BENI PUBBLICI

Stai vedendo 1-12 di 50 risultati

Giurisdizione e competenza nelle controversie su concessioni e servizi cimiteriali

La controversia relativa all'accertamento della titolarità di una concessione cimiteriale spetta alla giurisdizione del giudice amministrativo.

Giurisdizione nelle controversie patrimoniali in materia di concessioni di beni pubblici

In materia di concessioni di pubblici servizi, (o di beni pubblici) le controversie concernenti indennità, canoni od altri corrispettivi, per rimanere attratte nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo devono coinvolgere la verifica dell’azione autoritativa della P.A. sul rapporto sottostante, ovvero la verifica dell’esercizio di poteri discrezionali di cui essa gode nella determinazione di indennità, canoni o altri corrispettivi.

Giurisdizione e competenza nelle controversie in materia di concessioni amministrative

Rientra nella giurisdizione del giudice amministrativo la controversia avente ad oggetto l’atto con il quale si istituiscono o si modificano le tariffe relative alle concessioni amministrative.

Giurisdizione e competenza nelle controversie in materia di concessioni di beni pubblici

In relazione alla materia di giurisdizione esclusiva relativa alla concessione di beni sono devolute al giudice amministrativo le controversie nelle quali l’amministrazione opera in veste di autorità, pur se i rapporti tra amministrazione e amministrati possano essere ricondotti ad una relazione giuridica di diritto-obbligo, spettando invece al giudice ordinario quelle che abbiano un contenuto meramente patrimoniale.

Giurisdizione ordinaria e amministrativa sulle controversie in tema di strade

Rientrano nella giurisdizione del giudice ordinario le controversie in tema di proprietà, pubblica o privata, delle strade e sull’esistenza di diritti di uso pubblico su strade private, in quanto tali questioni hanno ad oggetto l’accertamento dell’esistenza e dell’estensione di diritti soggettivi, sia dei privati che della pubblica amministrazione.

Giurisdizione sulle controversie in materia di servizio idrico integrato

L'operato del gestore del servizio idrico nella somministrazione di acqua potabile è soggetto al controllo giudiziario nell'ambito della giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, proprio per la sussistenza di una chiara compenetrazione di elementi privatistici e pubblicistici, il cui "giudice naturale" è oggi individuato dal D.Lgs. n. 104 del 2010, art. 133, comma 1, lett. c).

Riparto della giurisdizione nelle controversie relative alla demanialità del bene o dell'area su cui sorge

Di fronte alle valutazioni tecnico-discrezionali necessarie al fine di stabilire il carattere o meno di pertinenza demaniale marittima di un immobile non è ravvisabile una posizione di diritto soggettivo, bensì di mero interesse legittimo, con conseguente giurisdizione del giudice amministrativo.

Riparto di giurisdizione nelle controversie inerenti all’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica

Rientra nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo la controversia avente ad oggetto il provvedimento di assegnazione, di diniego di assegnazione o di decadenza dall'assegnazione di alloggio di edilizia residenziale pubblica, trattandosi di atto di concessione di un bene pubblico indisponibile.

La giurisdizione del Commissario regionale per la liquidazione degli usi civici

Sia nei giudizi di accertamento, sia in quelli di rivendicazione, la giurisdizione del Commissario ricorre solo in presenza dell'indispensabile presupposto costituito da un effettivo contrasto tra le parti, suscettibile di decisione con valore di giudicato, in merito alla qualitas soli; non si estende, per converso, alla cause in cui la demanialità collettiva sia solo indirettamente implicata, rappresentando mero presupposto "esterno" della domanda.

Giurisdizione e competenza sulla classificazione delle strade

Sussistono dubbi sulla giurisdizione del G.A. in caso di un’azione volta a negare radicalmente il carattere pubblico di una strada, dopo l’inserimento della stessa nell’elenco comunale ad opera di una deliberazione consiliare, in quanto si tratterebbe di una contestazione sull’inesistenza del diritto di proprietà o di servitù a favore del Comune, riconducibile all’azione negatoria di cui all’art. 949 c.c. e alla giurisdizione del G.O..

Corrispettivi di aree di servizio, dissuasori di sosta e servitù d'uso pubblico: giurisdizioni su strade e passaggi

E' devoluta al giudice ordinario la questione di legittimità dei criteri di determinazione del corrispettivo da versare all'Anas a seguito di autorizzazione dalla stessa rilasciata per la realizzazione e l’esercizio di un'area di servizio, in quanto essi richiedono apprezzamenti della situazione concreta che sfuggono ad una rigida quantificazione matematica secondo criteri rigidi e precostituiti.

Riparto giurisdizionale sulle questioni relative alle strade vicinali

L’azione concernente la verifica della legittimità di un provvedimento autoritativo di esercizio dell’autotutela possessoria risulta devoluta alla giurisdizione del giudice amministrativo, a prescindere dall’eventuale accertamento in via incidentale del diritto di uso pubblico della strada vicinale.

Pagina 1 di 5 1