Le concessioni delle acque minerali e termali

1. Le concessioni delle acque minerali e termali.

Le acque minerali e termali sono considerate una «merce», come tale destinata al consumo (a seguito di imbottigliamento e sfruttamento commerciale, nel caso delle acque minerali) o all’utilizzo di massa (tramite la creazione di apposite strutture per la fruizione, come nel caso delle acque termali). In entrambi i casi tali attività sono comunque sottoposte a uno specifico regime autorizzatorio e concessorio.

In questo paragrafo affronteremo il tema delle concessioni di siffatte acque «speciali».

Ai sensi dell’art. 14 del R.D. n. 1445/1927, «le miniere possono essere coltivate soltanto da chi ne abbia avuto la concessione» e abbiamo in... _OMISSIS_ ...ave; già ricordato l’art. 97 del Codice dell’Ambiente, il quale recita che «le concessioni di utilizzazione delle acque minerali naturali e delle acque di sorgente sono rilasciate tenuto conto delle esigenze di approvvigionamento e distribuzione delle acque potabili e delle previsioni del Piano di tutela di cui all’articolo 121». A sua volta, il predetto art. 121 prevede il c.d. Piano di tutela delle acque, un piano di settore nella cui formazione sono coinvolte le Autorità di bacino e che deve contenere, per espressa previsione normativa, «le misure necessarie alla tutela qualitativa e quantitativa del sistema idrico».

Dal rilascio della concessione dipende pertanto la possibilità di utilizzo dell’acqua minerale... _OMISSIS_ ... come sostenuto dalla giurisprudenza amministrativa di merito, «in assenza della concessione, le acque minerali non possono essere sfruttate, neanche al solo scopo di imbottigliarle e di commercializzarle». Di conseguenza, il rilascio della concessione risulta essere un presupposto necessario al fine dell’esercizio dell’attività di impresa consistente nell’imbottigliamento e nella commercializzazione.


2. La durata.

In relazione alla durata delle concessioni, l’art. 96, comma 8 del Codice dell’Ambiente prevede la temporaneità di tutte le concessioni, la cui durata è pari a trenta anni, salvo casi particolari espressamente previsti dalla legge, vale a dire le concessioni per uso irriguo e per la pi... _OMISSIS_ ...cui è durata può essere pari a quaranta anni, ovvero ancora per le concessioni di grande derivazione idroelettrica o di grandi derivazioni ad uso industriale.

Interessante a tal proposito è la pronuncia della Corte Costituzionale n. 1/2010, citata nel paragrafo che precede, la quale ha altresì affermato – incidenter tantum – che le concessioni concernenti le acque minerali e termali devono avere una durata trentennale, in quanto sottoposte ai limiti di tutela ambientale fissati ai sensi dell’art. 117, secondo comma, lettera s) Cost., e all’applicazione dell’art. 96 del Codice dell’Ambiente.

3. La scelta del concessionario.

Per quanto concerne la scelta del concessionario, occorre sofferma... _OMISSIS_ ...sulla disciplina comunitaria oggi vigente.

Com’è noto, la c.d. Direttiva Bolkestein (Direttiva 2006/123/CE) ha sancito la necessità di procedure ad evidenza pubblica per ogni caso di rilascio di concessione di un bene pubblico, in applicazione dei principi di uguaglianza, di libertà di stabilimento e di tutela della concorrenza. Il Consiglio di Stato, in una risalente pronuncia, aveva invero affermato che «il nostro ordinamento, sulla scia di significativi impulsi in tal senso rivenienti dal diritto comunitario, è oggi attestato, anche in forza di una lettura interpretativa delle norme nazionali orientata al rispetto dei principi contenuti nel Trattato CE, sulla necessità che le Amministrazioni pubbliche (o i soggetti alle stesse equiparate) adotti... _OMISSIS_ ...mparative ad evidenza pubblica ogni volta che debbano affidare commesse o beni pubblici di rilevante interesse economico».

In altre parole, e procedendo per sussunzione, occorre affermare come – essendo le «acque minerali e termali» un bene pubblico demaniale – l’affidamento di un siffatto bene demaniale in concessione ad un soggetto privato debba rispettare le procedure di evidenza pubblica.

Interessante, in tal senso, una pronuncia del T.A.R. Abruzzo, il quale, interpretando la Direttiva Bolkestein, ha sostenuto – condivisibilmente – che «l’esclusione dei servizi sanitari dall’ambito applicativo della direttiva 2006/123/CE (c.d. direttiva Bolkestein), previsto dall’art. 2,... _OMISSIS_ ...tessa direttiva, costituendo una deroga a quest’ultima e ai principi comunitari in tema di concorrenza, deve formare oggetto di interpretazione restrittiva e deve, pertanto, essere limitata alle ipotesi di autorizzazione allo svolgimento di attività sanitaria (si pensi all’accreditamento): non vi possono, invece, rientrare ipotesi “spurie” come la concessione di acque minerali e termali, in cui la fornitura di servizi termali costituisce solo uno dei modi possibili di sfruttamento del bene dato in concessione». Dal canto suo, il Consiglio di Stato specificava che «in relazione alla gestione delle acque termali … l’amministrazione deve farsi carico, a mezzo di atto di indizione della procedura selettiva, di stabilire preliminar... _OMISSIS_ ...ti qualificanti l’offerta di utilizzo della risorsa mineraria, nonché i criteri di massima di valutazione delle offerte medesime, così soddisfacendo la possibilità di accesso al bene pubblico in condizioni di trasparenza, concorsualità ed imparzialità della scelta».

In altre parole, dunque, la scelta del concessionario della risorsa minerale o termale deve sempre avvenire secondo le modalità di evidenza pubblica, pena l’illegittimità dell’intera procedura di selezione. In questo senso si inserisce il Consiglio di Stato, che afferma la assoluta incompatibilità con il diritto comunitario di una norma di legge regionale che «preveda il rinnovo automatico della concessione mineraria di acque termali a favore del precedente tito... _OMISSIS_ ... concessorio, essendo necessario l’espletamento di una procedura ad evidenza pubblica».


4. Il canone concessorio.

Tutte le concessioni di beni demaniali sono onerose: è previsto, infatti, a carico del concessionario, un obbligo di corresponsione del c.d. canone in favore della Pubblica Amministrazione concedente, nell’ambito di un più vasto rapporto sinallagmatico tra le parti.

Il regime delle concessioni delle acque minerali e termali non ha ragione di discostarsi dalla normativa generale.

Il canone per la concessione di acque minerali afferisce «ad un rapporto avente ad oggetto lo sfruttamento economico di un bene pubblico che assume caratteristiche ibride: autoritative e pubblicist... _OMISSIS_ ...la previsione e fissazione di un adeguato canone; pattizie e privatistiche, quanto alla possibile esistenza di regole negoziali accessive al provvedimento concessorio».

Anche la Corte Costituzionale ha avvalorato il principio dell’onerosità della concessione e quello della proporzionalità del canone all’effettiva entità dello sfruttamento delle risorse pubbliche che la concessione comporta e all’utilità economica che il concessionario ne ricava, la cui competenza è – come abbiamo visto poc’anzi – demandata alle regioni. Da ci&o...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 15447 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 92 pagine in formato A4

20,00 €