Assenza del vincolo preordinato all'esproprio
Fino ad ora si è affrontato il tema delle interconnessioni esistenti tra la dichiarazione di pubblica utilità e la disciplina urbanistica in una prospettiva per così dire fisiologica ovvero in presenza di preliminare apposizione del vincolo preordinato all’esproprio.

Invero, ai sensi del terzo comma dell’art. 12 del d.p.r. n. 327/2001, la dichiarazione di pubblica utilità è possibile anche in assenza del vincolo preordinato all’esproprio.

Cosa accade in queste ipotesi? Quale disciplina occorre applicare?

La concreta possibilità prospettata dal terzo comma dell’art. 12 del d.p.r. n. 327/2001 induce a ritenere il vincolo preordinato all’esproprio un mero presupposto di efficacia della dichiarazio... _OMISSIS_ ...utilità che non incide sulla legittimità della stessa [44].

L’impostazione appena riportata si presenta, però, contraddittoria con quanto disposto al successivo art. 17, comma 1, del t.u. in materia di espropriazione per pubblica utilità, ai sensi del quale il provvedimento che approva il progetto definitivo e dichiara la pubblica utilità dell’opera deve riportare, a pena di illegittimità, gli estremi dell’atto da cui discende il vincolo.

Ebbene, in che modo il suddetto provvedimento può riportare tali estremi se, di fatto, il vincolo non è stato apposto? Come si può affermare che l’apposizione del vincolo rappresenti una condizione di efficacia e non di legittimità della dichiarazione se poi la legge impone di riportare ... _OMISSIS_ ... vincolo nell’atto di approvazione del progetto definitivo?

La giurisprudenza, nel tentativo di superare l’apparente contraddizione dei due articoli, ritiene che, nel caso di specie, sia ravvisabile un difettoso coordinamento delle due disposizioni risolvibile interpretando l’art. 17, comma 1, nel senso che il provvedimento che approva il progetto definitivo deve farsi carico di fornire le indicazioni di come sia stato ovvero di come si dovrà apporre il vincolo [45]. Di conseguenza, il provvedimento che approva il progetto definitivo dovrà, in pratica, indicare gli estremi dell’atto da cui deriva il vincolo se (come avviene nella normalità dei casi) preventivamente apposto, ovvero, dovrà indicare la temporanea inefficacia della dichiara... _OMISSIS_ ...2, comma 3, del t.u. in materia di espropriazione per pubblica utilità in attesa che il vincolo sia apposto nelle forme previste dalla legge [46].

Detto in altri termini, l’art. 12 cit. ammette la possibilità di una dichiarazione di pubblica utilità in assenza del vincolo preordinato all’esproprio, purché essa rimanga inefficace sino a quando non si è provveduto ad apporre il vincolo a norma degli artt. 9 e 10 del medesimo corpo normativo e cioè mediante variante, conferenza di servizi, accordo di programma o intesa. Solo in questo secondo momento, ovvero solo dopo l’approvazione del piano urbanistico generale o della sua variante, la dichiarazione di pubblica utilità potrà dispiegare i propri effetti e sorreggere l’intero procedimento ... _OMISSIS_ ...47].

In questo modo è possibile osservare un’inversione delle fasi del procedimento espropriativo, dal momento che l’apposizione del vincolo segue anziché precedere la dichiarazione di pubblica utilità, la quale, però, resterà priva di efficacia sino a quando non si sarà provveduto a ripristinare la legalità della procedura apponendo, in un secondo momento, il vincolo preordinato all’esproprio [48]. La subordinazione dell’efficacia della dichiarazione di pubblica utilità all’apposizione del vincolo conferma, inoltre, la centralità della dichiarazione nella procedura espropriativa, procedura che deve, però, essere intesa in maniera unitaria, per cui tutte le fasi sono indispensabili l’una rispetto all’altra [49]. Di con... _OMISSIS_ ...chiarazione di pubblica utilità può benissimo porsi come passaggio obbligato - la cui mancanza costituisce il principale ostacolo alla conclusione del procedimento - per la conclusione e la validità del procedimento espropriativo, ma rimane priva di efficacia in caso di assenza del vincolo preordinato all’esproprio [50]. Del resto, come la mancata dichiarazione di pubblica utilità nel termine stabilito dalla legge comporta la decadenza del vincolo preordinato all’esproprio, così la mancanza del vincolo rende inefficace la dichiarazione.