Termini entro i quali può essere stipulato l’atto di cessione volontaria

Ai sensi dell’art. 45.1 il proprietario ha il diritto di stipulare col soggetto beneficiario dell’espropriazione l’atto di cessione del bene « fin da quando è dichiarata la pubblica utilità dell’opera e fino alla data in cui è eseguito il decreto di esproprio ».

Dal richiamato disposto normativo è possibile così individuare un termine iniziale ed uno finale. Il termine iniziale dilatatorio è costituito dalla dichiarazione della pubblica utilità; prima di tale evento le parti non possono stipulare l’atto di cessione.

La previsione si ricollega al riferito orientamento giurisprudenziale, che ha colto gli elementi caratteristici dell’atto di cessione, idonei a conferire allo stesso natura pubbl... _OMISSIS_ ...fferenziarlo dalla compravendita di diritto comune, nella pendenza di un procedimento espropriativo di cui l’atto di cessione costituisce, alla pari del decreto di esproprio, una vicenda interruttiva, nonché nella preesistenza della dichiarazione di pubblica utilità.

Nello stesso tempo l’art. 45.1 consente la stipula dell’atto di cessione, una volta intervenuta l’approvazione della pubblica utilità (12), ancor prima quindi dell’offerta dell’indennità di cui all’art. 20.1, e ancor prima della formale determinazione dell’indennità di cui all’art. 20.3. Il proprietario potrebbe essere sollecitato ad addivenire alla cessione a seguito della comunicazione prevista dall’art. 17.2, con la quale l’Auto... _OMISSIS_ ...te dà notizia della data in cui è diventato efficace l’atto che ha approvato il progetto definitivo e della facoltà di prendere visione della relativa documentazione.

Contestualmente al proprietario è comunicato che può fornire ogni utile elemento per determinare il valore da attribuire all’area ai fini della liquidazione dell’indennità di esproprio. Nulla vieta al proprietario di formulare in tale sede egli stesso una proposta indennitaria, chiedendo di esercitare il diritto di convenire col soggetto beneficiario dell’espropriazione l’atto di cessione ai sensi dell’articolo 45.1.

In tal evenienza si pone il problema di valutare la congruità dell’importo prospettato dal proprietario, sulla base del qua... _OMISSIS_ ... stipulato l’atto di cessione, che, è bene ribadire, deve avere nel criterio legale il suo parametro di riferimento. Ciò poiché, come rilevato più volte dalla giurisprudenza, l’atto di cessione si caratterizza per la eterodeterminazione del prezzo, sottratto alla libera volontà delle parti.

Il problema è facilmente risolto se il medesimo soggetto competente a determinare formalmente l’indennità, e cioè il dirigente dell’ufficio espropriazioni, effettui un giudizio di congruità dichiarando la corrispondenza dell’importo proposto all’indennità di esproprio.

E’ agevole constatare, peraltro, che fin dalla dichiarazione di pubblica utilità sono reperibili importi predefiniti dalla stessa Autorità espropriante... _OMISSIS_ ...icellare di esproprio ai sensi dell’articolo 33 DPR 554/1999, o evincibili in termini generali e astratti per le aree agricole dai valori agricoli medi pubblicati nelle apposite tabelle.

In particolare, per quanto riguarda i primi, si ricorda che la dichiarazione di pubblica utilità è stata preceduta dalla comunicazione di avvio di procedimento effettuata ai sensi dell’art. 16 e dal deposito della documentazione ivi prevista, compreso il progetto dell’opera. Lo schema di approvazione del progetto deve richiamare altresì gli elaborati concernenti la descrizione dei terreni e degli edifici di cui è prevista l’espropriazione, con l’indicazione dell’estensione e dei confini e dei dati identificativi catastali e nominativi... _OMISSIS_ ...i (16.2), elaborato questo che ricorda il piano particellare d’esproprio.

In ogni caso i soggetti interessati sono notiziati, ai sensi dell’art. 17.2, dell’efficacia dell’atto che ha approvato il progetto definitivo e della facoltà di prendere visione della relativa documentazione. Tra i documenti componenti il progetto definitivo il DPR 554/1999, art. 25.2 lett. F) annovera il piano particellare di esproprio che contiene anche l’indicazione per ogni ditta « dell’indennità presunta di espropriazione e di occupazione temporanea determinata in base alle leggi e normative vigenti, previo occorrendo apposito sopralluogo» (art. 33.4 DPR 554/1999). Il risultato della stima dell’espropriazioni confluisce nel quadr... _OMISSIS_ ... lavori (Art. 34.5 DPR 554/1999).

Nulla impedisce all’Amministrazione procedente di redigere un piano particellare con indicazione delle indennità di espropriazione quantificata per ogni ditta interessata, anzi sembra esservi tenuta; in tal evenienza la quantificazione non è solo funzionale alla quantificazione delle risorse finanziarie necessarie per la realizzazione dell’intervento, ma si presta evidentemente anche a costituire la base per un possibile accordo con la ditta proprietaria dei beni interessati.

In buona sostanza, se sulla base delle indicazioni contenute nel piano particellare, parte integrante del progetto della cui approvazione è data notizia ai soggetti interessati (17.2), la ditta proprietaria manifesta l’int... _OMISSIS_ ...venire ad un accordo, non si intravedono le ragioni per cui l’Amministrazione non dovrebbe accogliere il consenso del proprietario e procedere viceversa con gli adempimenti prescritti dall’art. 20; questi ultimi del resto sono funzionali a garantire la partecipazione del soggetto interessato nel processo di quantificazione dell’indennità, partecipazione che, nel caso prospettato, è già avvenuta attraverso una presa visione degli atti progettuali ed una condivisione delle indicazioni ivi contenute riferite al profilo indennitario.

Esigenze di semplificazione ed economicità del procedimento inducono a ritenere preferibile la soluzione prospettata. Sennonché essa presenta l’unico grave inconveniente di scontrarsi sul piano pratico con la d... _OMISSIS_ ...za da parte dei progettisti nel redigere stime indennitarie con la dovuta competenza e precisione nei piani particellari, sovente predisposti frettolosamente, senza essere stati preceduti da verbali di consistenza e senza alcun coordinamento con gli uffici espropri che dovranno formalmente determinare l’indennità.

E’ per tale ragione che non si ritiene che l’accettazione da parte del proprietario dell’importo indicato nel piano particellare di esproprio, peraltro ivi precisato al fine particolare di contribuire alla definizione del quadro finanziario dell’opera, e che spesso, in tale ottica, viene quantificato “ad abundantiam” (es. triplicazione del VAM per tutti, rimandando implicitamente a successiva fase la verifica... _OMISSIS_ ...i) possa avere alcun effetto vincolante per l’Autorità espropriante, e che comunque si rende opportuno un giudizio di congruità da parte del soggetto competente a determinare formalmente l’indennità prima di stipulare l’atto di cessione.

Potrebbe peraltro prospettarsi l’eventualità, anche al di fuori dell’ipotesi che il piano particellare contenga un’indicazione analitica delle indennità, ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11198 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 320 pagine in formato A4

25,00 €