La notificazione degli atti nelle ipotesi di litisconsorzio necessario

Affinché il provvedimento dell'Amministrazione finanziaria venga ad esistenza occorre che questo sia ritualmente notificato al contribuente.

Infatti tale procedura non mira semplicemente a rendere il destinatario edotto circa la pretesa fiscale (o financo meramente sanzionatoria ), ma è indispensabile al fine di completare il procedimento amministrativo che dà vita al provvedimento adottato.

Infatti, «l'atto di imposizione, in tanto esiste, ed esplica effetti giuridici, in quanto sia notificato al destinatario».

La vicenda riporta, in parte qua, il discorso sulla solidarietà tributaria. Come noto, in passato era stata elaborata la teoria della "mutua rappresentanza". Alla luce dell'intervento abrogativo o... _OMISSIS_ ...nsulta è da escludersi che l'istituto della c.d. "supersolidarietà" possa risultare utile alla soluzione del problema.

Parte della dottrina ritiene che, essendo il provvedimento amministrativo (in ispecie quello tributario) un atto avente natura recettizia, è essenziale che questo venga notificato a dei «destinatari prestabiliti e singolarmente individuati, restando a tal fine irrilevante la sussistenza di un vincolo solidale tra soggetti coobbligati».

Difatti, la notificazione «costituisce adempimento indefettibile per l'azionabilità della pretesa nei confronti del contribuente, indipendentemente dall'esistenza di un legame di solidarietà tra coobbligati».

Accedendo alla tesi tradizionale per ... _OMISSIS_ ...tesi di solidarietà tributaria non danno luogo ad un giudizio necessariamente litisconsortile, in quanto al creditore (qui l'Ente impositore) spetta «la facoltà di rivolgersi a sua scelta, ad uno solo o a più di uno, o anche, ma non necessariamente, a tutti i soggetti legati da tale vincolo [solidale, n.d.r.] al fine di meglio essere garantito ed ottenere il pagamento del dovuto», allora l'Amministrazione non è tenuta a notificare a tutti l'atto impositivo.

Ebbene, traendo spunto dal caso di specie, una parte della dottrina solleva la seguente questione: «se in caso di atto stipulato tra vari soggetti l'ente impositore non procede accertativamente, entro il termine decadenziale prestabilito, nei confronti di tutti, l'attività accertativa rest... _OMISSIS_ ... toto (è inutiliter data, secondo la classica espressione usata dai processualisti, con riferimento alle sentenze rese a contraddittorio non integro), cioè, molto concretamente, l'ente impositore non può più pretendere l'imposta di registro da nessuno».

Questa riflessione può essere generalizzata al fine di porre un ben preciso quesito: in caso di fattispecie soggettiva unitaria sul piano sostanziale (ovvero quando già l'accertamento compiuto dall'Amministrazione concerne inscindibilmente più soggetti), come deve comportarsi l'Ufficio fiscale nel notificare l'accertamento?

La Corte di Cassazione, nella sentenza 1052/2007, pur cercando di tenersi fuori dalla solidarietà, secondo la dottrina maggioritaria, avrebbe introdotto in via pretori... _OMISSIS_ ...rzio necessario anche nelle obbligazioni solidali di diritto tributario.

Alcuni autori sono, quindi, arrivati a concludere che «l'affermazione della sussistenza del litisconsorzio necessario tra coobbligati solidali implica "l'inscindibilità" dell'oggetto del ricorso, individuato «nella fattispecie costitutiva dell'obbligazione» rappresentata dall'atto autoritativo impugnato.

E se la pluralità di soggetti afferisce ad un rapporto dalla portata inscindibilmente unitaria, è giocoforza ritenere che il provvedimento impositivo recettizio debba perfezionarsi nei confronti di tutti i coobbligati, mediante rituale notificazione a ciascuno di essi, per esistere giuridicamente.

Al fine di mitigare "gli es... _OMISSIS_ ...i preconizzati dal Glendi", vi è un'autorevole dottrina che, movendo dall'idea per cui nel caso di specie trattasi di litisconsorzio necessario propter opportunitatem, precisa che questo istituto «non impedisce che si generi l'effetto della cosa giudicata sostanziale e quindi non avremo mai esiti del processo inutiliter dati (anche se contingentemente non si riuscirà a conseguire il risultato perseguito - importante, come si disse, ma non imprescindibile - di indirizzare unitariamente il riparto interno; in questo caso, nel giudizio civile di regresso fra due coobbligati non legati dallo stesso accertamento, sarà giocoforza consentire al giudice civile una nuova determinazione quantitativa dell'imposta, su cui - considerati i pagamenti - tarare i rispettivi residu... _OMISSIS_ ...gresso)».

A questo stregua, secondo l'Autore, quei coobbligati che non abbiano tempestivamente ricevuto la notificazione dell'avviso di accertamento, si devono «considerarsi (purtroppo) liberati dalla maggiore obbligazione che l'a.f. voleva sancire, sì che per pervenire integralmente a tale risultato, avrebbe dovuto effettivamente notificare l'avviso a tutti» .

Infatti, si ribadisce ulteriormente, la notificazione non si risolve in una questione di riscossione, ma si tratta (anche alla luce della teoria costitutiva ) di uno «strumento di rimodellazione accrescitiva della prestazione dovuta» .

La soluzione prospettata dall'Autore che qui si sta citando, è quella far coincidere la pretesa fisc... _OMISSIS_ ...dovuto dai condebitori a cui è stato notificato l'atto, in modo da ridurlo della quota interna di spettanza del coobbligato liberato dalla mancata notificazione.

Così facendo si potrà comunque ricorrere ai regressi che consentiranno di «preservare fra gli altri la par condicio e costoro si gioveranno almeno in parte - con esito così meno iniquo e dissonante - dell'"infortunio" che fa favorito il più fortunato collega».

Ordunque, spostando la vicenda dal piano sostanziale a quello processuale, il giudizio dovrà instaurarsi nella forma litisconsortile solamente tra gli obbligati solidalmente che hanno ricevuto la notificazione dell'atto impositivo. E solo costoro, successivamente al giudicato tributario, saran... _OMISSIS_ ...liti di regresso: «il soggetto non "accertato" è liberato verso la a.f., e allora non deve nulla in regresso neppure agli altri condebitori, ma codesta sua liberazione riduce - della sua quota interna - la prestazione da loro solidalmente dovuta».

Invero la sentenza della Corte lascia molte perplessità proprio in riferimento al procedimento di notificazione. Statuita la necessaria partecipazione di tutti i soggetti al processo, ci si domanda cosa debba avvenire a livello di procedimento amministrativo. E le risposte sono due :

a) si consente l'integrazione del contraddittorio anche nei confronti di chi non ha ricevuto la notificazione dell'avviso di accertamento. Ma così facendo si trascura la fase amministrativa, f... _OMISSIS_ ...on solo per rimettere necessariamente in termini nei confronti del fisco il contribuente inerte (che non abbia impugnato nei termini l'atto notificato), […], ma anche per agevolare necessariamente l'Amministrazione (che non avesse proceduto alla notifica e, magari e addirittura, fosse decaduta)». Inoltre si non appaiono risolti i problemi relativi al come in...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11563 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo