Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

IL CODICE DEL DEMANIO MARITTIMO, FLUVIALE E LACUALE

 DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> REGIONI/PROVINCE --> PUGLIA

 
Posto che è sempre consentito all’Amministrazione provvedere alla cura degli interessi pubblici ad essa affidati mediante emanazione di atti generali e astratti, di autovincolo a monte della propria discrezionalità, è legittimo il diniego di concessione demaniale marittima motivato mediante rinvio per relationem alle determinazioni del Piano Comunale delle Coste, rispetto alle quali la circostanza dell’essere quest’ultimo soltanto adottato, e non ancora definitivamente approvato, è elemento del tutto neutro ai fini del rilascio o del diniego di c.d.m.
 
Se il PRC ex L.R. Puglia n.17/2015 individua le aree nelle quali è escluso il rilascio di concessioni demaniali marittime, purtuttavia, lo stesso non impone alle Amministrazioni comunali il rilascio di concessioni demaniali nelle altre zone atteso che, invece, nell’esigenza della integrazione delle azioni di governo con la gestione del territorio, il Piano Comunale delle Coste fissa i principi e gli indirizzi generali e detta norme specifiche, in materia di tutela e uso del demanio marittimo.
 
Nella Regione Puglia, la delibazione dell'istanza di concessione demaniale marittima presentata prima della L.R. 17/06 è tuttuora assoggettata al sistema delineato dalla regionale n. 25 del 1999, che prevede una scissione procedimentale tra la competenza al rilascio finale delle suddette concessioni, posta in capo alla Regione, e le attribuzioni circa la propedeutica fase istruttoria, da riservare invece ai Comuni, i quali provvedevano ad acquisire tutti i pareri necessari, nonché ad elaborare una proposta di rilascio.
 
E' illegittimo il provvedimento con il quale un Comune della Regione Puglia, anziché limitarsi ad acquisire tutti i pareri necessari, nonché ad elaborare una proposta di rilascio, concluda senz'altro il procedimento per il rilascio di una concessione demaniale marittima richiesta prima della L.R. 17/06 e dunque assoggettata al sistema delineato dalla regionale n. 25 del 1999, con ciò invadendo la competenza propria della Regione.
 
La legge regionale n. 17 del 2006 individua un sistema all’interno del quale il piano regionale delle coste assume un ruolo centrale e indefettibile anche e soprattutto al fine del rilascio delle nuove concessioni: la subordinazione del rilascio di titoli concessori alla adozione/approvazione del piano regionale delle coste risulta in particolare giustificata dall’esigenza di ancorare l’attività di concreta gestione delle aree demaniali ad un contesto preventivamente definito e programmato.
 
Il divieto di cui al... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista