Variazioni dell’estensione della superficie oggetto della concessione demaniale marittima

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> ESTENSIONE DELL'AREA

La proficua utilizzazione della concessione demaniale marittima ex art. 37 del Codice della navigazione ricomprende non solo le opere che sulla specifica area vengano realizzate, ma riguarda anche il contesto in cui il bene demaniale è inserito: non v’è dubbio che il bene diviene più appetibile sul mercato (in quanto meglio fruibile e più proficuamente utilizzabile) quando vengano realizzate opere che ne agevolino l’utilizzazione (pur se queste non sono realizzate sull’area oggetto della concessione).

L’amministrazione ha la facoltà di variare l’estensione della ... _OMISSIS_ ...tto della concessione demaniale marittima nei casi di nuova delimitazione del confine demaniale che interferisca con le aree oggetto di concessione.

Il fatto naturale dell’arretramento della linea di battigia non legittima i titolari degli spazi demaniali oggetto di erosione ad arretrare i chioschi balneari in misura corrispondente al fenomeno naturale in difetto di un nuovo atto concessorio, o quantomeno ricognitivo, della Amministrazione comunale.

Il privato titolare di una concessione demaniale marittima relativa a una porzione di arenile in precedenza concessa ad altro soggetto è legittimato a chiedere l’ampliamento della titolo concessorio.

La concessione delle facoltà di uso esclusivo del pubblico demanio maritti... _OMISSIS_ ...esser spazialmente riferita al solo ambito assentito nel quale va, pertanto, collocata ogni dotazione necessaria all’esercizio dell’attività ed alla prestazione dei servizi preordinati alla sicurezza della balneazione.

La riduzione dell'area oggetto di concessione non sorretta da una coerente e consapevole volontà dispositiva costituisce mero errore ostativo, incidente soltanto sulla dichiarazione e non sulla formazione della volontà.

La diversa estensione tra concessione ed area occupata non può consentire una revoca integrale della concessione, ma semmai una contestazione parziale (relativamente alla sola area supplementare occupata abusivamente) e comunque in contraddittorio con l'interessato.

L’estensione del... _OMISSIS_ ...era utilizzata da coloro che abbiano noleggiato attrezzature da spiaggia è cosa diversa dall'estensione della concessione demaniale rilasciata per il noleggio di tali attrezzature.

L’art. 24 reg. nav. definisce i limiti di spazio delle aree in concessione demaniale marittima e non i punti di ubicazione delle strutture realizzabili in esse.

Deve essere esclusa dalla gara per l'affidamento di un porto, siccome non corrispondente all’oggetto posto in gara, la domanda di affidamento limitata ad aree e servizi destinati alla nautica da diporto.

L’art. 24 del regolamento di esecuzione del codice della navigazione marittima, il cui secondo comma consente il rilascio di licenze suppletive anche al fine di consentire... _OMISSIS_ ...e nell’estensione della zona concessa’, costituisce deroga a principi di carattere generale (quello della libera fruizione per la collettività delle aree demaniali, ovvero dell’affidamento in concessione secondo modalità volte alla massimizzazione dell’interesse pubblico e della piena contendibilità delle risorse economiche), ragione per cui alla disposizione in parola deve essere necessariamente fornita un’interpretazione di carattere restrittivo.

La determinazione in ordine alle aree da mettere a gara per l’affidamento in concessione rientra negli ambiti di discrezionalità propri dell’amministrazione titolare del potere di regolazione della zona portuale.

Poiché la normativa vigente non pone alcuna lim... _OMISSIS_ ... individuazione delle aree da mettere a gara non possono che valere gli ordinari principi tesi a regolare l’esercizio della discrezionalità amministrativa.

La messa a gara di un compendio esteso, ma ragionevolmente modulato rispetto alla rilevanza del porto ed alla sua conformazione, appare pienamente rispettoso dei principi concorrenziali.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> MODIFICA DELLA CONCESSIONE

La previsione di cui all'art. 24, secondo comma, prima parte, del regolamento di esecuzione del codice della navigazione, che dispone che “qualsiasi variazione nell'estensione della zona concessa o nelle opere o nelle modal... _OMISSIS_ ...o deve essere richiesta preventivamente e può essere consentita mediante atto o licenza suppletivi dopo l'espletamento dell'istruttoria” e che “qualora, peraltro, non venga apportata alterazione sostanziale al complesso della concessione e non vi sia modifica nell'estensione della zona demaniale, la variazione può essere autorizzata per iscritto dal capo del compartimento, previo nulla osta dell'autorità che ha approvato l'atto di concessione” deve intendersi avuto riguardo al complessivo tenore della disposizione, nel senso che, allorquando le modifiche non siano sostanziali, esse rientrano comunque nella competenza dell’ufficio locale, ancorché sia previsto un mutamento trascurabile - e comunque non particolarmente significativo - della superficie i... _OMISSIS_ ...CRLF|
Una concessione demaniale marittima "integrativa" rispetto ad una già rilasciata che incrementa notevolmente le aree concesse porta ad escludere che tale provvedimento abbia avuta natura di mera modificazione della concessione in essere; all’esito della concessione suppletiva, infatti, il bene demaniale concesso risulta oggettivamente diverso da quello oggetto dell’originaria concessione demaniale marittima. È chiaro che, se si consentisse la modifica ad libitum dell’oggetto della concessione, vi potrebbero essere facili elusioni delle regole di evidenza pubblica che debbono presidiare l’assegnazione di concessioni demaniali marittime.

Dall'art. 24 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazi... _OMISSIS_ ...l carattere discrezionale (“può essere consentita”) della c.d. concessione suppletiva (in aderenza, del resto, al medesimo carattere della concessione tout court).

Gli articoli 20, 36 e 37 del codice della navigazione, nonché l’articolo 24 del relativo regolamento di esecuzione, non consentono di operare uno “spostamento” o un “incremento” dell’area oggetto di una precedente concessione demaniale marittima, come una sorta di novazione oggettiva del precedente titolo abilitativo (che permarrebbe - per il resto - invariato nei suoi elementi costitutivi). E’ invero sancito il principio (art. 37 del codice) per il quale i beni demaniali devono essere assegnati secondo il criterio del più proficuo utilizzo e del... _OMISSIS_ ...one dell’interesse pubblico, la cui valutazione è affidata in via esclusiva all’amministrazione competente.

L’art. 24 reg. esec. cod. nav. non legittima un'interpretazione dell’art. 37 cod. nav. secondo cui risulti possibile, per esigenze di interesse pubblico, uno spostamento della concessione demaniale marittima già rilasciata, cioè l’assegnazione di una diversa superficie a colui che sia già concessionario, senza l’esperimento della procedura di cui all’art. 37 cit.

In assenza di espliciti...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 13696 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo