Le strade di proprietà degli enti pubblici territoriali

Di seguito, verranno esaminati i singoli tipi di strade appartenenti agli enti pubblici territoriali.

A) Le strade statali

La definizione di strada statale è attribuita ad un’arteria stradale di importanza nazionale gestita dall’amministrazione dello Stato e costituisce generalmente un sinonimo di strada nazionale.

Prima della legge del 1958, la classificazione di una strada statale assumeva la veste giuridica di una legge o un d.p.r, attraverso il quale, dopo aver sentito i pareri del Consiglio superiore dei lavori pubblici e del Consiglio di Stato, si approvava la formazione dell’elenco. Successivamente alla suddetta legge, il procedimento di classificazione viene modificato in modo notevole: la classificazione... _OMISSIS_ ...on decreto del Ministero dei lavori pubblici, sentiti i pareri del Consiglio di amministrazione dell’A.N.A.S. e del Consiglio Superiore del lavori pubblici, nonché quello degli enti locali interessati che dovranno pronunciarsi entro un mese dalla richiesta.

L’elenco delle strade statali è stato approvato con d.m. del 27 marzo del 1959, pubblicato in G.U. il 30 luglio 1959, n. 181.

Per la declassificazione si provvede alla stessa procedura prevista per la classificazione e lo stesso provvedimento che dispone la declassificazione determina, altresì, la nuova classificazione della strada oppure laddove non si debba procedere a nuova classificazione, si stabilisce la diversa destinazione del suolo stradale [1]. Questi provvediment... _OMISSIS_ ... dall’inizio del secondo mese successivo a quello nel quale essi sono emanati.

Le strade statali sono identificate dalla sigla SS. Sono principalmente strade gestite dall’A.N.A.S., ma è possibile che vi siano strade con sigla SS gestite da altri enti (ad es. regione); possono essere classificate tecnicamente come strade extraurbane principali (strada di tipo B) o come strade extraurbane secondarie (strada di tipo C) mentre sono classificabili, all’interno dei centri abitati, come urbane di tipo D o E.

B) Le strade regionali

Per quanto concerne le Regioni a speciale autonomia, lo Statuto regionale della Sicilia prevede la competenza esclusiva della Regione in materia di lavori pubblici, fatta eccezione per le gran... _OMISSIS_ ...che di interesse prevalentemente nazionale. Il d.p.r. n.878 del 1950, recante le norme di attuazione dello Statuto siciliano, ha stabilito che sono considerate opere pubbliche di interesse prevalentemente nazionale, la costruzione, riparazione e manutenzione delle strade.

La Sardegna ha la potestà esclusiva in materia di lavori pubblici, viabilità compresa: quindi spetta alla Regione provvedere alla classificazione delle strade, con esclusione delle strade statali che non sono passate nel demanio regionale.

Il Trentino Alto Adige attribuisce, invece, la potestà legislativa sia alla Regione che alle Province di Trento e Bolzano, inserendo in detta potestà anche la materia della viabilità.

Anche per il Friuli-Venezia Giulia e la Val... _OMISSIS_ ...a, lo Statuto attribuisce alla Regione la funzione amministrativa di classificazione delle strade di interesse regionale.

Per quanto riguarda, invece, le Regioni a normale autonomia si richiama l’art. 11 della legge n. 281 del 1970 che stabilisce che: ‹‹i beni della specie di quelli indicati dal secondo comma dell’art. 822 del codice civile, se appartengono alle Regioni per acquisizione a qualsiasi titolo, costituiscono il demanio regionale e sono soggetti al regime previsto dallo stesso codice per i beni del demanio pubblico››. L’art. 8 del d.p.r. n. 8 del 1972 dispone il trasferimento alle Regioni a Statuto ordinario delle funzioni amministrative esercitate dagli organi centrali e periferici dello Stato in materi... _OMISSIS_ ... acquedotti e lavori pubblici di interesse regionale: questo trasferimento riguarda anche le funzioni amministrative concernenti le strade che costituiscono la viabilità locale e provinciale, nonché quella regionale risultante dalla classificazione regionale delle strade locali e provinciali e di quelle statali di cui alla lett. a, d, e, f dell’art. 3 della legge n.126 del 1958, che sentita la regione interessata, fossero declassificate ex art. 12 della stessa legge [2].

C) Le strade provinciali

La strada provinciale sorge con la costruzione della stessa da parte della Provincia, ovvero con il passaggio di una strada già esistente dallo Stato o da altro ente, per effetto della declassificazione [3]. Le strade provinciali furono ripristinat... _OMISSIS_ ...sui lavori pubblici del 1865 (art. 9), categoria che fu soppressa dalla legge sarda del 20 novembre 1850, n. 3754.

L’art. 13 della legge n. 2248 del 1865 fissava i seguenti criteri, ritenendo provinciali: a) le strade che servono alla più diretta comunicazione fra il capoluogo di una provincia e quelli delle provincie limitrofe; b) quelle che dal capoluogo di una provincia conducono ai capoluoghi dei circondari in cui essa è divisa; c) quelle che collegano i capoluoghi di provincia o di circondario coi vicini porti marittimi più importanti; d) quelle che sono riconosciute di molta importanza per le relazioni industriali, commerciali ed agricole della provincia o della maggior parte di essa, purché facciano capo a ferrovie, a strade nazionali, o almeno ad... _OMISSIS_ ...i circondario della stessa o di altra provincia.

Con la legge del 1958 la classificazione cambia completamente e le strade provinciali sono definite dall’art. 4 come quelle che: a) allacciano al capoluogo di Provincia, i capoluoghi dei singoli Comuni della rispettiva Provincia o più capoluoghi di Comuni tra di loro; b) allacciano alla rete statale e provinciale i capoluoghi di Comuni particolarmente importanti per popolazione o perché sede di notevoli industrie o perché centri di intensa attività commerciale o perché centri climatici o turistici di notevole rilevanza; c) allacciano capoluoghi di Provincia o di Comuni importanti ai più vicini aeroporti, stazioni ferroviarie, porti marittimi, lacuali o fluviali; d) costituiscono diretti e importanti colleg... _OMISSIS_ ...de provinciali, o sono riconosciute necessarie per la valorizzazione di importanti attività agricole.

Con gli artt. 2 e 6 del codice della strada, e quindi con le ulteriori modifiche alla classificazione delle strade, vengono definite provinciali le strade ‹‹quando allacciano al capoluogo di provincia capoluoghi dei singoli comuni della rispettiva provincia o più capoluoghi di comuni tra loro ovvero quando allacciano alla rete statale o regionale i capoluoghi di comune, se ciò sia particolarmente rilevante per ragioni di carattere industriale, commerciale, agricolo, turistico e climatico››.

La procedura per la classificazione delle strade provinciali era prevista nell’abrogato art. 14 della legge sui lavori pubb... _OMISSIS_ ...mpilazione dell’elenco delle strade provinciali da parte del Consiglio provinciale e successiva approvazione don decreto del Capo dello Stato [4].

La legge n. 126 del 1958, abrogando l’art. 14, semplifica la procedura disponendo che la classificazione di strade o di tronchi di esse fra le provinciali è effettuata con decreto del Ministro per i lavori pubblici, sentite le amministrazioni provinciali interessate, il...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 27497 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 118 pagine in formato A4

25,00 €