modifiche introdotte dal d.l. 138/2011.

La "sollecitazione" del terzo alla P.A. (ex art. 19 comma 6-ter L. 241/1990)

Il comma 6-ter dell'art. 19 legge 241/1990 (introdotto dall'art. 6, d.l. 138/2011) ha, di fatto, determinato il superamento, quanto meno parziale, proprio delle conclusioni cui era giunta l’Adunanza Plenaria n. 15/2011 e per quanto attiene il proponimento di un’azione (atipica) di accertamento dell’obbligo di provvedere.

Impugnazione dei titoli edilizi in senso lato e in deroga

Poiché i poteri di deroga di disposizioni del piano regolatore spettano al Sindaco, previa deliberazione del Consiglio comunale, è solo il provvedimento sindacale di permesso di costruire in deroga ad essere dotato di immediata forza lesiva nei confronti degli interessi dei privati.

Impugnazione dell'autorizzazione paesaggistica

L'autorizzazione paesaggistica deve essere impugnata autonomamente rispetto al titolo edilizio.

Impugnazione del provvedimento di trasferimento alle USL dei beni degli enti mutualistici

Il ricorso con cui il comune impugna il provvedimento regionale di trasferimento alle USL dei beni degli enti mutualistici che erano stati attribuiti al comune ai sensi dell'art. 66 legge 833/1978 deve essere notificato non solo alla Regione, ma anche alla USL.

Impugnabilità della valutazione di impatto ambientale (V.I.A.)

La v.i.a., ancorché positiva, non è effettivamente idonea ad esprimere un giudizio definitivo sul progetto stesso, la cui realizzabilità è resa possibile solo dal rilascio della successiva autorizzazione finale; è questa che costituisce il provvedimento lesivo di qualsivoglia posizione di interesse contraria all'evento.

Legittimazione ad impugnare i V.A.M.

È attribuito alla Regione il potere di istituire la Commissione competente alla determinazione dell’indennità di esproprio, di nominare la maggioranza dei componenti della medesima, di decidere se nominare altri componenti oltre quelli previsti e di istituire sottocommissioni. La disciplina nazionale non attribuisce alla Regione solo un potere di costituzione dell’organo, ma, al contrario, un potere di costituzione di un organo destinato a svolgere funzioni con esclusivo riferimento regionale

Pagina 204 di 326 50 110 160 204 220 270