Carrello
Carrello vuoto



Espropriazione per p.u. e trasferimento del diritto di proprietà alla P.A. (artt. 20 e 22 T.U.E.)

In base all'art.20 T.U.E., intervenuto il pagamento della somma a titolo di indennità, il procedimento può concludersi o con il contratto definitivo o con l’equivalente decreto di esproprio, che sancisce il passagio di proprietà alla P.A.. In deroga a tale norma, l'art.22 T.U.E. consente invece, qualora i abbiano carattere di urgenza, che il decreto di esproprio sia emanato ed eseguito in base alla determinazione urgente dell'indennità di espropriazione, senza particolari formalità

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:TRASFERIMENTO E ACQUISTO DI DIRITTI REALI CON LA P.A.
anno:2019
pagine: 2455 in formato A4, equivalenti a 4174 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 40,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO

Il decreto di esproprio può essere trascritto senza indugio (ai sensi dell'art. 23, comma 2, D.P.R. 327 del 2001) soltanto dopo essere stato notificato; l'immissione in possesso, invece, ai sensi dell'art. 24, comma 1, D.P.R. 327 del 2001, può essere fatta entro due anni dall'emissione del decreto di esproprio.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 20.12 DPR 327/2001

Ove il proprietario accettante l'indennità - oltre all'autocertificazione attestante l'assetto proprietario rilasciata in sede di pagamento dell'acconto dell'indennità - non abbia prodotto la documentazione attestante la piena e libera proprietà del bene, è legittimo e doveroso il ricorso al decreto di esproprio ai sensi dell'art. 20.12 tues.

Alla luce del disposto di cui all'art. 20 commi 9-11-12 e art. 26 comma 11 DPR 327/2001, legittimamente l'autorità espropriante emette il decreto di esproprio una volta corrisposto l'acconto dell'80% dell'indennità ed effettuato il deposito presso la Cassa depositi e prestiti per il restante saldo, per avere il proprietario... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... tardivamente all'invio della documentazione attestante la titolarità e la libertà ipotecaria - cui era tenuto ex art. 20, comma 8.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 20.9 DPR 327/2001

Alla luce del disposto di cui all'art. 20.9 DPR 327/2001, il procedimento, intervenuto il pagamento integrale della somma a titolo di indennità (nel caso in esame, bonariamente concordata tra le parti), può concludersi o con il contratto definitivo o con l'equivalente decreto di esproprio, la cui comune funzione va riferita alla formalizzazione definitiva del passaggio di proprietà dal privato alla pubblica amministrazione, secondo una modalità di regolamentazione del rapporto già di fatto compiutamente definita.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 20.9 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI

Appare contrario al principio di buona fede – sub specie del divieto di venire contra factum proprium – il comportamento tenuto dai privati che dapprima abbiano incamerato quasi per intero il corrispettivo stabilito per la cessione e poi invochino la sopraggiunta inefficacia de... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...preliminare per mancata stipulazione nei termini del contratto definitivo, pretendendo di far valere a loro favore il loro stesso inadempimento; suddetta fattispecie rientra nello schema procedimentale oggi positivizzato nell'art. 20 DPR 327/2001 con i rimedi ivi previsti per addivenire alla stipulazione definitiva della cessione delle aree (v. comma 9).

Alla luce del disposto di cui all'art. 20, comma 9, DPR n. 327 del 2001 in caso di rifiuto di concludere l'accordo da parte del privato (peraltro a seguito della corresponsione dell'indennizzo in favore del medesimo), l'amministrazione può senz'altro emettere, senza altre formalità ed eventualmente anche in danno del privato inadempiente, il decreto di esproprio.

Ai sensi dell'art. 20 del D.P.R. n. 327/2001, i presupposti per l'emissione di un postumo decreto di esproprio, sono la manifestata volontà di cedere volontariamente le aree da espropriare, il pagamento dell'indennità accettata ed il successivo rifiuto di stipula dell'atto pubblico di trasferimento, non anche la mancata scadenza del termine della dichiarazione di pubblica utilità.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... /> A norma dell'art. 12, comma 1, del D. Lgs. 387/2003, "Le opere per la realizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, nonché le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione e all'esercizio degli stessi impianti, sono di pubblica utilità ed indifferibili ed urgenti". Il presupposto per l'adozione del decreto con determinazione urgente dell'indennità provvisoria, ex art. 22 del T.U. è, pertanto, la dichiarazione di urgenza dell'opera.

L'art. 22 del DPR 327/2001, consente, in deroga al procedimento ordinario di cui all'art. 20, qualora l'avvio dei lavori rivesta carattere di urgenza, che il decreto di esproprio sia emanato ed eseguito in base alla determinazione urgente dell'indennità di espropriazione, senza particolari indagini o formalità, dando atto della determinazione urgente.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI

L'art. 22 del D.P.R. n. 327 del 2001, al comma 2, consente l'adozione del provvedimento di esproprio sulla base di una determinazione urgente dell'indennità in due gruppi di casi: quando vi sia realmente l'urgenza di provvedere (comma 1) ed i... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... ipotesi tassativamente predeterminate dal comma 2 (interventi inerenti ad infrastrutture strategiche di cui alla legge n. 443 del 2001) e quando il numero dei destinatari della procedura sia superiore a 50.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> INDENNITÀ

Nella procedura espropriativa svolta ai sensi dell'art. 22 del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, ai fini della legittimità del procedimento espropriativo ed in particolare del solo decreto di esproprio è sufficiente la determinazione dell'indennità provvisoria o urgente in sede di decreto di esproprio (ex art. 23, lett c), D.P.R. 327/01), impregiudicata ogni contestazione circa la relativa quantificazione, comunque irrilevante ai fini della legittimità del provvedimento.

La procedura ex art. 22 D.P.R. 327/2001, consente di determinare in via provvisoria l'indennità di esproprio, il cui valore è deciso in base alla relazione di stima allegata al progetto, e su tale presupposto consente di procedere all'espropriazione e alla sua esecuzione.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --&g... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> INDENNITÀ --> CONGRUITÀ

Ai fini della legittimità del procedimento espropriativo ed in particolare del solo decreto di esproprio, è sufficiente la determinazione dell'indennità provvisoria o urgente in sede di decreto di esproprio (ex art 23 lett c) d.p.r. 327/01), impregiudicata ogni contestazione circa la relativa quantificazione.

L'eventuale errata determinazione dell'indennità contenuta nel provvedimento emanato ex art. 22 DPR 327/2001, non è sufficiente a determinare l'illegittimità totale dell'esproprio, non incidendo sulle sue ragioni sostanziali. Essa potrebbe, ove in ipotesi sussistente, determinare l'illegittimità parziale dell'espropriazione con riferimento alla sola indennità, che dovrebbe essere determinata nuovamente con la procedura ordinaria.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> INDENNITÀ --> DETERMINAZIONE

La legittimità della procedura semplificata prevista dall'art. 22 del DPR n. 327/2001 per la determinazione dell'indennità provvisoria di esproprio non è inficia... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...esatta o inesistente liquidazione della giusta indennità essendo sufficiente la determinazione dell'indennità in sede di decreto di esproprio (impregiudicata ogni contestazione circa la relativa quantificazione) nonché la motivazione dell'urgenza.

Ai fini della legittimità del decreto di esproprio è sufficiente la determinazione dell'indennità provvisoria, impregiudicata ogni ulteriore contestazione in sede amministrativa e giurisdizionale.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> INDENNITÀ --> DETERMINAZIONE --> COMMISSIONE PROVINCIALE

L'art. 22 dpr 327/2001 prevede l'obbligo di trasmettere gli atti alla commissione provinciale per le espropriazioni per la quantificazione dell'indennità definitiva; tale adempimento non deve tuttavia precedere il decreto d'esproprio e, quindi, è corretto l'iter seguito nel caso vi sia stato il deposito dell'indennità provvisoria ed anche la trasmissione degli atti alla commissione provinciale per le espropriazioni, benché successivamente all'emanazione del decreto d'esproprio.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRI... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...-> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> MENZIONE NELL'ATTO

L'Amministrazione è tenuta a dare atto, in seno al provvedimento di espropriazione del motivo per il quale procede ai sensi dell'art. 22, anziché ai sensi dell'art. 20 DPR 327/2001 (nel caso di specie sussistenza della circostanza che il numero dei destinatari sia superiore a 50), considerando che, con tale scelta, opera, tra l'altro, una deroga all'ordinaria procedura di determinazione dell'indennità di espropriazione.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA

In sede di approvazione del progetto definitivo, ai fini della successiva espropriazione d'urgenza, l'amministrazione può disporre che l'approvazione del progetto equivale a dichiarazione di pubblica utilità, di urgenza e indifferibilità dell'opera.

Non può revocarsi seriamente in dubbio che l'esigenza di provvedere alla realizzazione della sala operativa della Protezione Civile in area a sismicità media, in cui notoriamente possono verificarsi eventi generatori di danni assai notevoli, integrin... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... qualificata ai fini dell'avvio dei lavori, legittimante l'emanazione del decreto di esproprio ex art. 22 DPR 327/2001, ossia con la determinazione solo provvisoria dell'indennità di espropriazione.

I presupposti di cui alla previsione recata dall'art. 22 del D.P.R. n. 327/2001 si motivano e si esprimono in una pluralità di concorrenti motivi, ciascuno dei quali idoneo autonomamente ex se a motivare l'avviata procedura, con la conseguenza che le ipotesi contemplate nella normativa in esame ("interventi di cui alla legge 21 dicembre 2001, n. 443" ed "allorché il numero dei destinatari della procedura espropriativa sia superiore a 50") si presentano come alternative e non cumulative.

Non possono ritenersi sussistenti le ragioni di urgenza legittimanti il decreto di esproprio ex art. 22 DPR 327/2001 qualora sia trascorso un lungo lasso di tempo (nel caso di specie 21 mesi), fra l'adozione del decreto di esproprio e il verbale di immissione in possesso e di redazione dello stato di consistenza (un lasso di tempo, cioè, che avrebbe agevolmente consentito all'Amministrazione di esperire la procedura ordinaria).

Qualora il decreto di asservimento dia compiutamente conto del profilo dell'urgenza (espressamente rife... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...aso di specie, alla esigenza di garantire, a mezzo della realizzazione dell'opera, l'approvvigionamento del gas naturale ed il funzionamento stesso del sistema del gas naturale), e ricorra la condizione di cui alla lettera b) del comma 2 dell'art. 22 DPR 327/2001 quanto al numero dei destinatari superiore alle 50 unità, possono dirsi sussistenti entrambe le condizioni per il legittimo ricorso al meccanismo derogatorio di cui al cit. art. 22.

Legittimo è il ricorso alla procedura di cui all'art. 22 DPR 327/2001, in ipotesi in cui le ragioni di urgenza e di indifferibilità dell'intervento emergano dalla natura stessa delle opere (consistenti (nel caso di specie nella creazione di una via di fuga che consenta agli abitanti delle aree interessate di trovare salvezza in caso di eventi alluvionali) e dagli obiettivi che le stesse si propongono.

Qualora ricorra una delle due ipotesi previste dal comma 2 dell'art. 22 DPR 327/2001, l'urgenza del provvedere è in re ipsa, essendo stata acclarata una volta per tutte dal Legislatore senza che, quindi, debba essere, di volta in volta, dimostrata dall'amministrazione procedente.

Legittimo è il decreto di esproprio emanato ex art. 22 DPR 327/2001, in cui l'urgenza &... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ivata con la necessità di adeguamento ai termini contenuti nel provvedimento (regionale) di finanziamento dei lavori.

Legittimo è il ricorso alla procedura ex art. 22 DPR 327/2001, qualora il decreto di esproprio ivi previsto, dia espressamente atto dell'urgenza dell'opera e e del fatto che gli espropriandi sono più di 50.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> CASISTICA

L'urgenza dell'esproprio derivante dalla scelta dell'amministrazione di attendere l'esito di un giudizio è espressione di una valutazione di opportunità ampiamente discrezionale sottratta al sindacato giurisdizionale e in merito alla quale non si rilevano profili di palese irragionevolezza atteso che il mantenimento dello stato di fatto nelle more della decisione del ricorso, da un lato, preserva il bene, dall'altro, previene eventuali (in caso di accoglimento del ricorso) ulteriori aggravi delle finanze comunali.

È legittimo il ricorso ad un decreto di esproprio urgente ex art. 22 TUEs, il quale, nel motivare le ragioni di urgenza, rinvia ad una deliberazione facente riferimento al miglioramento del... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...lità e della fruibilità di una determinata zona, nonché al miglioramento della viabilità, con conseguente positive ricadute sulla qualità dell'aria e sull'inquinamento atmosferico.

L'esigenza, addotta dalla Snam a giustificazione dell'invocata urgenza, di effettuare l'inserimento del metanodotto solo in estate "in quanto in tale periodo è possibile interrompere la fornitura di gas a varie utenze interessate" appalesa di per sé la sussistenza dei presupposti per il ricorso alla procedura prevista dall'art. 22 del dPR 327/2001 in deroga a quella ordinaria prevista dall'art. 20 del medesimo decreto, non potendo in alcun modo dubitarsi dell'assoluta necessità che l'interruzione della fornitura del gas per l'allacciamento della variante avvenga in un periodo climatico in cui i disagi correlati alla sospensione della fornitura sono evidentemente più contenuti.

L'esistenza di problematiche di carattere igienico-ambientale (smaltimento dei reflui fognari), sostanziano i presupposti di urgenza legittimanti il ricorso al decreto ex art. 22 DPR 327/2001.

L'urgenza dell'esproprio ex art. 22 DPR 327/2001 è legittimamente giustificata in relazione all'esigenza di munire un insedi... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...denziale dell'accesso alla strada, in attuazione del disegno del pianificatore comunale e al perseguimento degli interessi pubblici alla stessa sottesi.

Il segnalato e comprovato rischio di esondazione di canale esistente in caso di precipitazioni persistenti o eccezionali, in mancanza delle necessaria realizzazione di opere idrauliche (nuova condotta) progettate, integra i presupposti dell'urgenza di provvedere richiesti dall'art. 22 del D.P.R. n. 327 del 2001.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> DECORSO TERMINI PER IL FINANZIAMENTO

La situazione di urgenza, rappresentata dalla necessità di eseguire le opere in progetto entro una determinata data, pena la perdita dei già disposti finanziamenti, legittima l'adozione del decreto di esproprio in via anticipata, ex art. 22 DPR 327/2001, previa determinazione urgente dell'indennizzo espropriativo.

L'esigenza di rispettare la tempistica prevista e di non perdere finanziamenti già ottenuti è coerente e ragionevole, oltre che oggettiva, e quindi idonea a suffragare il modello procedurale di cui all'art. 22 DPR 327/2001.

... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...NTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> DECORSO TERMINI PROCEDURA ESPROPRIATIVA

A sostegno dell'urgenza ai fini dell'emanazione del decreto di esproprio ai sensi dell'art. 22 tues, può essere allegata l'imminenza della scadenza del vincolo preordinato all'esproprio, stante l'esigenza di concludere il procedimento mantenendo l'efficacia degli atti compiuti. Tale scelta, nella misura in cui inibisce la caducazione dell'intero procedimento, risponde ad esigenze di efficienza ed efficacia dell'azione ammnistrativa in vista del perseguimento di un interesse pubblico alla realizzazione di un'opera valutata di interesse pubblico.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> MOTIVAZIONE

Mentre l'art.22 bis DPR 327/2001 prevede l'occupazione particolarmente urgente e conseguentemente il decreto motivato, riguardo all'occupazione disposta ex art. 22 DPR 327/2001 la giurisprudenza ha più volte posto in rilievo che ogni opera pubblica presenta per definizione un sufficiente carattere di urgenza, non postulando quindi un parti... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...e di motivazione.

Il carattere urgente ed indifferibile dell'opera di costruzione di metanodotto è un effetto legale, derivante dall'art. 30 del d.lgs. 23 maggio 2000, n. 164, che interessa tutte le infrastrutture del sistema gas; non è pertanto necessario accompagnare il provvedimento ex art. 22 DPR 327/2001 da uno specifico corredo motivazionale.

E' sufficientemente motivato il decreto di esproprio emanato ex art. 22 DPR 327/2001, che richiami la dichiarazione di pubblica utilità che ne costituisce l'unico presupposto, e che consenta di rilevare l'urgenza della realizzazione delle opere (nel caso di specie per affrontare delicati problemi di traffico cittadino che avevano pesanti ricadute sia sulla viabilità che sulla salute dei cittadini per l'inquinamento causato dal notevole attraversamento di mezzi pesanti).

E' sorretto da idonea motivazione in ordine all'urgenza il decreto ex art. 22 DPR 327/2001 in cui si faccia espresso riferimento a una triplice urgenza: la "urgenza di dare avvio alle opere previste nel cantiere" nei tempi prefissati, la "necessità di realizzare interventi propedeutici alla costruzione" e la "necessità di trasferire le attività fieristiche in nuove strutture".... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... /> L'art. 22, comma 2 DPR 327/2001, non richiede alcuna specifica motivazione delle ragioni d'urgenza che hanno indotto ad occupare il bene quando il numero dei destinatari sia superiore a 50.

Qualora i proprietari espropriati siano in numero superiore a cinquanta, non è necessario individuare - ed indicare nel provvedimento di asservimento - ragioni di particolare urgenza che giustifichino il ricorso alla procedura accelerata di cui all'art. 22 del D.P.R. n. 327/01; ciò alla luce del disposto di cui al secondo comma, lett. b) del cit. articolo.

Le ragioni che hanno imposto all'Amministrazione di procedere anche senza previa determinazione in contraddittorio dell'indennità provvisoria, ex art. 22 DPR 327/2001, possono evincersi compiutamente per relationem dai precedenti atti del procedimento - cui il decreto di esproprio si ricollega.

L'indifferibile necessità di prevenire le conseguenze di possibili eventi alluvionali, costituisce ragione legittimante il ricorso alla procedura d'urgenza ex art. 22 DPR 327/2001. L'estrema urgenza delle opere in questione risalta in re ipsa ove si consideri la natura dell'intervento e le sue finalità di tutela preventiva dell'incolumità degli abitanti della ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...
Costituisce presupposto d'urgenza che consente il ricorso al procedimento in deroga per la determinazione dell'indennità di espropriazione mediante l'iter accelerato di cui all'art. 22 DPR 327/2001, l'interesse pubblico attinente alla sicurezza ed alla protezione civile, di cui l'amministrazione abbia dato adeguata motivazione.

Dal combinato disposto dei commi 1 e 2 dell'art. 22 del D.P.R. n. 327/2001 si ricava che, quando il numero dei destinatari della procedura espropriativa sia superiore a cinquanta, la procedura acceleratoria di cui al medesimo art. 22 può essere attivava anche a prescindere dalla sussistenza di particolari ragioni di urgenza; in tal caso non è quindi necessario che l'Amministrazione motivi in ordine alla sussistenza di particolari ragioni che impongano il ricorso a siffatta procedura.

L'art. 22 DPR 327/2001, presuppone che l'Amministrazione dia conto delle ragioni giustificative sottese alla determinazione urgente dell'indennità di esproprio, motivando quindi specificamente sul punto. Illegittimo pertanto il decreto di esproprio che si limiti al richiamo della norma senza alcun profilo motivazionale.

La circostanza che il numero dei destinatari sia superiore a 50 consente al... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...adottare la procedura accelerata di cui all'art. 22 DPR 327/2001, senza la necessità di ulteriore motivazione delle ragioni di urgenza, essendo la stessa già stata valutata a priori dal legislatore; nel provvedimento deve essere fatta menzione della presenza di tale elevato numero di destinatari.

In ipotesi di adozione della procedura ex art. 22 DPR 327/2001, non rilevano le circostanze di fatto successive all'adozione degli atti (nel caso di specie mancato avvio dei lavori), la cui legittimità o meno deve essere, invece, valutata con riferimento al momento dell'adozione, in considerazione delle circostanze di fatto e di diritto sussistenti a quel momento e delle motivazioni ivi contenute in ordine all'urgenza dell'avvio dei lavori.

Sufficientemente motivato è il provvedimento emanato ex art. 22 DPR 327/2001, con il riferimento all'urgenza di provvedere anche per ovviare alla pericolosità dell'attuale assetto viario in relazione alla saturazione del quartiere.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> OPERA INIZIATA

E' legittimo il ricorso al procedimento di urgenza ex art. 22... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...01 per portare a compimento l'opera progettata e già in buona parte eseguita a seguito di accordo intervenuto con il titolare del bene, non andato a buon fine per una tardiva presa di posizione contraria all'accordo sottoscritto in precedenza, da parte del titolare stesso.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> OPERE STRATEGICHE

In ipotesi di realizzazione di un'opera strategica può farsi applicazione del disposto dell'art. 22 del DPR 327/2001, il quale ammette la possibilità di adottare il decreto d'esproprio anche sulla scorta della quantificazione dell'indennità in via provvisoria.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> PREVISIONE URBANISTICA

La circostanza che l'opera (viaria), sia prevista da molto tempo dagli strumenti urbanistici non impedisce che, nel momento in cui si decide di procedere alla sua attuazione, non vi possano essere ragioni d'urgenza che legittimino il ricorso alla procedura accelerata di cui all'art. 22 DPR 327/2001.

TRASFERIMENTO... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ... DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> SOPRA I 50 DESTINATARI

Qualora nella procedura espropriativa risulti il numero dei proprietari (o dei comproprietari, nudi proprietari) dei suoli superiore a cinquanta, sussistono i presupposti per applicare la previsione di cui all'art. 22, comma 2, lettera "b" del D.P.R. n. 327 del 2001 che consente di emanare ed eseguire il decreto di esproprio in base alla determinazione urgente della indennità di espropriazione senza particolari indagini o formalità, «allorché il numero dei destinatari della procedura espropriativa sia superiore a 50».

In ipotesi in cui il numero dei destinatari del procedimento sia superiore a 50 unità, l'espletamento del procedimento di determinazione dell'indennità di espropriazione in relazione ad un così elevato numero di proprietari espropriandi ritarderebbe eccessivamente l'effettiva esecuzione delle opere; in tale ipotesi sussiste pertanto la condizione per il legittimo ricorso al meccanismo derogatorio di cui all'art. 22 DPR 327/2001.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO -->... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...R 327/2001 --> CONDIZIONI --> URGENZA --> SOPRA I 50 DESTINATARI --> COMPUTO

In sede di adozione del decreto ex art. 22 DPR 327/2001, al fine di stabilire se il numero dei destinatari sia no meno superiore a 50, non vanno considerate le sole ditte catastali quali risultanti dal piano particellare grafico e descrittivo allegato al decreto di esproprio, senza considerare che, sovente, sotto una medesima ditta catastale figurano vari comproprietari o nudi proprietari, i quali devono essere inclusi nel computo dei destinatari della procedura ablatoria, dovendo gli atti espropriativi essere emessi nei confronti di tutti i proprietari, sia pure desumendoli dalle risultanze catastali.

Ai fini dell'applicazione dell'art. 22 comma 2 lett. b) D.P.R.327/01, i deceduti, già proprietari, non possono essere esclusi dal computo dei destinatari, atteso che l'onere dell'amministrazione va limitato all'individuazione degli intestatari catastali, senza riguardo alle successive vicende del bene e della sua proprietà, escludendo quindi l'esistenza di un obbligo di individuazione e di notificazione nei confronti degli eredi.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...; LEGITTIMITÀ

L'art. 22 DPR 327/2001, avuto riguardo alla circostanza che la disciplina ivi prevista non contempla il previo pagamento, ovvero il previo deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, dell'indennità provvisoria di espropriazione, non è in contrasto con l'art. 3 Cost., poiché sussiste un'intrinseca diversità concettuale tra la disciplina del cit. art. 22 del T.U. e quella contenuta nell'art. 20 del T.U. medesimo, stante l'urgenza di provvedere all'inizio dei lavori e alla correlativa stima in via provvisoria (con il conseguente pagamento) dell'indennità dovuta.

Con l'art. 22 DPR 327/2001 avuto riguardo alla circostanza che la disciplina ivi prevista non contempla il previo pagamento, ovvero il previo deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, non può dirsi violato l'art. 42, terzo comma, Cost., posto che la soggettività pubblica dell'espropriante costituisce ex se idonea garanzia per l'espropriato circa l'assolvimento dell'obbligo di pagamento dell'indennità entro i termini di legge, non potendo le relative somme essere distratte dal bilancio se non a fronte di precise responsabilità penali ed erariali dei pubblici amministratori e del personale amministrativo inv... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...iguardo di funzioni decisorie.

Con riferimento all'art. 22 DPR 327/2001, avuto riguardo alla circostanza che la disciplina ivi prevista non contempla il previo pagamento, ovvero il previo deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, dell'indennità provvisoria di espropriazione, non è ravvisabile una violazione dell'art. 117, primo comma, Cost. come sostituito dall'art. 3 della L. Cost. n. 3/2001 in relazione all'art. 1 del Protocollo 1 annesso alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo, poiché non esiste comunque incertezza sull'an, sul quantum e sul quando per l'adempimento dell'obbligazione indennitaria da parte dell'Amministrazione espropriante.

Con riferimento all'art. 22 DPR 327/2001 non può sostenersi la violazione dell'art. 97, primo comma, Cost. in quanto la disciplina in esame per certo è coerente con i fini generali del buon andamento e dell'imparzialità dell'azione amministrativa.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> REGIONI/PROVINCE

La possibilità, per il legislatore regionale, di individuare alcune particolari opere per le quali possa essere fatto ricorso ad un procediment... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...tivo accelerato e/o semplificato (nel caso di specie ex art. 22 DPR 327/2001), non integra la violazione dei principi fondamentali che regolano la materia e può, dunque, essere fatta rientrare nei limiti della potestà legislativa concorrente. Ciononostante, non può essere superato il principio fondamentale della materia per cui l'amministrazione procedente è tenuta a dare conto e motivare la propria scelta del ricorso alla procedura "semplificata", in specie laddove il fatto che ricorra una delle condizioni legittimanti non può essere oggettivamente dimostrato, ma richiede un'attività discrezionale di qualificazione dell'opera.

TRASFERIMENTO E ACQUISTO DEI DIRITTI REALI --> TITOLO --> DECRETO DI ESPROPRIO --> ART. 22 DPR 327/2001 --> REGIONI/PROVINCE --> LOMBARDIA

L'art. 14 delle legge regionale Lombardia n. 3 del 2009 autorizza il ricorso al procedimento semplificato di cui all'art. 22 DPR 327/2001 per l'esecuzione di impianti, compresa l'imposizione di servitù coattive, relativi – fra l'altro - al trasporto di energia. Correttamente, quindi, la qualificazione dell'opera come urgente è da ravvisare nella valutazione compiuta direttamente dal legislatore regionale.
<... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ora la domanda per l'autorizzazione alla realizzazione dell'impianto relativo al trasporto di energia sia stata avanzata dall'Enel a norma della legge regionale Lombardia n. 52 del 1982, con richiesta di dichiarazione della pubblica utilità, urgenza e indifferibilità dell'opera, a norma dell'art.8 della medesima legge regionale, la concessione dell'autorizzazione, assorbe, in ragione della natura di indiscutibile interesse pubblico dell'impianto, ogni particolare onere motivazionale in caso di ricorso al procedimento ex art. 22 DPR 327/2001.

A norma del comma 5 dell'art. 5 della L.R. Lombardia, 8 febbraio 2005, n. 6, il decreto di cui agli articoli 22, comma 1, e 22-bis, comma 1, del D.P.R. n. 327/2001, può essere emanato, senza particolari indagini e formalità, nei seguenti casi: a) realizzazione di opere di urbanizzazione primaria, di difesa del suolo e di regimazione delle acque pubbliche; b) realizzazione di opere afferenti impianti e servizi a rete di interesse pubblico in materia di trasporti, telecomunicazioni, acque, energia e distribuzione di combustibili e carburanti a basso impatto ambientale; c) realizzazione di opere di edilizia sanitaria, con riferimento alla costruzione di strutture nuove e alla modifica, anche ampliativa... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...ure esistenti.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI