Carrello
Carrello vuoto



La concessione demaniale marittima per attività di acquicoltura


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEL DEMANIO MARITTIMO, FLUVIALE E LACUALE
anno:2018
pagine: 4005 in formato A4, equivalenti a 6808 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 45,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!

Avvocato

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> TIPOLOGIE --> ACQUICOLTURA, MATRICOLTURA E MOLLUSCHICOLTURA

Ai fini del computo della superficie occupata dalle cime e dalle catene di ormeggio o di ancoraggio degli impianti di acquicoltura, si deve tenere conto soltanto dell'ingombro del diametro della catena ovvero della proiezione della stessa sul fondo del mare.

Accertato lo stato di pericolosità, per la presenza di otto grandi vasche di sedimentazione prive di protezione, del suolo demaniale in corso di affidamento per attività matricoltura, è legittimo ordinare la messa in sicurezza dell'impianto.

Il principio generale per cui la P.A. non può negare una utilità attesa da un cittadino solo sulla base di inadempienze della stessa o di altra P.A. impone di ritenere illegittimo il diniego di concessione demaniale di uno specchio acqueo al fine di destinarlo all'attività di acquacoltura che sia motivato sulla base dell'assenza di una specifica disciplina regionale di settore e di uno specifico atto pianificatorio approvato dalla P.A. concedente.

Il regime previdenziale non costituisce un indice sicuro per l'individuazione d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... che esercitano la pesca quale esclusiva o prevalente attività lavorativa, ma tale indagine va effettuata ponendo a raffronto la nuova figura dell'imprenditore ittico, come definita dal D.lgs. 18.5.2001, n. 226, con la natura dell'attività effettivamente svolta.

Nessuna disposizione impedisce che i requisiti per la coltivazione dei mitili ed i mezzi nautici da utilizzare siano dimostrati dopo il conseguimento della concessione demaniale.

Il divieto di confezionamento e commercializzazione dei molluschi, ma non di coltivazione, non può costituire ostacolo alla concessione in sanatoria delle opere al servizio della coltivazione dei mitili.

L'operatore professionale nel settore dell'acquacoltura ha titolo per impugnare gli atti che riguardano l'area della quale ha chiesto la concessione, a prescindere dall'irrilevante circostanza che già occupi e coltivi di fatto tale area.

Sono legittime le concessione d'uso per acquacoltura rilasciate dal Magistrato delle Acque in relazione a specchi d'acqua lagunari che, prima del trasferimento alle Regioni, costituivano beni demaniali dello Stato.

Il concessionario legittimato all'esercizio di attività di acquicoltura ben può var... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...orso della concessione, il tipo di pesce allevato, senza che ciò comporti una modifica del titolo.

Nell'ipotesi in cui il concessionario di un'area demaniale marittima allevi pesce di specie diversa da quella originariamente prevista, in sostituzione o in aggiunta della prima, e ciò avvenga nell'ambito della superficie concessa, non può parlarsi di estensione illegittima del titolo concessorio, né, tantomeno, di assenza di titolo.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI