I vincoli urbanistici di carattere espropriativo

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI

La revoca della delibera di adozione di una proposta di variante urbanistica non vale a imprimere al fondo un vincolo espropriativo, limitandosi a interrompere la procedura di variante in corso di svolgimento.

Un vincolo espropriativo dequotato al livello di “mero indirizzo”, perde carattere di immediata lesività.

Deve ritenersi indifferente la modalità e la procedura in forza della quale la posizione del proprietario viene sacrificata mediante l’apposizione del vincolo, che può indifferentemente derivare da tutti i procedimenti contemplati dal testo unico che ne consentono l’imposizione.
... _OMISSIS_ ... sottoposizione a vincolo preordinato all’esproprio per il periodo previsto dalla legge non può essere di per sé considerata attività illecita produttiva di danno ingiusto.

IL pip previsto dalla L. n. 865 del 1971, art. 27, non integra un vincolo preordinato all'esproprio.


VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI --> DA LOCALIZZAZIONE LENTICOLARE

L'approvazione da parte del CIPE del progetto preliminare di un'opera pubblica fa sorgere il vincolo preordinato all'esproprio.

Il vincolo, se incide su beni determinati, in funzione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione di un'opera pubblica, la cui ... _OMISSIS_ ...on può coesistere con la proprietà privata, deve essere qualificato come preordinato alla relativa espropriazione.

Le prescrizioni ed i vincoli stabiliti dagli strumenti urbanistici di secondo livello - influenti di regola sulla qualificazione dei suoli espropriati, per il contenuto conformativo della proprietà che ad essi deriva dalla loro funzione di definire, per zone, in via astratta e generale, le possibilità edificatorie connesse al diritto dominicale - possono, in via eccezionale, avere viceversa anche portata e contenuto direttamente ablatori ove si tratti di vincoli particolari, incidenti su beni determinati in funzione di localizzazione dell'opera pubblica, implicante di per sé la necessaria traslazione di quei beni all'ente pubblico.

... _OMISSIS_ ... in zone dell'intero territorio comunale e l'individuazione delle rispettive destinazioni (in via generale e diffusa per parti omogenee), contenuta nei piani, conferisce ai medesimi quell'effetto tipico di conformazione del territorio; ciò non esclude che gli strumenti urbanistici possono contenere eccezionalmente anche previsioni lenticolari ossia imporre un "vincolo particolare incidente su beni determinati, in funzione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione di un'opera pubblica, la cui realizzazione non può coesistere con la proprietà privata", vincolo, questo, che "deve essere qualificato come preordinato alla relativa espropriazione".

Se la variante non abbia natura generale, ma imponga un vincolo partico... _OMISSIS_ ...su beni determinati, in funzione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione di un'opera pubblica, la cui realizzazione non può coesistere con la proprietà privata, il vincolo che la stessa contiene deve essere qualificato come preordinato alla relativa espropriazione e da esso deve, dunque, prescindersi nella qualificazione dell'area, pur quando la variante abbia mutato la classificazione urbanistica di quest'ultima, con la conseguenza che soltanto in tal caso, ai fini della determinazione dell'indennità di espropriazione, deve farsi riferimento alla previgente destinazione del piano regolatore generale.

La giurisprudenza di legittimità è incentrata sul carattere di imposizione a titolo particolare della variante (perché possa qualif... _OMISSIS_ ...ativa), nonché sulla sua incidenza su beni determinati in funzione della localizzazione lenticolare dell'intervento o dell'opera pubblica; la quale trova oggi conferma nell'art. 9 D.p.r. n. 327 del 2001, che ravvisa l'insorgenza di detto vincolo nell'atto di approvazione del piano urbanistico generale, ovvero di una sua variante, "che prevede la realizzazione di un opera pubblica o di pubblica utilità". E conferma la necessità di quest'ultimo presupposto nel successivo art. 11 in ordine alla seconda ipotesi, ribadendo che deve trattarsi di una variante al piano regolatore per la realizzazione di una singola opera pubblica.

Ove in via eccezionale, vincoli, pur contenuti in piani di secondo livello, non abbiano una natura generale, ma si presentino, vi... _OMISSIS_ ...incoli particolari, incidenti su beni determinati, in funzione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione puntuale (normalmente definita "lenticolare") di un'opera pubblica, la cui realizzazione non può coesistere con la proprietà privata, ma ne esige la traslazione in favore dell'ente pubblico, si realizza un vincolo sostanzialmente preordinato all'espropriazione.

Ove in via eccezionale, vincoli, pur contenuti in piani di secondo livello non abbiano una tal natura generale, ma si presentino, viceversa, come vincoli particolari, incidenti su beni determinati, in funzione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione puntuale (normalmente definita "lenticolare") di un'opera pubblica, la cui ... _OMISSIS_ ...on può coesistere con la proprietà privata, ma ne esige la traslazione in favore dell'ente pubblico, si realizza un vincolo sostanzialmente preordinato all'espropriazione.

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI --> ESTENSIONE

L'apposizione di un vincolo preordinato all'esproprio dimensionalmente esorbitante rispetto alla superficie effettivamente da espropriare costituisce vizio di eccesso di potere idoneo all’annullamento dell'apposizione stessa, anche sotto il profilo del difetto di proporzionalità dell’attività amministrativa, dovendo l’Amministrazione perseguire lo scopo prefissato con la soluzione che comporti il minor sacrificio possibile pe... _OMISSIS_ ...io del provvedimento, principio applicabile ai provvedimenti caratterizzati da spiccata discrezionalità amministrativa e per di più destinati ad incidere negativamente su di un diritto fondamentale della persona.

VINCOLI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI E LEGALI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> ESPROPRIATIVI --> IN ASSENZA DI ATTUAZIONE PRIVATA

Costituiscono vincoli preordinati all'espropriazione quelli che implicano uno svuotamento incisivo della proprietà, come i vincoli di destinazione imposti dal piano regolatore per attrezzature e servizi realizzabili ad esclusiva iniziativa pubblica; la verifica della natura del vincolo deve essere fatta avendo riguardo alla concreta disciplina contenuta negli strumenti urbanistici,... _OMISSIS_ ...dove sia consentita, anche ad iniziativa del privato, l’edificazione del suolo e la realizzazione di opere e strutture volte al godimento del bene, il diritto dominicale non potrà dirsi del tutto svuotato di contenuto, rimanendo salva l’utilizzabilità dell’area rispetto alla sua naturale destinazione (nella fattispecie destinazione a verde pubblico, piazze e spazi pubblici).

Le problematiche connesse alla tutela paesaggistica sono superate dal parere favorevole ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 23635 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo