Il decreto di esproprio

La fase conclusiva del procedimento espropriativo è quella in cui viene emanato il decreto di esproprio, fase a partire dalla quale si determina il trasferimento della proprietà a titolo originario, libera da pesi o pregiudizi, in capo all’autorità espropriante o, se soggetto diverso, al beneficiario del potere espropriativo.

Affinché l’effetto traslativo si possa legittimamente produrre, è necessario sia che il decreto rechi indicazione degli elementi previsti dalla legge, sia che tutti gli atti precedenti e presupposti siano legittimi.

L’art. 23 del Testo Unico prevede espressamente che, per la legittimità dell’emanazione del decreto di esproprio, il soggetto competente – vale a dire il dirigente dell’uffic... _OMISSIS_ ...priazioni – deve preliminarmente verificare che tutti i presupposti siano stati rispettati. Dunque, l’accertamento ricognitorio riguarda quanto segue:

- l’opera da realizzare è stata prevista nello strumento urbanistico generale o in un atto di natura ed efficacia equivalente;

- sull’espropriando bene è stato apposto il vincolo preordinato all’esproprio;

- è stata dichiarata la pubblica utilità;

- è stata determinata, anche in via provvisoria, l’indennità di esproprio;

- è stata offerta l’indennità;

- sono stati presentati gli atti che provino l’esecuzione del deposito o del pagamento;

- il decreto viene emanato entro il ter... _OMISSIS_ ...a della dichiarazione di pubblica utilità [1].

Il medesimo articolo indica anche i contenuti che il decreto di esproprio deve indicare:

- gli estremi dell’atto da cui è sorto il vincolo preordinato all’esproprio;

- gli estremi del provvedimento che ha approvato il progetto dell’opera;

- l’indennità determinata in via provvisoria o urgente, precisando anche se questa è stata accettata e corrisposta oppure depositata presso la Cassa depositi e prestiti;

- gli estremi dell’eventuale nomina di tecnici per la determinazione in via definitiva dell’indennità di espropriazione, precisando se è stata accettata o corrisposta oppure se è stata depositata presso la Cassa deposi... _OMISSIS_ ...CRLF|
- l’eventuale sussistenza dei presupposti per l’occupazione d’urgenza e la determinazione urgente dell’indennità;

- gli estremi dell’eventuale decreto di occupazione d’urgenza e lo stato di esecuzione;

- l’espressa disposizione del passaggio del diritto oggetto di espropriazione, sotto la condizione sospensiva che il decreto sia notificato ed eseguito.

In buona sostanza, dalla semplice lettura del testo del decreto deve essere possibile constatare l’esistenza di tutti i presupposti per la sua emanazione. Ne deriva che il trasferimento della titolarità del diritto è solo formalmente contenuta in un singolo atto, ma consegue all’intero procedimento, trattandosi dun... _OMISSIS_ ...uo;volontà procedimentalizzata” volta al conseguimento del suddetto effetto traslativo. Quest’ultimo non si fonda sulla mera facoltà dispositiva dell’espropriante, bensì consegue all’esercizio di un potere legittimato a norma di legge [2].

È evidente poi che l’indicazione di tali elementi agevola il dirigente dell’ufficio per le espropriazioni nel condurre il controllo infraprocedimentale.

In questa fase del procedimento non sono previste forme attive di partecipazione del proprietario del bene, poiché egli è già stato precedentemente messo nelle condizioni di interloquire con l’amministrazione: egli ha già potuto fornire ogni elemento utile per consentire una migliore determinazione del valore da... _OMISSIS_ ...rsquo;area in occasione dell’approvazione del progetto definitivo e ha già potuto partecipare alle fasi di apposizione del vincolo e di dichiarazione di pubblica utilità, nelle quali si esercita la discrezionalità dell’Amministrazione competente.

Tuttavia, la necessità di indicare espressamente i suddetti elementi, qualificati come contenuto minimo indispensabile del decreto, consente al cittadino di disporre di tutte le informazioni necessarie per controllare la legittimità dell’operato dell’autorità espropriante.

La tutela della partecipazione del singolo ha in questa fase esclusivamente l’intento di consentirgli di esercitare un controllo sulle operazioni tecniche finalizzate alla sottrazione della proprietà al... _OMISSIS_ ...i ad esempio lo stato di consistenza o la perimetrazione. L’espropriato può dunque vigilare su tali operazioni, così da ridurre il rischio che queste cagionino danni o ampliamenti illegittimi delle metrature da espropriare.

Si ricorda che il principio di previa determinazione dell’indennità è volto a consentire sì la veloce corresponsione dell’indennità, ma anche l’immediata tutela giurisdizionale che si ottiene mediante l’opposizione alla stima. Se il decreto d’esproprio viene emanato in assenza della determinazione dell’indennità, si configura una violazione di legge, poiché viene violata una regola essenziale in tema di procedimento espropriativo, mancando il requisito previsto dall’articolo 8, c... _OMISSIS_ ... c), del Testo Unico.

Diverso è il caso in cui la determinazione dell’indennità sia avvenuta, ma il decreto non ne rechi menzione: in tale caso si tratterebbe di una mera irregolarità del decreto, che però può dare luogo a responsabilità del funzionario che non ha correttamente adempiuto agli obblighi imposti dalla norma.

Il decreto di espropriazione deve essere emanato entro il termine di scadenza dell’efficacia della dichiarazione di pubblica utilità. Esso deve essere trascritto presso l’ufficio dei registri immobiliari. La notificazione al proprietario avviene nelle forme previste per gli atti processuali civili [3], con un avviso che indichi luogo, giorno e ora in cui è prevista l’esecuzione del decreto con almeno se... _OMISSIS_ ...nticipo. Il decreto può essere notificato contestualmente all’esecuzione.

La mancata notifica del decreto di esproprio al proprietario effettivo, che non risulti tale dai registri catastali, impedisce nei suoi confronti il decorso del termine per l’opposizione alla stima, ma non costituisce motivo di carenza di potere espropriativo tale da fondare in capo al proprietario la pretesa di ottenere un risarcimento pari al valore del bene, producendosi anzi l’effetto traslativo del diritto ablato nella sfera pubblica [4].

Ciò vale, ovviamente, a patto che la mancata o la ritardata notificazione nei confronti non sia ascrivibile a un difetto di diligenza dell’autorità espropriante nell’accertamento del titolare del bene ... _OMISSIS_ ...spropriazione, nel qual caso il destinatario potrebbe chiedere il risarcimento del danno derivato dal ritardo nella riscossione dell’indennità di espropriazione, con conseguente devoluzione della controversia alla giurisdizione del giudice ordinario [5].

La giurisprudenza riconosce pacificamente al decreto di esproprio la natura di atto non recettizio. Il decreto pertanto p...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 21412 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo