Carrello
Carrello vuoto



Classamento immobiliare: case popolari, palazzi di pregio e gli immobili a destinazione speciale

In tema di contenzioso tributario, il fatto che un immobile sia stato costruito con un contributo pubblico previsto per l'edilizia popolare economica non comporta quale automatica conseguenza il classamento come "abitazione di tipo popolare", né la categoria A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici) può essere attribuita a tutti gli immobili riconosciuti di interesse storico artistico.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEL CATASTO
anno:2017
pagine: 2292 in formato A4, equivalenti a 3896 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


CLASSAMENTO --> ABITAZIONI DI TIPO POPOLARE

Nelle controversie concernenti la classificazione catastale di un'unità immobiliare non assume rilievo determinante ed esaustivo, per la relativa collocazione nella categoria "economico-popolare", la circostanza che un immobile sia stato realizzato mediante finanziamenti pubblici per l'edilizia residenziale economica e popolare, atteso, da un canto, che le caratteristiche di un immobile a fini catastali attengono soprattutto ad uno stato di fatto che è indipendente dalle finalità del finanziamento pubblico, dall'altro, che non necessariamente vi è corrispondenza tra classificazione catastale ai fini dell'attribuzione della rendita e qualificazione ai fini della normativa sull'edilizia popolare ed economica.

Il fatto che un immobile sia stato costruito con un contributo pubblico previsto per l'edilizia popolare economica non può comportare alcuna automatica conseguenza in ordine al classamento dello stesso come "abitazione di tipo popolare".

in tema di controversie tributarie concernenti la classificazione catastale di un'unità immobiliare, non assume rilievo determinante ed esau... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...la relativa collocazione nella categoria "economico - popolare" la circostanza che un immobile sia stato realizzato mediante finanziamenti pubblici per l'edilizia residenziale economica e popolare, atteso, da un canto, che le caratteristiche di un immobile a fini catastali attengono soprattutto ad uno stato di fatto che è indipendente dalle finalità del finanziamento pubblico, dall'altro, che non necessariamente vi è corrispondenza tra classificazione catastale ai fini dell'attribuzione della rendita e qualificazione ai fini della normativa sull'edilizia popolare ed economica.

In tema di controversie tributarie, quali la presente, concernenti la classificazione catastale di un'unità immobiliare, la circostanza che un immobile sia stato realizzato mediante finanziamenti pubblici per l'edilizia residenziale economica e popolare non assume nessun rilievo determinante ed esaustivo ai fini della relativa collocazione nella categoria "economico-popolare".

Il criterio del tipo di finanziamento pubblico concesso per la realizzazione dell'immobile può rilevare, ai fini del classamento catastale, solo in difetto di altri elementi probatori (ove, inoltre, non risulti una r... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e difforme dalle finalità fissate dalla legge per l'erogazione), nel senso che potranno essere presunte esistenti (e valutate per il rilassamento) le caratteristiche immobiliari legislativamente richieste per la concessione del finanziamento pubblico utilizzato.

CLASSAMENTO --> CASTELLI E PALAZZI DI PREGIO

La categoria A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici) non può essere attribuita a tutti gli immobili riconosciuti di interesse storico artistico ai sensi della legge 1089/1939, ma può comprendere soltanto edifici di ben specifiche e non comuni caratteristiche, i più rilevanti tra quelli che costituiscono il patrimonio culturale della nazione, che, richiedono più urgenti spese di manutenzione e che meritino conseguentemente, anche fiscalmente, una considerazione particolare.

Se è vero che i castelli o palazzi dichiarati, con atto amministrativo notificato ai proprietari, di interesse artistico o storico, quale che sia la loro destinazione e la natura del reddito ricavatone, possono essere censiti in catasto attribuendo loro la categoria A/9, tale principio deve tuttavia essere necessariamente interpretato e temperato alla luce della na... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...seca della costruzione, secondo le valutazioni del caso per caso da articolarsi con specifica motivazione.

I castelli e i palazzi suddetti vanno classificati in cat. A/9 anche quando, in considerazione della loro destinazione attuale, potrebbero essere classificati (in tutto o in parte) in altre categorie.

Il riconoscimento della categoria A/9 è accordabile soltanto agli immobili che siano stati dichiarati, con atto amministrativo notificato ai proprietari, di interesse artistico e storico ai sensi e per gli effetti della legge 1089/1939.

Non è necessario che gli immobili classificati in categoria A/9 debbano avere destinazione abitativa.

La categoria A/9, lungi dal poter essere attribuita a tutti gli immobili riconosciuti di interesse storico o artistico ai sensi della legge 1089/1939 può ricomprendere soltanto edifici di ben specifiche e non comuni caratteristiche, anche se, certamente, tra i più rilevanti tra tutti quelli che costituiscono il patrimonio culturale della Nazione e che richiedono più ingenti spese di manutenzione: il che spiega perfettamente perché meritino, anche fiscalmente una considerazione ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ....

CLASSAMENTO --> CATEGORIA D

Rientrano nella categoria D/8 - soggetta a classamento mediante "stima diretta" - gli immobili (quali centri commerciali, mercati, fiere, spazi espositivi) costruiti per le speciali esigenze di un'attività industriale e commerciale e non suscettibili di una destinazione estranea a dette esigenze, appunto, senza radicali trasformazioni (R.D.L. n. 652 del 1939, art. 10 e succ.mod.); né assume a tal fine rilievo decisivo la circostanza della titolarità privata del bene.

In materia di classamento catastale, i locali tecnici e la cabina di manovra di una seggiovia, che non è un mezzo di trasporto a disposizione del pubblico, ma un bene avente un'esclusiva funzione commerciale, collegata all'uso delle piste sciistiche, non possono essere inquadrati nella stazione di un servizio di pubblico trasporto, sicché devono essere classificati non nella categoria catastale E, che ricomprende, peraltro, solo gli immobili specificamente ed analiticamente indicati, ma in quella D/8.

Il canone determinativo del classamento e della conseguente attribuzione della rendita catastale per gli immobili di categoria D/1 ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i, a norma del D.P.R. 1 dicembre 1949, n. 1142 e del D.P.R. 22 dicembre 1987, n. 917, art. 34, sulla stima diretta, che tenga conto delle caratteristiche del bene, potendo allo scopo essere desunte anche dalle risultanze documentali a disposizione dell'Ufficio, senza necessità di sopralluogo.

L'immobile "fieristico", nel quale sono svolte manifestazioni di promozione economica ovvero culturale e sportiva e spettacoli in genere, ha carattere commerciale, ciò che esclude l'attribuzione della categoria catastale E, quest'ultima soltanto prevista per immobili nella sostanza considerati extra commercium e quindi improduttivi di reddito e pertanto non tassabili; e poiché gli immobili fieristici in parola hanno una destinazione diversa rispetto alle anteriori categorie ABC, gli stessi debbono essere inquadrati nella speciale cat. D/3.

I parchi eolici in quanto costituiscono una centrale elettrica sono accatastabili nella categoria D/1-Opificio e le pale eoliche debbono essere computate ai fini di determinazione della rendita come lo sono le turbine di una centrale idroelettrica, poiché le prime, come le seconde, costituiscono una componente strutturale ed essenziale della centrale stessa, sicché questa senza que... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...rebbe più essere qualificata tale, restando diminuita nella sua funzione complessiva e unitaria ed incompleta nella sua struttura.

Il criterio della rendita presunta adottato dal legislatore anche riguardo ai fabbricati di gruppo D non interamente posseduti da imprese è, per sua natura, interinale al pari del criterio della rendita presunta utilizzato per i fabbricati ascrivibili a categorie catastali diverse dalla D.

Nel caso di immobile avente destinazione speciale, categoria D, la rendita catastale è attribuita con stima diretta, senza che possa essere riconosciuta all'U.T.E. alcuna discrezionalità in tal senso, onde evitare il superamento del risultato ottenuto applicando al valore venale il moltiplicatore fisso di cui al D.M. 14 dicembre 1991.

La deroga per cui i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D vedono il proprio valore determinato sulla base delle scritture contabili opera soltanto fino a quando non si verifichi la condizione (risolutiva dello stesso regime derogatorio) dell'accatastamento con attribuzione della relativa rendita.

Tenuto conto del fatto che la rendita catastale è attribuita agli immobili di categor... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ima diretta, sulla base del valore venale e con applicazione del moltiplicatore fisso 50 di cui al d.m. 14.12.91, dall'entità di tale moltiplicatore si ricava in senso inverso che il saggio di capitalizzazione delle rendite catastali a cui fa riferimento l'art. 29 D.P.R. 1142/1949 è rappresentato a seconda dei diversi gruppi dall'1% dal 2% e dal 3% ed essendo gli stessi determinati uniformemente ed autoritativamente per ciascun gruppo, nessuna discrezionalità può essere riconosciuta all'UTE nella sua individuazione. Per l'effetto un tasso che eccedesse il 2% supererebbe il risultato ottenuto applicando il moltiplicatore 50 stabilito.

CLASSAMENTO --> IMMOBILE INAGIBILE

Anche l'immobile inagibile ha una propria rendita catastale.

CLASSAMENTO --> IMMOBILI NON RESIDENZIALI

La semplice iscrizione catastale di un immobile non è idonea a dimostrare che un edificio abbia il determinato uso corrispondente.

Con riferimento ad impianti di risalita funzionali al servizio di piste sciistiche, non sussiste il presupposto del classamento come "mezzo pubblico di trasporto", che presuppone una sia pur parziale utilizzabilità della ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ome mezzo di trasporto a disposizione del pubblico, laddove un impianto di risalita svolge un'esclusiva funzione commerciale di ausilio ed integrazione dell'uso delle piste sciistiche.

L'esistenza di piscine e campi da tennis non comporta automaticamente che la natura non residenziale dell'immobile, essendo concepibile anche per dimore residenziali.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI