Clausole e quietanze rinunziative contenute negli atti di cessione

Gli atti di cessione contengono generalmente clausole e quietanze satisfattive e rinunziative, di cui è opportuno approfondire la portata.

Il Consiglio di Stato (6239/2004) ha avuto modo di affermare che qualora i termini per il completamento della procedura siano scaduti senza il trasferimento della proprietà, e vi sia stata l’irreversibile trasformazione del bene, la dichiarazione di “non avere null’altro a pretendere a qualsiasi titolo”, e simili, contenuta nell’accordo sull’indennità, impedisce ai proprietari di far valere future pretese risarcitorie qualora sia effettuata nel contesto di un accordo di natura transattiva (in presenza cioè di res controversa e res dubia), o contestualmente al pagamento dell’indenni... _OMISSIS_ ...F| Il ragionamento del Consiglio di Stato trae le mosse dall’orientamento costante della Suprema Corte (CASS 19673/2006, 6968/2002, 12704/2001) secondo cui non è configurabile in capo al privato che abbia concluso l’accordo di cessione un diritto ad essere espropriato, né un interesse alla forma in cui si attua il trasferimento (decreto di esproprio o atto di cessione), ma solo un diritto a ricevere un’indennità nella misura concordata quando l’esproprio abbia luogo, con le dovute maggiorazioni previste per l’accettazione; mentre, se il procedimento non si conclude con l’espropriazione, viene meno l’efficacia dell’accordo tra il proprietario e l’espropriante sull’ammontare dell’indennità; l’accordo cioè... _OMISSIS_ ...a caducarsi e a perdere di efficacia ove il procedimento non si concluda con il negozio di cessione o con il decreto di esproprio, poiché la pretesa del privato viene allora a trovare titolo risarcitorio nel danno ingiusto, conseguente alla sopraggiunta perdita della proprietà del bene per effetto della occupazione di esso divenuta illegittima e della sua radicale ed irreversibile trasformazione per la costruzione dell’opera pubblica (Cass. 22 marzo 1994, n.2738).

Questo subprocedimento porta alla percezione della indennità solo a seguito del compimento del procedimento espropriativo, tanto che si dice che l’espropriante che lo abbia iniziato non è obbligato per legge a completarlo, e, per converso, non è configurabile in capo al privato che abbia... _OMISSIS_ ...accordo un diritto ad essere espropriato, ma soltanto un diritto a ricevere una indennità nella misura concordata se e quando l’esproprio abbia luogo, mentre, al contrario, se il procedimento non si conclude con la espropriazione, viene meno la efficacia del suddetto accordo (Cass. 18 ottobre 2001, n.12704). » (6239 cit.).

In altre parole, l’accordo di cessione è vincolante per l’espropriando purché entro il termine per il completamento delle espropriazioni sia conseguito il trasferimento del diritto, indipendentemente se ciò avvenga mediante l’atto di cessione volontaria o il decreto di esproprio (TAR NA 14186/2004).

Le ragioni di questo orientamento sono facilmente comprensibili.

La scadenza del ter... _OMISSIS_ ...a utilità farebbe infatti venir meno l’effetto vincolante dell’accordo di cessione perché un atto di cessione stipulato successivamente alla sua scadenza sarebbe privo di causa. Inoltre, un atto di cessione stipulato successivamente alla scadenza dell’occupazione legittima, ad irreversibile trasformazione del bene avvenuta, sarebbe illecito per mancanza di oggetto per essersi già automaticamente trasferito il diritto in capo all’ente occupante (aderendo alla tesi dell’occupazione appropriativa, tesi tuttavia in corso di superamento).

La ratio è evidente anche limitandosi a considerare la questione dal punto di vista soggettivo del processo di formazione del volere dell’espropriando: la decisione di addivenire al trasferiment... _OMISSIS_ ... condizioni economiche viene infatti a maturarsi in un contesto di fatto e di diritto ben preciso, poggiante sulla consapevolezza della sussistenza di una regolare procedura espropriativa che è causa della necessità del trasferimento medesimo e delle modalità di quantificazione del corrispettivo; se essa procedura non può più essere condotta a termine perché è cessato il potere ablatorio in capo all’ente, vengono meno le condizioni che hanno contribuito a determinare la volontà negoziale della parte.

E’ infatti del tutto evidente che il proprietario non si acconcerebbe al medesimo accordo se sapesse che all’amministrazione manca la possibilità di espropriarlo coattivamente, o che non è tenuta a sottostare ai limiti dei criteri indennitari ne... _OMISSIS_ ...il corrispettivo, ed è logico che nel momento in cui vengano meno le condizioni che hanno determinato la volontà a cedere il bene, rimangano travolti anche gli impegni assunti nel presupposto della loro esistenza.

Pertanto, « l’intervenuta accettazione dell’indennità provvisoria di espropriazione, avvenuta in costanza di occupazione legittima, non impedisce la valida proposizione dell’azione risarcitoria, una volta che il periodo di occupazione legittima sia scaduto senza che la P.A. abbia emesso il decreto di esproprio, considerato che l’accordo sull’indennità di espropriazione non ha alcun effetto traslativo della proprietà del bene, inserendosi quale atto integrativo nel procedimento, ma condizionato alla sua conclusione ... _OMISSIS_ ...ne volontaria ovvero emanazione del decreto di esproprio, di guisa che, qualora tali condizioni vengano a mancare, l’accordo rimane caducato e privo di alcun effetto giuridico, pertanto l’obbligo della P.A. trova il suo momento genetico in una fattispecie risarcitoria » (TAR CT 51/2004).

Il Consiglio di Stato, tuttavia, aggiunge che i principi anzi esposti non valgono se l’accordo sul corrispettivo dell’esproprio si inquadra in un contesto transattivo o rinunziativo: « deve pertanto, nella suddetta materia, distinguersi tra l’accordo tra proprietario del bene e la p.a. sull’ammontare dell’indennità, che perde di efficacia ove il procedimento non si concluda con il negozio di cessione o con il decreto di e... _OMISSIS_ ...ella specie, secondo il tenore dell’atto di appello, sarebbe inutiliter datum, per scadenza dei termini della dichiarazione di pubblica utilità), dalla ipotesi di un vero e proprio accordo, di natura transattiva (in effetti il richiamo alla valenza transattiva va limitato alle ipotesi nelle quali sussistano la res controversa e la res dubia, come nel caso della sentenza Cassazione n.6968/2002, nel quale si pone fine ad una lite, come non è nel caso in esame) o, preferibilmente, rinunziativa, con il quale il privato, nel ricevere ulteriori somme di danaro, dichiari di non avere null’altro a pretendere nei confronti dell’espropriante; tale ultimo accordo non perde efficacia ove il procedimento espropriativo non si concluda nei termini, e, in caso di irreversi... _OMISSIS_ ... trasformazione del bene per intervenuta realizzazione dell’opera pubblica, deve escludersi che il suddetto privato possa agire per ottenere il risarcimento del danno conseguente alla perdita della proprietà a seguito della intervenuta accessione invertita.

Si ribadisce, pertanto, che il mero accordo sulla indennità di esproprio, subordinato alla fine legittima della procedura, se resta tale, non contiene né obblighi a disporre, né con esso si dispone (anche...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 16367 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo