Carrello
Carrello vuoto



Le variazioni al contenuto della concessione demaniale marittima con realizzazione di interventi sul suolo demaniale devono essere espressamente autorizzate


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEL DEMANIO MARITTIMO, FLUVIALE E LACUALE
anno:2018
pagine: 4005 in formato A4, equivalenti a 6808 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> TRASLAZIONE/VARIAZIONE DELLA CONCESSIONE

Gli articoli 20, 36 e 37 del codice della navigazione, nonché l'articolo 24 del relativo regolamento di esecuzione, non consentono di configurare la figura del mero "spostamento" di una precedente concessione, inteso come una sorta di novazione oggettiva del precedente titolo abilitativo, il quale permarrebbe per il resto invariato nei suoi elementi costitutivi.

L'art. 24 del regolamento di esecuzione del codice della navigazione marittima, il cui secondo comma consente il rilascio di licenze suppletive anche al fine di consentire la "variazione nell'estensione della zona concessa", costituisce deroga a principi di carattere generale (quello della libera fruizione per la collettività delle aree demaniali, ovvero dell'affidamento in concessione secondo modalità volte alla massimizzazione dell'interesse pubblico e della piena contendibilità delle risorse economiche), ragione per cui alla disposizione in parola deve essere necessariamente fornita un'interpretazione di carattere restrittivo, che impedisce di far rientrare nel contenuto precettivo dell'art. 24 cit. (il quale si riferisc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...riazioni) anche l'ipotesi di spostamento delle concessioni su nuove aree.

La traslazione delle aree oggetto di concessione demaniale marittima non può essere legittimata facendo ricorso all'art. 24 del Regolamento di esecuzione al Cod. Nav. in quanto l'art. 37 del codice sancisce il principio secondo il quale i beni demaniali devono essere assegnati secondo il criterio della più proficuo utilizzo e della massimalizzazione dell'interesse pubblico. Ne discende che per consentire la traslazione di aree in concessione è necessario un nuovo e definitivo provvedimento autorizzatorio.

Gli articoli 20, 36 e 37 del Codice della Navigazione, nonché l'articolo 24 del relativo Regolamento di esecuzione non consentono il rilascio di una particolare tipologia di titoli abilitativi finalizzati a consentire il mero 'spostamento' dell'area già data in concessione demaniale marittima a un determinato beneficiario: tali titoli si configurano piuttosto quali nuove concessioni.

Lo schema tipico della concessione demaniale marittima non ammette variazioni sostanziali, fatta eccezione per l'ipotesi del subingresso,ai sensi dell'art. 46 del codice della navigazione, che incide solo sull'elemento soggettivo del rapporto conc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...n su quello oggettivo.

La traslazione della concessione demaniale marittima, proprio perché equivale al riconoscimento di un diritto nuovo e diverso da quello avente titolo nel precedente rapporto concessorio, certamente non è annoverabile fra le variazioni non sostanziali che l'art. 24 del d.P.R. 328/1952 sottopone a mera autorizzazione.

La modifica al contenuto essenziale della concessione demaniale marittima (incidente sull'uso del bene concesso) effettuata in autotutela, in base al principio del contrarius actus, richiamato in materia pure dall'art. 48 cod. nav., deve essere adottata dalla stessa autorità che ha emanato l'atto di primo grado, dopo aver dato comunicazione di avvio del procedimento e comunque seguendo lo stesso iter procedimentale imposto per l'adozione del provvedimento favorevole su cui si intendeva incidere.

L'Autorità Portuale, nel perseguimento del pubblico interesse, può procedere alla risistemazione e riduzione delle concessioni, anche se queste siano solo indirettamente interessate dal complessivo progetto di ampliamento di un determinato molo.

La scelta dell'amministrazione di non far gravare il peso della scelta pubblica solo sui concessionari direttamente ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... dalla modifica dell'area del porto è decisamente ragionevole e rispondente al principio di proporzionalità.

Sono illegittimi per violazione del principio di proporzionalità e ragionevolezza i provvedimenti di riorganizzazione del porto (con riduzione e/o delocalizzazione dei pontili) adottati dall'amministrazione sebbene questa potesse adottare altre soluzioni meno invasive per i concessionari (così come dimostrato, nella specie, con apposita verificazione).

L'ordinamento esclude dall'iter istruttorio previsto dalla legge (e, dunque, pure dalla necessità di nuova pubblicazione) le modificazioni alla concessione demaniale marittima in esito alle quali "non venga apportata alterazione sostanziale al complesso della concessione e non vi sia modifica nell'estensione della zona demaniale": in tali casi, infatti, "la variazione può essere autorizzata per iscritto dal capo del compartimento, previo nulla osta dell'autorità che ha approvato l'atto di concessione" (art. 24, comma II, reg. esecuzione c. nav.).

A fronte di una sopravvenuta riduzione del fronte mare dell'area concessa, l'interessato può e deve avvalersi del rimedio offerto dall'art. 45 del codice navigazione (riduzione del ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... />
La semplice sostituzione di una tenda di copertura di limitate dimensioni, risolvendosi nella mera sostituzione di un elemento accessorio alle strutture dello stabilimento balneare, non incide sull'oggetto della concessione demaniale né varia le modalità del suo esercizio. Tale intervento, non concreta neppure un'innovazione rilevante ai sensi dell'art. 54 cod. nav., non implicando alcuna alterazione sostanziale o cambiamento della originaria destinazione del bene. Si tratta, perciò, di attività liberamente esercitabile che non necessita di un titolo demaniale ad hoc ovvero di variazione della concessione esistente.

L'installazione del tutto precaria e correlata alle esigenze di conduzione dello stabilimento balneare di un manufatto in legno ad uso ricovero dei lettini da spiaggia, privo di consistenza edilizia e di capacità di alterare lo stato dei luoghi, non implica la necessità di variazione dell'esistente concessione demaniale, non incidendo sul suo contenuto o sulle modalità di esercizio né costituendo innovazione giuridicamente rilevante.

L'Autorità amministrativa preposta alla gestione e salvaguardia dei beni facenti parte del demanio marittimo non deve vigilare sul... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ibile coincidenza fra titolarità del rapporto concessorio ed utilità ritraibili mediante l'impiego del bene demaniale all'interno del ciclo produttivo dell'impresa gestita in proprio dal concessionario, atteso che l'art. 45 bis del Codice della Navigazione prevede una possibile, anche parziale, scissione tra titolarità e gestione della concessione, in tal modo implicando una differenziazione dei corrispondenti rapporti giuridici.

L'art. 24 reg. es. cod. nav. mar. va intesa nel senso che qualsiasi variazione al contenuto della concessione demaniale marittima attuata mediante la realizzazione di interventi sul suolo demaniale deve essere oggetto di espressa autorizzazione.

L'autorizzazione allo svolgimento dell'attività di carenaggio rilasciata al concessionario che esercita attività di rimessaggio con travellift non determina una alterazione sostanziale del contenuto del titolo, ma una variazione consentita ai sensi dell'art. 24 D.P.R. 328/1952.

Il concessionario non può inserire altri soggetti nella gestione della concessione, in considerazione dell'intuitus personae che connota il rapporto concessorio, salvo autorizzazione della P.A. concedente ai sensi dell'art. 46 cod. nav..

... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... di un provvedimento giurisdizionale che sospende gli effetti della delibera assembleare che ha autorizzato l'amministratore di un condominio a trasferire a terzi la titolarità della concessione demaniale marittima, la P.A. non può autorizzare il mutamento dell'intestazione del titolo concessorio, specie quando gli sia stata rappresentata la sussistenza del provvedimento di sospensione.

Se è vero che non incombe sulla P.A. l'obbligo di compiere complesse operazioni ricognitive o accertamenti in ordine ad eventuali pretese che potrebbero essere avanzate da soggetti estranei al rapporto amministrativo, è altresì vero che essa è tenuta a svolgere le opportune indagini, prive del carattere di complessità, dirette ad accertare la legittimazione ad avanzare istanze amministrative.

Qualora emerga ictu oculi la mancanza o il vizio del potere di disporre della concessione, l'Amministrazione ha l'autorità ed il dovere di verificare l'esistenza, in capo al richiedente, di un valido titolo di disponibilità della concessione.

E' legittimo apportare variazioni alla concessione demaniale marittima per mantenere un corridoio tra due aree confinanti e per motivi connessi alla nuova pianifi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...le modalità d'uso degli spazi portuali.

Nell'art. 24, co. 2, seconda parte reg. esec. cod. nav., la modifica nell'estensione della zona demaniale che impedisce la variazione autorizzata per iscritto dal capo del compartimento non è solo quella rilevante in senso quantitativo, ma anche una modifica che si caratterizzi nella differente allocazione dell'area demaniale originariamente oggetto di concessione.

Nella Regione Puglia è legittima la scelta dell'amministrazione comunale di non autorizzare la traslazione della concessione demaniale marittima stante la non intervenuta adozione del Piano Comunale delle Coste, che solo può disciplinare in termini compiuti e armonici l'assetto costiero, facente capo al territorio comunale, attraverso l'individuazione dei lotti oggetto di concessione.

Appare ragionevole operare uno spostamento non eccessivo delle strutture da gestire nell'area di concessione demaniale qualora le circostanze di fatto relative allo stato dei luoghi lo rendano necessario.

Laddove la necessità di eseguire lavori portuali comporti la rinuncia alla postazione concessa in atto, la sua traslazione in una sede provvisoria e la successiva allocazione in altro posto, all'esito de... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... espletare, i diritti del concessionario si devono ritenere limitati al solo periodo residuale della concessione in godimento: il concessionario matura infatti in tal modo un "diritto di persistenza" della concessione, ma non un "diritto di insistenza".

Il quadro normativo vigente non consente di configurare la figura del mero 'spostamento' di una precedente concessione demaniale, inteso come una sorta di spuria novazione oggettiva del precedente titolo abilitativo, il quale permarrebbe per il resto inveriato nei suoi elementi costitutivi.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI