La determinazione del canone per le concessioni demaniali marittime

1. La concessione demaniale marittima

L’art. 19 reg. es. cod. nav. prevede invero espressamente che in ogni atto di concessione devono essere indicati, tra gli altri elementi, «il canone, la decorrenza e la scadenza dei pagamenti, nonché il numero di rate del canone il cui omesso pagamento importi la decadenza della concessione a termini dell’articolo 47 del codice».

Si rende necessario un breve excursus normativo sull’argomento, per poi addentrarci nelle pronunce giurisprudenziali.

In primis, il codice della navigazione, all’art. 39, afferma che «la misura del canone è determinata dall’atto di concessione», e, successivamente, che «nelle concessioni a enti pubblici o pr... _OMISSIS_ ... di beneficenza o per altri fini di pubblico interesse, sono fissati canoni di mero riconoscimento del carattere demaniale dei beni».

Il successivo art. 40 cod. nav. contempla invece la possibilità di riduzione del canone «qualora l’utilizzazione di beni del demanio marittimo da parte del concessionario venga ad essere ristretta per effetto di preesistenti diritti di terzi», fatta salva la facoltà di rinuncia della concessione da parte del concessionario medesimo (come previsto dall’art. 44, primo comma cod. nav., a cui rimanda lo stesso art. 40 cod. nav.).

Il regolamento di esecuzione disciplina l’istituto del canone all’art. 16, prevedendo che «il concessionario deve corrispondere anticipatament... _OMISSIS_ ...te del canone, nella misura ed alle scadenze determinate nell’atto di concessione. Per le concessioni con licenza di durata non superiore al biennio il canone è pagato anticipatamente per l’intera durata. Per le concessioni con licenza di durata superiore al biennio il canone è pagato anticipatamente a rate biennali. Il concessionario deve pagare il canone anche quando non usufruisce in tutto o in parte della concessione, salvo il disposto dell’articolo 40 del codice. La misura minima normale del canone per la concessione è stabilita da leggi o regolamenti speciali. La misura del canone per le singole concessioni deve essere concordata fra il capo del compartimento e l’intendente di finanza in relazione alla entità delle concessioni stesse, allo scopo... _OMISSIS_ ... conseguire e ai profitti che può trarne il concessionario. Per le concessioni con licenza la misura del canone, a seconda delle varie spese di concessioni, può essere stabilita in via generale dal capo del compartimento d’accordo con l’intendente di finanza. Il concessionario è obbligato, quando ne sia richiesto, a esibire all’ufficio del compartimento la quietanza attestante il pagamento delle rate del canone».

Tralasciando i vari Decreti Ministeriali in materia, si segnala – tra le altre innovazioni – la legge finanziaria per il 2007 che, all’art. 1 commi 251 e 252, è andata a modificare l’art. 3 del D.L. n. 400/1993, prevedendo, al comma 251, l’adeguamento dei canoni per le concessioni comprensive di b... _OMISSIS_ ...li ai c.d. valori medi O.M.I. (Osservatorio del Mercato Immobiliare) oltre che l’adeguamento – più in generale – secondo gli indici ISTAT e, al comma 252, l’applicabilità di questa normativa anche alle concessioni aventi ad oggetto la realizzazione e la gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto.

La Corte Costituzionale ha ritenuto che «la variazione dei criteri di calcolo dei canoni dovuti dai concessionari di beni demaniali, in particolare di beni appartenenti al demanio marittimo, non è frutto di una decisione improvvisa ed arbitraria del legislatore, ma si inserisce in una precisa linea evolutiva della disciplina dell’utilizzazione dei beni demaniali. Alla vecchia concezione, statica e legata ad una valutazio... _OMISSIS_ ...astratta del valore del bene, si è progressivamente sostituita un’altra, tendente ad avvicinare i valori di tali beni a quelli di mercato, sulla base cioè delle potenzialità degli stessi di produrre reddito in un contesto specifico … Né l’incremento può essere considerato frutto di irragionevole arbitrio del legislatore, tale da indurre questa Corte a sindacare una scelta di indirizzo politico-economico, che sfugge, in via generale, ad una valutazione di legittimità costituzionale. Si tratta infatti di una linea di valorizzazione dei beni pubblici, che mira ad una loro maggiore redditività per lo Stato, vale a dire per la generalità dei cittadini, diminuendo proporzionalmente i vantaggi dei soggetti particolari che assumono la veste di concessionari»... _OMISSIS_ ...

2. Determinazione del canone e tipologie di concessione demaniale marittima

Abbiamo visto come, ai sensi dell’art. 39 cod. nav., la misura del canone debba essere predeterminata fin dall’atto di concessione: in uno con la giurisprudenza amministrativa, «si mostra illegittima la commisurazione del canone che, anziché tener conto della consistenza attuale del bene dato in concessione, lo commisuri alla sua conformazione futura, a seguito della realizzazione delle opere».

Sempre in materia di canone, l’art. 7 del D.L. n. 400/1993 afferma – al primo comma – che gli enti portuali possono adottare, per concessioni demaniali marittime rientranti nel proprio ambito territoriale, criteri divers... _OMISSIS_ ...icati nel decreto (all’art. 3) che, comunque, non comportino l’applicazione di canoni inferiori rispetto a quelli che deriverebbero dall'applicazione del decreto medesimo. In altre parole, le Autorità Portuali – nelle concessioni di beni demaniali marittimi che siano ricompresi nella loro circoscrizione – ben possono determinare altri canoni, diversi da quelli indicati dal legislatore, purché non siano inferiori rispetto a quelli stabiliti dall’art. 3 del D.L. n. 400/1993 (e dalle svariate circolari ministeriali di adeguamento). L’articolo in commento deve essere letto insieme all’art. 10 del D.M. 19/7/1989, il quale prevede che «resta ferma la competenza degli enti portuali per la determinazione dei criteri e delle misure dei ... _OMISSIS_ ... a concessioni di beni demaniali marittimi compresi nelle circoscrizioni di rispettiva giurisdizione». Il T.A.R. Toscana ha recentemente confermato l’autonomia delle Autorità Portuali, corroborando un’interpretazione che fa salva la discrezionalità degli enti amministrativi portuali. Infatti, si è sostenuto che «le Autorità, fermi questi limiti in ribasso, hanno per contro piena autonomia nella determinazione dei canoni relativi alle concessioni rientranti nel proprio ambito di competenza, e la misura di canone concretamente quantificata nel caso di specie è espressione di detta autonomia».

Posto che l’art. 3, primo comma, lett. b), n. 2 del D.L. n. 400/1993 distingue le concessioni comprensive di “pertinenze demanial... _OMISSIS_ ...tinate ad attività commerciali” da quelle comprensive di “pertinenze demaniali destinate ad attività non commerciali”, «conferendo rilievo non tanto alle condizioni soggettive del titolare della concessione (società lucrativa o cooperativa), ma al rapporto di tipo strutturale ed oggettivo tra i locali e la funzione della concessione così come impressa sul bene demaniale dal provvedimento costitutivo e dalla sua destinazione», discende che, nel caso di specie, «ai fini della determinazione del canone per le conces...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 18945 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 93 pagine in formato A4

20,00 €