ULTIMI APPROFONDIMENTI CARICATI

Stai vedendo 2653-2460 di 3910 risultati

Il verbale di sopralluogo è direttamente impugnabile o ha soltanto natura endoprocedimentale?

Il verbale di sopralluogo ha natura meramente endoprocedimentale e non è impugnabile autonomamente, ma soltanto congiuntamente all'atto provvedimentale conclusivo della sequenza procedimentale.

Contestazioni e impugnabilità dell’esistenza, validità ed efficacia del vincolo espropriativo

L'atto di approvazione del progetto preliminare comportante variante urbanistica impositiva di vincolo espropriativo, è certamente lesivo degli interessi dei proprietari dei beni incisi da suddetto vincolo.

Condizioni di ammissibilità nel giudizio amministrativo del ricorso collettivo e cumulativo

Il ricorso collettivo postula una situazione di identità sostanziale e processuale in rapporto a domande giudiziali fondate sulle stesse ragioni ed è inammissibile se azionato da ricorrenti che non si trovino in situazioni del tutto identiche tra loro.

Il ricorso incidentale nei giudizi amministrativi: il titolo edilizio

Il ricorso incidentale costituisce uno strumento idoneo ad introdurre in giudizio una questione di carattere pregiudiziale, da esaminare con priorità logica e cronologica rispetto al merito della domanda principale.

La piena conoscenza dell'atto amministrativo lesivo: esposti e denunce, osservazioni e richieste

La piena conoscenza del titolo edilizio non può presumersi sulla base di un esposto nel quale il vicino non si duole dell’intervento edilizio nella sua globalità.

La piena conoscenza dell'atto amministrativo ovvero la piena percezione dei contenuti

La «piena conoscenza» va intesa come piena percezione dei contenuti essenziali dell'atto amministrativo (autorità emanante, contenuto del dispositivo ed effetto lesivo), senza che sia necessaria la compiuta conoscenza della motivazione, che è rilevante solo ai fini della successiva proposizione dei motivi aggiunti.

Decorrenza dei termini decadenziali per il ricorso amministrativo: la verifica della piena conoscenza dell'atto

Al fine di individuare la decorrenza del termine decadenziale per la proposizione del ricorso giurisdizionale, la verifica della piena conoscenza dell'atto lesivo deve essere effettuata in maniera estremamente cauta e rigorosa.

Ricorso avverso l'atto amministrativo lesivo: la prova della tardività dell'impugnazione

E’ principio pacifico e consolidato che ai fini della verifica della fondatezza dell'eccezione di irricevibilità del ricorso per tardività, la parte che la eccepisce deve fornire rigorosi riscontri in ordine alla conoscenza dell'atto gravato in tempi antecedenti al termine decadenziale di impugnazione e, in particolare, dare prova della tardività dell'impugnazione sub specie di una piena conoscenza dell'atto gravato secondo il dato normativo di cui all'art. 21, l. 6 dicembre 1971 n. 1034

L'eccezione di tardività del ricorso nel processo amministrativo

Nel processo amministrativo la data di conoscenza legale dell’atto lesivo da parte del suo destinatario dev’essere provata in modo particolarmente rigoroso da chi eccepisce la tardività del ricorso, giacché da tale piena conoscenza decorrono i termini di natura decadenziale per la tutela delle situazioni giuridiche soggettive.

L'irricevibilità del ricorso contro gli atti della procedura di gara rende inammissibile l'azione di nullità della convenzione

Ove sia mancata la prescritta pubblicazione di un bando sulla Gazzetta Ufficiale della Unione Europea, il relativo termine di impugnazione in sede giurisdizionale non comincia a decorrere dalla data di pubblicazione avvenuta con modalità diverse.

Procedura espropriativa: decorrenza dei termini di impugnazione dell'approvazione del progetto definitivo

Il termine entro cui i soggetti che ne siano direttamente incisi devono impugnare i provvedimenti di approvazione del progetto per la realizzazione dell’opera pubblica, non decorre dalla loro pubblicazione, ma dal momento in cui detti soggetti ne abbiano acquisito piena conoscenza.

Decorrenza dei termini decadenziali per l'impugnazione della dichiarazione di pubblica utilità

Ai fini della decorrenza del termine d'impugnazione dell'approvazione del progetto di un'opera pubblica, avente valore di dichiarazione di pubblica utilità, non è sufficiente la mera pubblicazione dell'atto ma è necessaria la notifica o, almeno, la piena conoscenza dello stesso, quante volte esso ha effetti specifici e circoscritti all'area da espropriare per l'esecuzione dell'opera e, quindi, è rivolto a soggetti determinati anche se non esplicitamente nominati.

Pagina 205 di 326 50 110 160 205 220 270