Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

L’assegnazione in concessione di un’area del demanio marittimo per l’espletamento di operazioni portuali

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> TIPOLOGIE --> SERVIZI E OPERAZIONI PORTUALI

La L. 28 gennaio 1994, n. 84, eliminando la riserva, a favore delle compagnie portuali e dei gruppi portuali, delle operazioni di sbarco, di imbarco e di maneggio delle merci, in attuazione sia del principio della libertà di iniziativa economica ex art. 41 Cost., comma 1, sia del principio comunitario di libera concorrenza, ha imposto la trasformazione in società delle compagnie e dei gruppi portuali, per l'esercizio in condizioni di concorrenza delle operazioni portuali.

L'autorizzazione rilasciata ai sensi della L. n. 84 del 1994, art. 16, all'esercizio delle attività portuali non è equipollente alla (né sostitutiva della) concessione per l'occupazione delle banchine impegnate nelle operazioni di carico e scarico prevista dal successivo art. 18: in manc... _OMISSIS_ ... sussiste la natura "abusiva" dell'occupazione.

L’art. 36 cod. nav. attribuisce all’ente portuale la potestà di consentire l’utilizzo del terreno e delle strutture demaniali a coloro che si mostrano in grado di rispondere alle esigenze del pubblico uso: per coloro che si sono qualificati come più volte incapaci di adempiere alle obbligazioni pecuniarie poste a loro carico dal titolo, deriva l’obbligo per l’autorità di liberare le aree dall’occupazione indebita in vista della loro riassegnazione a terzi soggetti capaci di far fronte agli oneri previsti in concessione.

L’accertamento dell’agibilità di un bene demaniale marittimo rientra tra i poteri di accertamento della capitaneria di porto.

In materia portuale sono qualificabili come operazioni specialistiche quelle caratterizzate da una particolare competenza tecnica per loro natura nau... _OMISSIS_ ...gia delle prestazioni rese dal concessionario fornitore per la sicurezza stessa delle lavorazioni.

Le operazioni di incolonnamento degli autoveicoli finalizzate all'imbarco sulle navi traghetto costituiscono un’attività portuale necessitante di previa autorizzazione.

L’assegnazione della concessione per lo svolgimento delle attività portuali può essere assentita solo nei confronti dei soggetti che hanno già maturato un valido titolo (iscrizione al registro delle imprese od equipollente) allo svolgimento di tale intrapresa, dovendosi con ciò intendere che il legislatore ha ritenuto che la corretta esplicazione delle procedure usuali in un porto risponda ad un preciso interesse pubblico, al cui rispetto è subordinato il rilascio del titolo su cui si controverte.

L’assegnazione in concessione di un’area del demanio portuale per l’espletamento di operazio... _OMISSIS_ ...ate al servizio di traghettamento può avvenire solo a favore di imprese iscritte negli appositi registri di cui all’art. 16, co. 3, legge84/1994, con esclusione quindi dei soggetti che non possono allegare un pregresso e documentato svolgimento dell’attività.

L’autorizzazione alle operazioni portuali è atto presupposto per il rilascio della concessione di aree e banchine (circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 1462 del 4 febbraio 2010), stante l’intima connessione delle operazioni portuali e dei servizi portuali con le aree e banchine comprese nell’ambito portuale e la conseguente necessità che il concessionario espleti sulle aree le suddette attività in regime di offerta permanente al pubblico stante la loro natura «essenziale».

Le operazioni di incolonnamento degli autoveicoli, anche se finalizzate all’imbarco sulle navi traghet... _OMISSIS_ ...ate in ambito portuale, sono considerate «attività portuali».

In materia portuale, le prestazioni possono essere qualificate come «specialistiche», se caratterizzate da una particolare competenza tecnica per loro natura nautica (pilotaggio, rimorchio, battellaggio, ormeggio) o per la tipologia delle prestazioni rese dal concessionario fornitore per la sicurezza stessa delle lavorazioni (quando si inseriscono in un unico ciclo produttivo integrato del servizio di trasporto).

In materia portuale, la complementarità e l’accessorietà consistono nel fatto che i servizi portuali, pur essendo attività distinte da quelle facenti parte del ciclo delle operazioni portuali ma con una funzione servente a queste, devono essere funzionali al proficuo svolgimento del ciclo stesso, contribuendo a migliorarne la qualità in termini di produttività, celerità e snellezza, o devo... _OMISSIS_ ...per eliminare residui o conseguenze indesiderate delle operazioni portuali.

Le operazioni portuali sono, di regola, operazioni di interesse generale e riguardano le gru di banchina, i rizzaggi, la movimentazione dei container e le loro spuntature, la pesatura e il controllo di sigilli, il bunkeraggio, gli approvvigionamenti per la nave, la raccolta dei rifiuti, l’espletamento di adempimenti doganali.

Le operazioni portuali riguardano tutte le attività rivolte a coprire l’intero ciclo dei servizi richiesti da una nave.

Ai sensi dell’art. 1 D.M. 14 novembre 1994, le stazioni marittime passeggeri, gli accosti, i parcheggi attrezzati e le strutture di supporto all'autotrasporto sono soltanto quelle infrastrutture che, per importanza economica, dimensione e complessità di funzioni, presentano un autonoma rilevanza di carattere generale, senza essere strettamente connesse o funzionali alle operaz... _OMISSIS_ ...o a quelle di imbarco e sbarco di merci.

Le operazioni di imbarco e di sbarco di automezzi, con quelle connesse di incolonnamento e di stazionamento dei mezzi gommati, non costituiscono un «servizio portuale di interesse generale» in senso tecnico, dovendo essere qualificate come semplici attività accessorie dell'opera di traghettamento che, rientrando nell'ambito dell'attività dell'armatore privato, non devono essere affidate in concessione mediante gara pubblica.

Le operazioni di incolonnamento delle autovetture vanno considerate come «attività portuale» in quanto sono considerate rilevanti sotto taluni profilo progettistica.

Lo svolgimento della attività di sbarco e di imbarco degli automezzi è subordinato al possesso di una specifica autorizzazione statale ai sensi dell’art. 16 legge 84/1994.

In materia di demanio portuale, non vi è... _OMISSIS_ ...vista dall’art. 37 cod. nav., trovando prevalenza le specifiche disposizioni della legge 84/1994.

In materia di servizi portuali, le prestazioni possono essere qualificate come specialistiche, se caratterizzate da una particolare competenza tecnica per loro natura nautica (pilotaggio, rimorchio, battellaggio, ormeggio) o per la tipologia delle prestazioni rese dal concessionario fornitore per la sicurezza stessa delle lavorazioni (quando si inseriscono in un unico ciclo produttivo integrato del servizio di trasporto).

In materia di servizi portuali, i requisiti della complementarità e dell’accessorietà consistono nel fatto che i servizi portuali, pur essendo attività distinte da quelle facenti parte del ciclo delle operazioni portuali ma in ruolo servente a queste, devono essere funzionali al proficuo svolgimento del ciclo stesso contribuendo a migliorarne la qualità in termini di produttivit... _OMISSIS_ ... e snellezza, o devono essere necessari per eliminare residui o conseguenze indesiderate delle operazioni portuali (di regola, d’interesse generale quali gru di banchina, rizzaggi, movimentazione dei container e loro spuntature, pesatura e controllo di sigilli, bunkeraggio, approvvigionamenti per la nave, raccolta dei rifiuti, espletamento di adempimenti doganali, nel genere consistenti in attività rivolte a coprire l’intero ciclo dei servizi richiesti da una nave in funzione del miglior espletamento delle operazioni portuali).

Le operazioni di incolonnamento degli autoveicoli, anche se finalizzate all’imbarco su navi traghetto, non possono essere considerate alla stregua di attività libere, ma sono operazioni portuali riservate ai soggetti in possesso dei requisiti di legge.

In materia portuale, le prestazioni possono essere qualificate come specialistiche, se caratterizzate da una particolare competenza... _OMISSIS_ ...tura nautica (pilotaggio, rimorchio, battellaggio, ormeggio) o per la tipologia delle prestazioni rese dal concessionario fornitore per la sicurezza stessa delle lavorazioni (quando si inseriscono in un unico ciclo produttivo integrato del servizio di trasporto), mentre la complementarità e l’accessorietà consistono nel fatto che i servizi portuali, pur essendo attività distinte da quelle facenti parte del ciclo delle operazioni portuali ma in ruolo servente a queste, devono essere funzionali al proficuo svolgimento del ciclo stesso contribuendo a migliorarne la qualità in termini di produttività, celerità e snellezza, o devono essere necessari per eliminare residui o conseguenze indesiderate delle operazioni portuali.

Ai sensi dell'art. 1 del D.M. 14 novembre 1994, che elenca i servizi portuali di interesse generale, si inferisce che le operazioni di imbarco e sbarco di automezzi, con quelle connesse di... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 5,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo