Carrello
Carrello vuoto



Natura degli interventi edilizi

La definizione delle diverse categorie di interventi edilizi spetta allo Stato e sono incostituzionali le disposizioni della legislazione regionale che da tali definizioni si discostino.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:OPERE ED INTERVENTI EDILIZI
anno:2016
pagine: 1508 in formato A4, equivalenti a 2564 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


La semplice variazione della sagoma di un edificio non può essere qualificata come variante essenziale.

La natura degli interventi va rilevata non già in relazione alla destinazione impressa a questi in modo del tutto soggettivo, ma alla idoneità oggettiva degli stessi a costituire un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente, comportanti, per ciò stesso, modifiche della volumetria complessiva dell'edificio cui accedono.

L'ultimo comma dell'art. 3 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 deve essere rettamente inteso nel senso che la normativa urbanistica comunale (come ovviamente anche la legislazione regionale) non possa dare agli interventi una classificazione diversa da quella ivi stabilita, né traslare i medesimi dall'una all'altra tipologia, e non anche che, in sede di piani esecutivi, non possa definire le modalità quali-quantitative degli interventi, e quindi anche limitare, ad esempio come nel caso di specie, il numero di piani realizzabili, tanto più quando l'intervento si inserisca in piano inteso al risanamento di un contesto urbano secondo linee filologiche di recupero dei caratteri storico-architettonici, e quindi anche al fine di ripristinare un armonico sviluppo di una schie... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ....

Per una corretta qualificazione dell'intervento edilizio occorre guardare non solo alla mera opera materiale bensì al complessivo risultato ottenuto mediante la stessa, per cui anche semplici interventi edilizi interni che danno vita ad un'unica vasta unità immobiliare ovvero a due nuove unità in luogo dell'unica precedente provocano una diversa utilizzazione dell'area interessata ed una sensibile variazione quantitativa e qualitativa del carico urbanistico.

Al fine di qualificare la tipologia di intervento edilizio realizzato non è necessaria una previa valutazione dell'intero organismo edilizio dallo stesso interessato.

Le definizioni contenute nell'art. 3, co. 1, D.P.R. 380/2001 prevalgono su quelle contenute negli strumenti urbanistici generali e dei regolamenti edilizi locali; esse hanno anche natura di principi fondamentali che devono essere rispettati dalla legislazione regionale in materia di governo del territorio.

Sono principi fondamentali della materia «governo del territorio» le disposizioni che definiscono le categorie di interventi, perché è in conformità a queste ultime che è disciplinato il regime dei titoli abilitativi, con riguardo ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ento e agli oneri, nonché agli abusi e alle relative sanzioni, anche penali.

La definizione delle diverse categorie di interventi edilizi spetta allo Stato e sono incostituzionali le disposizioni della legislazione regionale che da tali definizioni si discostino.

La linea di distinzione tra le ipotesi di nuova costruzione e quelle degli altri interventi edilizi non può non essere dettata in modo uniforme sull'intero territorio nazionale, la cui «morfologia» identifica il paesaggio; diversamente, se il legislatore regionale potesse definire a propria discrezione tale linea, la conseguente difformità normativa che si avrebbe tra le varie Regioni produrrebbe rilevanti ricadute sul paesaggio e sulla sua tutela.

Le definizioni legislative degli interventi edilizi, qualificando in via generale la tipologia dei singoli interventi, prevalgono sulle norme locali.

Per la qualificazione di una costruzione rilevano le caratteristiche obiettive della stessa, prescindendosi dall'intento dichiarato dal privato di voler destinare l'opera ad utilizzazioni più ristrette di quelle alle quali il manufatto potenzialmente si presta.

Nel concetto di costruzione deve farsi rientrare ogni i... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...dilizio che abbia rilevanza urbanistica in quanto incide sull'assetto del territorio ed aumenta il c.d. carico urbanistico.



 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI