Indennizzo per l'inquinamento acustico proveniente da un'opera pubblica

Le immissioni provenienti da un’opera pubblica Le immissioni provenienti da un’opera pubblica possono essere oggetto di danno indennizzabile, ai sensi dell’art. 46 della l. n. 2359 del 1865, ora sost. dall’art. 44, d.p.r. 8 giugno 2001, n. 327, a condizione che nei confronti della proprietà che le subisce costituiscano fattore di danno particolare permanente, superiore alla normale tollerabilità (Cass. civ., sez. I, 19 novembre 1999, n. 12853, in Giust. Civ. Mass., 1999, 2302).

La giurisprudenza ha precisato che l’indennizzo per la riduzione di valore dell’immobile spetta se l’opera pubblica ha realizzato un’apprezzabile compressione o riduzione del diritto di proprietà inciso.

Ciò non avviene ove... _OMISSIS_ ...ate quelle utilità marginali che non trovano tutela nell’ordinamento come diritti soggettivi autonomi o come attributi caratteristici e qualificanti del diritto di proprietà, quali l’insolazione, l’areazione, l’ampiezza della veduta panoramica.

La sensibile compressione delle obiettive possibilità di utilizzazione del fabbricato può invece verificarsi, ed è quindi dovuto l’indennizzo, nel caso di riduzione della capacità abitativa o di pregiudizio subito dall’immobile per effetto di immissioni di rumori, vibrazioni, gas di scarico e simili, quando e solo se le stesse per la loro continuità ed intensità superino i limiti della normale tollerabilità, che deve essere valutata con i criteri posti dall’art. 844 c.c.
... _OMISSIS_ ...fattispecie la Suprema Corte ha affermato che la legittima costruzione di un asse viario a scorrimento veloce realizzato su piloni alti 15 metri in prossimità di un fabbricato non comporta automaticamente l’obbligo per l’espropriante di corrispondere al proprietario il predetto indennizzo ed ha cassato la sentenza di merito per non aver accertato la sussistenza delle indicate condizioni. (Cass. civ., sez. I, 14 dicembre 2007, n. 26261).

La funzione dell’indennità, di cui alla L. n. 2359, art. 46, poggia non già sull’opportunità di compensare il fatto obiettivo dell’eventuale diminuzione del valore di uso o di scambio delle proprietà immobiliari private per l’avvenuta costruzione di un’opera pubblica nelle immediate vic... _OMISSIS_ ...rave; sul principio di giustizia distributiva

Non è consentito soddisfare l’interesse generale attraverso il sacrificio del singolo senza che quest’ultimo ne sia indennizzato; questo principio perciò richiede quale necessario presupposto che il compimento dell’opera nei confronti della proprietà che la subisce comporti direttamente l’imposizione di una servitù o costituisca un fattore di danno particolare, avente carattere permanente.

La norma contiene, infatti, una previsione diretta a porre un rimedio contro le conseguenze dannose della cosiddetta espropriazione di valore larvata, in ogni caso in cui ricorrano le tre note condizioni enunciate dalla giurisprudenza: deve trattarsi di un’attività lecita della pubblic... _OMISSIS_ ...ne perché altrimenti si rientrerebbe nella sfera di applicazione dell’art. 2043 cod. civ., ci deve essere l’imposizione, da parte di questa di una servitù o la produzione di un danno che si concreti nella perdita o nella diminuzione di un diritto e, infine, deve sussistere un nesso di causalità tra l’esecuzione dell’opera pubblica ed il danno.

La giurisprudenza è ispirata al criterio direttivo che non può ritenersi indennizzabile ogni pregiudizio, anche lieve, arrecato al diritto dei privati dalla realizzazione di un’opera pubblica, ma che occorre un’apprezzabile compressione o riduzione del contenuto del diritto inciso.

Devono essere indennizzati i danni derivanti dalla costruzione di un’autostrada al p... _OMISSIS_ ...un immobile destinato ad abitazione consistenti nell’immissione, tra l’altro, di rumori che, per la loro continuità e la loro intensità, superavano la normale tollerabilità e le normali possibilità di assuefazione e di sopportazione, essendo tali da poter causare disturbi funzionali dell’apparato auditivo e turbe psichiche, sì che diminuivano e svalutavano sensibilmente la possibilità di utilizzazione dell’immobile secondo la sua destinazione propria e specifica ed incidevano, di conseguenza, sensibilmente sul valore di esso. La Suprema Corte ha confermato tale statuizione, enunciando il principio di cui in massima (Cass. civ., sez. I, 15 novembre 1984, n. 5779).

Non devono essere indennizzate quelle utilità marginali che non tro... _OMISSIS_ ...uo;ordinamento giuridico come diritti soggettivi autonomi o come attributi caratteristici e qualificanti del diritto di proprietà quali l’insolazione, l’areazione, l’ampiezza della veduta panoramica.

Non sono indennizzabili né la limitazione dell’insolazione e dell’aerazione derivante all’immobile del privato dall’esecuzione di un’opera pubblica realizzata nel rispetto delle leggi, ed utilizzata secondo la sua normale destinazione, trattandosi di “utilità” non protette come diritti soggettivi né la maggiore difficoltà di accesso alla pubblica via a carico dell’immobile del privato non integrante perdita di una parte del contenuto patrimoniale del diritto di proprietà.

In tali... _OMISSIS_ ... come in ogni altra ipotesi di perdita di vantaggi, comodità o amenità preesistenti, la menomazione del diritto dominicale sostanzialmente non si diversifica da quella ricevuta da ogni altro fondo nelle cui vicinanze passi un viadotto autostradale, dando luogo ad una situazione ormai ampiamente diffusa nel contesto della viabilità generale e anche al di fuori di questa. Nella specie, è stato ritenuto che non integrasse un pregiudizio indennizzabile la circostanza che la strada per accedere al centro abitato era stata interrotta per creare l’attraversamento della autostrada e che, in alternativa, era stata costruita altra strada per il raggiungimento del centro abitato che implicava un percorso più lungo (Cass. civ., sez. I, 6 aprile 1982, n. 2106).

Tali ... _OMISSIS_ ...allora indennizzabili soltanto se superano i limiti di una menomazione di aspetti solo marginali del diritto dominicale e si traducono in una sensibile compressione delle obiettive possibilità di utilizzazione degli edifici latistanti: come si verifica esemplificativamente allorché, trattandosi di casa d’abitazione, comportino la riduzione della capacità abitativa del bene.

Così come è indennizzabile, ai sensi del menzionato art. 46, il pregiudizio subito da dette costruzioni per effetto di immissioni di rumori, vibrazioni, gas di scarico e simili quando (e solo se) le stesse per la loro continuità ed intensità superino i limiti della normale tollerabilità e si possono perciò valutare con i criteri posti dall’art. 844 cod. civ.

... _OMISSIS_ ... casi, infatti, dette propagazioni - per il loro carattere obiettivo e l’elevato grado di incidenza - diminuiscono e svalutano sensibilmente la possibilità di godimento dell’immobile secondo la sua destinazione propria e specifica, arrecandovi un pregiudizio permanente, particolare e differenziato: concettualmente equiparabile ad una parziale espropriazione per pubblica utilità del suo valor...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 29685 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo

Autore

Centofanti, Nicola

Avvocato in Cremona