Carrello
Carrello vuoto



Procedure amministrative in caso di domande concorrenti di concessione del bene demaniale marittimo


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEL DEMANIO MARITTIMO, FLUVIALE E LACUALE
anno:2018
pagine: 4005 in formato A4, equivalenti a 6808 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> CONCORSO DI DOMANDE

Una mera presa di tempo da parte di un'altra P.A., con un atto sostanzialmente soprassessorio, in ragione dell'esistenza di più manifestazioni di interesse, non può in alcun modo costituire motivazione idonea a giustificare il rigetto dell'istanza di concessione demaniale.

In caso di domande concorrenti di utilizzo riservato del bene demaniale in forza di concessione l'amministrazione è tenuta a dare prevalenza alla proposta di gestione privata del bene che "offra maggiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione" e "risponda ad un più rilevante interesse pubblico" (art. 37, comma 1, del Codice della navigazione).

Nelle ipotesi di domande concorrenti di uso riservato del bene demaniale, quando dunque questo è utilizzabile dal privato a scopi imprenditoriali, il rispetto dei principi costituzionali di imparzialità e buon andamento e di matrice Europea di non discriminazione, affermatisi nel nostro ordinamento in epoca successiva al Codice della navigazione, e dunque quando il bene si palesa come bene economicame... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ibile, il relativo affidamento deve avvenire mediante procedura comparativa ad evidenza pubblica.

Nonostante l'ampia discrezionalità amministrativa che l'art. 37 cod. nav. attribuisce all'ente titolare in merito alla destinazione dei beni demaniali marittimi, sia che si tratti di imprimere ad essi un utilizzo balneare od imprenditoriale, configura un limite alla suddetta discrezionalità in capo all'ente concedente l'obbligo di chiarire nel provvedimento decisorio i criteri applicati nella scelta tra più domande di concessione concorrenti.

L'ampia discrezionalità amministrativa che l'art. 37 cod. nav. attribuisce all'ente titolare in merito alla destinazione dei beni demaniali marittimi comporta la non necessità di predeterminare i criteri decisori in caso di domande di concessione concorrenti, al di là di quanto è stabilito dall'art. 37 cod. nav., sia che si tratti di un'assegnazione a domanda delle parti o ad iniziativa dell'ufficio.

Non è illogico preferire, tra i vari progetti presentati dagli aspiranti affidatari di una concessione demaniale, quello più incisivo e articolato, specie laddove i tempi di realizzazione più lunghi siano giustificabili in ragione dell... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ampiezza dell'intervento, tale da comportare un effettivo ammodernamento, strutturale ed impiantistico, del complesso immobiliare.

Prima della valutazione comparativa delle domande di concessione demaniale marittima, l'ente pubblico può procedere, rispetto alla domanda inizialmente presentata dall'interessato, ad una diversa sistemazione dei requisiti temporali della costituenda concessione.

Laddove la p.a., una volta ricevuta una domanda di concessione demaniale marittima, non si avvalga della prerogativa di modificare la durata stessa, il termine individuato dal primo concorrente deve costituire il presupposto per tutte le altre offerte, atteso che, diversamente, il primo offerente sarebbe soggetto ad una ingiustificata ed illegittimità disparità di trattamento essendo obbligato alla originaria offerta che altri possono modificare e migliorare senza alcun possibile suo intervento migliorativo.

In caso di istanze concorrenti per occupazione temporanea di arenili, l'amministrazione deve assoggettare a procedura comparativa le offerte presentate, risultando solo in tal modo soddisfatto il prevalente interesse all'individuazione dell'affidatario che offra migliori garanzie di proficua utilizzazione del bene per fina... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... di pubblico interesse, secondo quanto prevede l'art. 37 del codice della navigazione, il quale impone l'abbandono dell'originaria valorizzazione del diritto di insistenza o di posizioni assimilabili al medesimo, a vantaggio del confronto concorrenziale tra i contenuti di più offerte, in modo da assicurare la migliore gestione possibile del bene, in coerenza con il principio comunitario di non discriminazione.

In caso di sospensione del procedimento di assegnazione di aree demaniali marittime in attesa dell'approvazione del nuovo regolamento comunale che darà le necessarie direttive per la corretta attribuzione delle aree oggetto di istanze concorrenti, tale atto assume un contenuto sostanzialmente reiettivo dell'istanza del privato.

Il fatto che le regole poste a base della selezione per l'affidamento di una concessione siano modificate dopo la presentazione di una delle domande concorrenti, avvantaggiando di conseguenza chi ha presentato la domanda successivamente alle modifiche e penalizzando, per converso, chi l'aveva presentata prima, è sufficiente a viziare la procedura.

L'Amministrazione titolare di un bene demaniale, in presenza di più domande di assegnazione, è tenuta ad effettuare un'istrut... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ppurare quali di esse possa assicurare la migliore gestione possibile del bene.

E' illegittima la concessione demaniale rilasciata, in presenza di più domande, sulla base della considerazione unilaterale ed esclusiva della domanda formulata da uno degli istanti, senza evidenziare alcuna plausibile ragione per cui essa avrebbe dovuto essere preferita.

I criteri di scelta fra più domande concorrenti devono essere determinati a priori in modo da fugare ogni sospetto che la p.a., nella formulazione del requisito, possa aver inteso privilegiare un concorrente a discapito di un altro.

Nella procedura di affidamento in concessione di un'area del demanio marittimo, il diritto del frontista è valorizzabile solo in presenza di situazioni identiche.

L'utilizzo del sito destinato alla realizzazione dell'intervento pubblico di lavori di difesa costiera, oggetto di una procedura di gara, non può che essere riservato al soggetto aggiudicatario dell'appalto: l'instaurazione della procedura di gara rende, dunque, chiaramente incompatibile il rilascio di una concessione demaniale sul bene, con conseguente legittimità dell'istanza presentata da terzi in questo senso.

Il fatto che la delibe... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ale della conferenza di servizi convocata per l'esame comparativo di alcune istanze di concessione demaniale marittima sia stata assunta all'unanimità implica che ciascuna delle amministrazioni rappresentate ha riconosciuto, in relazione allo specifico interesse tutelato, che il progetto selezionato fosse quello che meglio conciliava le esigenze di tutti, con valutazione non sindacabile dal G.A. in sede di legittimità.

Nel caso in cui il progetto relativo ad un'opera per la quale sia richiesta la concessione demaniale marittima sia stato radicalmente modificato occorre procedere ad una nuova pubblicazione dello stesso e dar vita ad una rinnovata procedura di pubblica evidenza.

La sola pubblicazione della domanda di concessione demaniale sull'albo pretorio del comune, come previsto dall'art. 4 D.P.R. 509/1997 sul regime di pubblicità delle domande di concessione demaniale è misura del tutto insufficiente a garantire una concreta possibilità di conoscenza alle imprese che operano nel settore: tale pubblicità, di conseguenza, deve essere opportunamente integrata nelle forme previste dalla legge.

Le manifestazioni di giudizio espresse sui progetti preliminari dalle amministrazioni convocate nella ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...di servizi prevista dall'art. 5 del D.P.R. n. 509 del 1997 restano fra loro distinte senza fondersi in un'unica volontà da imputarsi alla conferenza di servizi ed esternano ciascuna un giudizio di comparazione del progetto con l'interesse pubblico alla cui cura ciascuna delle amministrazioni partecipanti è preposta.

La pubblicazione dell'istanza di concessione demaniale marittima deve essere effettuata solo all'albo pretorio, e non anche sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana o sul B.U.R..

La decisione inerente la pubblicazione della domanda di concessioni demaniali marittime di particolare importanza ai sensi dell'art. 18 reg,.es. nav. mar. non può ritenersi demandata alla pura discrezionalità della P.A..

La Capitaneria di Porto che riceva una istanza finalizzata al rilascio di una concessione demaniale di particolare importanza ha l'obbligo di disporre la pubblicazione, poiché l'art. 18 reg. es. nav. mar. non riconosce alcun margine di valutazione discrezionale circa l'opportunità di avviare la procedura ad evidenza pubblica.

Ove le proposte progettuali avanzate da coloro che aspirano all'affidamento in concessione dell'area del demanio marittimo contemplino tutte ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...zione di attrezzature non fisse e completamente amovibili, è legittima la scelta della P.A. di procedere a licitazione privata, poiché non ricorre alcuna ragione di preferenza a ragione delle istanze concorrenti.

La presentazione di un'istanza di concessione demaniale marittima da parte del Comune può portare, previa verifica della sussistenza di domande concorrenti, ad una procedura comparativa alla stregua di criteri selettivi predeterminati nel rispetto delle indicazioni date dall'art. 37 del Codice della Navigazione, ma non certo all'attribuzione di una preferenza per il soggetto interessato, fondata inammissibilmente sulla natura pubblica di questi.

La necessità di perseguire particolari esigenze sociali in occasione del rilascio di una concessione demaniale può essere soddisfatta predisponendo appositi criteri selettivi da seguire per la scelta del concessionario ma non operando una preferenza imprevista ed imprevedibile.

L'art. 37 del cod. nav. fissa gli elementi costituenti la base del giudizio discrezionale, il quale deve maturare all'interno di un procedimento - che implica pur sempre una selezione - ad esito della quale occorre dar conto dell'istruttoria compiuta e delle ragioni che sorreg... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dizio positivo per l'istanza preferita quello negativo per la domanda concorrente respinta.

In sede di rilascio della concessione demaniale marittima, l'amministrazione deve compiere un giudizio comparativo di eventuale e concomitante valutazione di tutti i parametri soggettivi ed oggettivi sottesi a ciascuna istanza, di modo che la scelta possa logicamente ricadere sull'iniziativa che garantisca la migliore integrazione di detti elementi e delle componenti degli stessi (capacità imprenditoriale, pregressa esperienza nel settore dell'attività collegata alla concessione etc).

Nell'ambito di una procedura di affidamento della concessione demaniale marittima per la realizzazione di strutture per la nautica da diporto non è illogico privilegiare un'opera conforme agli strumenti urbanistici, né esitare negativamente elaborati non conformi alla normativa di riferimento, anche in considerazione delle valutazioni negative espresse in ordine all'affidabilità economica – finanziaria ed all'impatto sulla viabilità.

L'onere di pubblicazione nell'albo pretorio del Comune delle informazioni di cui all'art. 18 reg. cod. nav. sussiste unicamente nel caso di concessioni di particolare importanza per l'en... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... o per lo scopo.

L'esistenza di un procedimento di concessione non ancora concluso non è ragione sufficiente per poter respingere una istanza di concessione relativa al medesimo bene, non potendosi esimere l'amministrazione dal procedere a una comparazione tra tutti i possibili aspiranti con conseguente necessità che del procedimento pendente sia data notizia e sia pertanto permesso a altri eventuali interessati di proporre istanze in concorrenza.

Sussiste il dovere dell'amministrazione, prima di disporre il rinnovo della concessione demaniale marittima a favore del precedente concessionario, di procedere ad una valutazione comparativa tra le istanze ricevute in ossequio al disposto dell'art. 37 c. nav.

L'obbligo di dare corpo a forme idonee di pubblicità delle domande di concessione demaniale marittima deriva in via diretta dai principi del Trattato dell'Unione Europea, direttamente applicabili a prescindere dalla ricorrenza di specifiche norme comunitarie o interne.

L'omissione del confronto concorrenziale tra le domande imposto dall'art. 37 cod. nav. non determina l'illegittimità della concessione demaniale marittima rilasciata allorché la domanda rigettata fosse in contrasto con la... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ione di settore.

In caso di presentazione di domande aventi ad oggetto, anche parzialmente, la medesima area demaniale marittima, la P.A. deve attivare la procedura di comparazione prevista dall'art. 37 cod. nav. anche se tali domande abbiano finalità diverse, ad es. una per la concessione di beni del demanio marittimo per la realizzazione di strutture dedicate alla nautica da diporto ed un'altra la realizzazione di un approdo con servizi per imbarcazioni adibite alla piccola pesca all'interno di un porto peschereccio.

In caso concorso di più domande di concessione di beni del demanio marittimo, non si applica la disciplina di cui all'art. 37 del codice della navigazione se si tratta di strutture dedicate alla nautica da diporto.

Relativamente al rilascio delle concessioni demaniali marittime, il criterio di previa definizione dei procedimenti pendenti non è in contrasto con l'art.37 cod. nav., che disciplina il caso del concorso di più domande di concessione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> CONCORSO DI DOMANDE --> GRADUATORIA

E' legittimo il diniego di concessione demanial... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... fondata sul fatto che la graduatoria addotta dal richiedente è oramai inefficace, indipendentemente dal fatto che l'omesso scorrimento della graduatoria quand'era ancora efficace sia dipeso da un comportamento della pubblica amministrazione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> CONCORSO DI DOMANDE --> PROFICUA UTILIZZAZIONE

Il rilascio delle concessioni demaniali marittime è disciplinato dal Codice della Navigazione che, all'art. 37, prevede che nel caso di più domande di concessione sia preferito il richiedente che offra maggiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione e si proponga di avvalersi di questa per un uso che risponda ad un più rilevante interesse pubblico: a tal fine, l'art. 18 del Regolamento di esecuzione al Codice della Navigazione prevede un iter procedimentale finalizzato alla pubblicazione delle istanze di rilascio di concessione.

La proficua utilizzazione della concessione, rilevante ai fini della comparazione fra più domande, ricomprende non solo le opere che sulla specifica area vengano realizzate, ma riguarda anche il contesto in cui il bene demaniale è inse... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...'è dubbio che il bene diviene più appetibile sul mercato (in quanto meglio fruibile e più proficuamente utilizzabile) quando vengano realizzate opere che ne agevolino l'utilizzazione (pur se queste non sono realizzate sull'area oggetto della concessione).

Ai fini della valutazione delle garanzie di proficua utilizzazione del bene pubblico, è legittimo e ragionevole ritenere che il punto di ormeggio destinato ad ospitare imbarcazioni da diporto, sia oggetto di maggiori richieste da parte dei diportisti, ove inserito in un contesto portuale ed urbano meglio organizzato, maggiormente vivibile, dotato di servizi pubblici e di strutture che, in relazione alla loro qualità, costituiscano un migliore polo di attrattiva.

L'art. 37 cod. nav. stabilisce il principio generale secondo cui i beni demaniali passibili di più domande concorrenti devono essere assegnati avendo riguardo al criterio della più proficua utilizzazione ed al criterio della massimizzazione dell'interesse pubblico.

Il principio secondo cui le concessioni demaniali marittime devono essere rilasciate all'esito di un confronto competitivo tra i soggetti interessati che assicuri la conformità all'interesse pubblico dell'affi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...posto dall'Amministrazione è sancito dall'art. 37 comma 1 cod. nav., secondo cui, «nel caso di più domande di concessione, è preferito il richiedente che offra maggiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione e si proponga di avvalersi di questa per un uso che, a giudizio dell'amministrazione, risponda ad un più rilevante interesse pubblico». Peraltro, l'interpretazione di tale norma dev'essere svolta alla luce dei principi di derivazione comunitaria, i quali impongono che le procedure concessorie assicurino parità di trattamento, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori interessati.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI