Carrello
Carrello vuoto



L'estinzione dei reati negli abusi paesaggistici


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEGLI ABUSI DEMANIALI
anno:2018
pagine: 1121 in formato A4, equivalenti a 1906 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TITOLO PAESAGGISTICO --> ABUSI PAESAGGISTICI --> REATI --> ESTINZIONE

Decorso inutilmente il termine dei 180 giorni di cui all'art 181, comma 1 quater del d. lgs. n. 42 del 2004, è da ritenere che non trovi applicazione l'istituto del silenzio–assenso, in carenza di una specifica indicazione legislativa, che qui manca, "accostata" alla perentorietà del termine, fermo rimanendo che l'interessato potrà azionare i rimedi, amministrativi e giurisdizionali, stabiliti dall'Ordinamento, con particolare riguardo al ricorso avverso il silenzio–inadempimento.

In tema di protezione delle bellezze naturali, il rilascio postumo dell'autorizzazione paesaggistica da parte dell'autorità preposta alla tutela del vincolo non estingue il reato previsto dal D.Lgs. n. 42 del 2004, art. 181. L'autorizzazione paesaggistica in sanatoria estingue il reato di cui all'art. 181 cit. solo se espressamente rilasciata dall'esito della speciale procedura di cui al D.Lgs. n. 42 del 2004, art. 181, comma 1-quater e non ammette equipollenti, non potendo così accordare alcun effetto sanante al nulla osta dell'autorità preposta alla tutela del vincolo.

La declaratoria di estinzione del reato paesaggistico di c... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] .... n. 42 del 2004, art. 181, comma 2 per prescrizione impedisce la pronuncia da parte del giudice penale dell'ordine di rimessione in pristino dello stato dei luoghi a spese del condannato, previsto per il reato suddetto: esso infatti va obbligatoriamente emesso con la sentenza di condanna o con sentenze a questa equiparate (come la sentenza di applicazione della pena su accordo delle parti e, in tal caso, pure in difetto di accordo, o il decreto penale di condanna), in quanto si tratta di statuizioni obbligatorie e sottratte alla disponibilità delle parti, con la conseguenza che, in mancanza dell'emanazione di una sentenza di tal genere, l'ordine di rimessione in pristino non va emesso o, se disposto, va revocato.

La concessione rilasciata a seguito di accertamento di conformità (D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, art. 36) estingue i reati contravvenzionali previsti dalle norme urbanistiche vigenti, ma non i reati paesaggistici previsti dal D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, che sono soggetti ad una disciplina difforme e differenziata, legittimamente e costituzionalmente distinta, avente oggettività giuridica diversa, rispetto a quella che riguarda l'assetto del territorio sotto il profilo edilizio.

Il provvedimento di sanatoria che non ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...compatibilità paesaggistica dell'intervento, limitandosi ad affermarne la futura compatibilità, a condizione che siano attuati determinati lavori di ripristino, non può produrre sul reato l'effetto estintivo previsto dall'art. 181, comma 1-ter, d.lgs. 42/2004.

L'autorizzazione paesaggistica in sanatoria ex art. 181, co. 1ter, d.lgs. 42/04, può essere chiesta solo per opere di minimo impatto ambientale.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI