Decreto di esproprio: modalità di notifica e destinatari

Nulla è prescritto dall’art. 22 in ordine alle modalità di notifica. Elementi possono essere tratti dalle disposizioni relative alla notifica del decreto d’esproprio (23) nonché dell’indennità provvisoria d’espropriazione (23.4), partecipando il provvedimento di cui all’art. 22 di entrambi i contenuti.

Con riferimento invece al decreto d’occupazione lo stesso «è notificato con le modalità di cui al comma 4 e seguenti dell’articolo 20» (22 bis.1), e pertanto nelle forme degli atti processuali civili.

A detta conclusione è possibile pervenire anche attraverso un’interpretazione sistematica.

Nel sistema ante testo unico occorreva distinguere il provvedimento di occupazione ... _OMISSIS_ ...to di determinazione dell’indennità.

Per il primo l’art. 3.4 della L 1/1978 prevedeva unicamente la notifica dell’avviso d’occupazione (CDS 4763/2006), senza peraltro alcuna precisazione; doveva perciò ritenersi legittima la notifica tramite messo comunale o altra forma idonea (TAR BA 3781/2005).

Per il provvedimento determinativo dell’indennità viceversa, l’art. 11.4 della L 865/71 prevedeva la notifica nelle forme degli atti processuali civili.

Nel sistema introdotto dal DPR 327/2001 è previsto che il provvedimento di cui all’art. 22 bis sia notificato nelle forme dell’art. 20.4, ossia nelle forme degli atti processuali civili. Quest’ultima disposizione riguarda l’att... _OMISSIS_ ... in via provvisoria l’indennità d’espropriazione. Secondo i primi pronunciamenti giurisprudenziali (TAR FI 6049/2006), la notifica tramite ufficiale giudiziario deve intendersi riferita alla sola determinazione dell’indennità, con la conseguenza che l’eventuale difetto formale di notificazione non può comunque produrre conseguenza alcuna a carico del provvedimento d’occupazione.

Vero è che in nome della semplificazione amministrativa, oggetto di notifica non sarà solo il provvedimento bensì anche l’avviso d’occupazione; al riguardo potrà ritenersi applicabile l’art. 23.1.g, che prescrive la notifica nelle forme degli atti processuali civili.

Per effetto del combinato disposto della normativa... _OMISSIS_ ... può ritenere che la notifica di entrambi i provvedimenti debba effettuarsi nella forma degli atti processuali civili e quindi tramite Ufficiali giudiziari, con esclusione pertanto della possibilità di ricorrere ai messi comunali.

Deve altresì essere richiamato il disposto dell’art. 10.1 della L 265/99 «Notificazioni degli atti delle pubbliche amministrazioni » ai sensi del quale «le pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 2 febbraio 193 n. 29, e successive modificazioni, possono avvalersi, per le notificazioni dei propri atti, dei messi comunali, qualora non sia possibile eseguire utilmente le notificazioni ricorrendo al servizio postale o altre forme di notificazione previste da... _OMISSIS_ ...;.

La possibilità di ricorrere al messo comunale è pertanto consentita solo nel caso d’accertata impossibilità di procedere mediante ufficiali giudiziari.

Come più volte rimarcato dalla giurisprudenza, anche con riferimento al decreto d’esproprio, il vizio della notifica non determina la invalidità del provvedimento, posto che la stessa è una forma qualificata di comunicazione dell’atto, ma non ne rappresenta elemento costitutivo.

Il vizio della notifica può pertanto incidere soltanto sulla sua conoscenza legale, rilevante ai fini della decorrenza del termine decadenziale dell’impugnazione del provvedimento nonché della sua esecuzione (TAR PZ 75/2007, CZ 137/2007, NA 4989/2007, NA 40/2007, VE 821/2006, FI 5... _OMISSIS_ .../2004).

Tuttavia a questo proposito occorre una precisazione con riguardo al Testo unico.

L’art. 23.1.f stabilisce che il decreto di esproprio «dispone il passaggio del diritto di proprietà, o del diritto oggetto dell’espropriazione, sotto la condizione sospensiva che il medesimo decreto sia successivamente notificato ed eseguito». In altri termini, letteralmente, le condizioni costitutive del decreto di esproprio sembrerebbero essere tre: l’emanazione, la notifica e l’esecuzione (tramite immissione in possesso); pertanto – contro una secolare tradizione – il decreto di esproprio sarebbe diventato, in virtù di tale norma del Testo unico, un atto recettizio. Ad esempio dopo l’immissione in po... _OMISSIS_ ...nte ad un decreto di occupazione ex art. 22 bis, non sarebbe sufficiente l’emanazione di un decreto di esproprio a trasferire la proprietà, ma occorrerebbe la notifica.

Al di là della indubbia suggestione del tenore letterale della norma, è tuttavia inaccettabile, nella sostanza, far dipendere il perfezionamento e l’efficacia della procedura ablatoria (ablazione che avviene, tra l’altro, a titolo originario e nei confronti del proprietario catastale, che potrebbe non coincidere con il proprietario reale) dalle contingenti vicende della notifica.

La giurisprudenza del resto ha già avuto modo di confrontarsi con l’art. 23 stabilendo (dunque senza alcuna innovazione rispetto al sistema previgente) che il vizio di notifica de... _OMISSIS_ ...proprio perché non effettuata nella forma degli atti giudiziari previsti dall’art. 23.1.g non determina la nullità del provvedimento sottostante, in quanto non ne costituisce elemento costitutivo, ma può incidere soltanto ai fini della sua legale conoscenza ovvero della sua esecuzione, se a questa subordinata, ovvero ancora ai fini del decorso dei termini di legge riferiti alla medesima conoscenza legale dell’atto (TAR VE 821/2006).

Su un piano più squisitamente sostanziale è stata più volte affermata, nel caso d’irregolarità, la sanatoria nel caso in cui la notifica sia comunque giunta a buon fine, come nel caso d’irrituale notifica dell’avviso d’occupazione con conseguente prospettato vizio dell’immissione in possess... _OMISSIS_ ...pecie la irritualità della notifica è stata ritenuta sanata dalla presenza in sede d’immissione nel possesso, del soggetto destinatario, venuto comunque a conoscenza dell’atto con comunicazione che si sia rivelata utile a tal fine (TAR CT 604/2006).

L’art. 22.1 individua quale destinatario della notifica il proprietario. Ciò è possibile argomentare dalla prescrizione di cui all’ultimo capoverso del comma 1 concernente l’invito al «proprietario» a comunicare l’eventuale condivisione dell’indennità.

Il successivo comma 3 individua nell’«espropriato» il soggetto da cui dovrà provenire la comunicazione contenente l’eventuale accettazione dell’indennità. Ciò trova la ... _OMISSIS_ ...squo;essere nel fatto che l’atto oggetto di notifica è un decreto d’esproprio già emanato.

L’art. 23 dispone la notifica del decreto al «proprietario».

Ferma restando la diversa terminologia utilizzata dal legislatore, i destinatari della notifica non potranno che coincidere che con i proprietari indicati nel provvedimento medesimo.

Il tutto ritrova, infatti, la sua unitar...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9347 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo