I requisiti per l’uso pubblico delle strade

Vediamo quali sono le differenze tra le strade di uso pubblico e le strade demaniali, per sgomberare il campo da possibili fraintendimenti.

In prima battuta, la Cassazione ha sostenuto che «la definizione di strada non dipende dalla natura, pubblica o privata, della proprietà di una determinata area, bensì dalla sua destinazione ad uso pubblico, che ne giustifica la soggezione alle norme del codice della strada per evidenti ragioni di ordine pubblico e sicurezza collettiva».

Secondo la giurisprudenza amministrativa, «mentre ai fini dell’acquisto del carattere demaniale, è necessario che sia intervenuto un atto (convenzione, espropriazione, usucapione, ecc.) che ne abbia trasferito il dominio alla Pubblica Amminist... _OMISSIS_ ...a strada sia destinata all’uso pubblico da parte della P.A. stessa, tale elemento ulteriore non è invece necessario nella diversa ipotesi in cui occorra procedere all’accertamento dell’uso pubblico di una strada privata, essendo sufficiente la dimostrazione della protrazione dell’uso stesso da tempo immemorabile». In altre parole, la strada sarà demaniale laddove esista un titolo idoneo a dimostrare la proprietà della stessa da parte della Pubblica Amministrazione, mentre, per qualificare la strada come gravata da uso pubblico, non è necessario sindacare sulla natura privata ovvero pubblica della proprietà della strada medesima. Altri sono i requisiti per correttamente parlarsi di uso pubblico, come vedremo nei prossimi paragrafi.

... _OMISSIS_ ...quo;l’adibizione di una strada all’uso pubblico, inteso come utilizzo al transito di una collettività indiscriminata di cittadini, tale da conferire al tratto viario le stesse caratteristiche di strada demaniale, fa diventare recessivo se non irrilevante l’accertamento relativo alla proprietà formale della strada stessa».

Possiamo pertanto affermare in prima battuta che la strada di uso pubblico appare «come se» fosse una strada demaniale, con la peculiare differenza della proprietà privata del sedime stradale, ma con l’esistenza di altri ed ulteriori requisiti che la fanno ritenere come gravata da uso pubblico.

Inoltre, «ciò che è necessario per stabilire l’uso pubblico di una strada –... _OMISSIS_ ...one o meglio accompagna la proprietà pubblica di essa e ne ha gli stessi effetti – è la sussistenza di quei requisiti che rendano idonea la strada al transito di una collettività indistinta che sia parte della comunità locale, ma anche dell’utenza che non deve necessariamente essere pertinente con la popolazione locale».

Si badi che «l’esistenza di un cartello stradale riportante la segnaletica di “strada chiusa” non prova che il transito pubblico sulla stessa sia impedito né, tantomeno, che la strada stessa sia effettivamente chiusa».

Recentemente ed in via di anticipazione, unitamente al T.A.R. Veneto possiamo ritenere che «l’uso pubblico di una strada presuppone tre concorrenti eleme... _OMISSIS_ ...:
- dall’esercizio del passaggio e del transito iure servitutis publicae da parte di una moltitudine indistinta di persone, qualificate dall'appartenenza ad un ambito territoriale;
- dalla concreta idoneità della strada a soddisfare, anche per il collegamento con la via pubblica, le esigenze di carattere generale e pubblico;
- da un titolo valido a sorreggere l’affermazione del diritto di uso pubblico, il quale può identificarsi nella protrazione dell’uso da tempo immemorabile (comportamento della collettività contrassegnato dalla convinzione di esercitare il diritto d'uso della strada)». Approfondiremo questi passaggi nei prossimi paragrafi.



L’inserimento nell’elenco delle strade comuna... _OMISSIS_ ...F| Abbiamo peraltro già visto che, per avere una strada vicinale di uso pubblico, occorre che vi sia un transito generalizzato sulla medesima strada ad opera di una collettività di cittadini, vuoi per decisione del proprietario ovvero per l’esistenza di una servitù di uso pubblico.

In prima battuta, occorre affermare che l’iscrizione della strada all’interno degli elenchi comunali delle strade vicinali non è condizione di per sé sufficiente a far sorgere il requisito dell’uso pubblico della strada medesima.

Anche in dottrina si sostiene che la deliberazione con la quale il Comune classifica come vicinale una strada ha solo carattere dichiarativo dell’esistenza di un diritto di pubblico transito, ma ciò non configur... _OMISSIS_ ...tura ablatoria della proprietà dei terzi.

La giurisprudenza ritiene da sempre che «al fine di poter stabilire se una strada interpoderale sia pubblica oppure privata, non rileva il fatto che la stessa risulti inserita negli elenchi delle strade vicinali, poiché l’iscrizione non ha valore costitutivo, ma soltanto dichiarativo, consentendo soltanto di presumere che la strada sia pubblica, ma senza darne la certezza; assunto, questo, sostenuto (anche) dal dato normativo di cui all’art. 20 della L. 20 marzo 1865, n. 2248, secondo il quale, la classificazione ufficiale delle strade ha efficacia presuntiva e dichiarativa, ma non costitutiva della pubblicità o meno del passaggio».

In altre parole, dunque, l’iscrizione dell... _OMISSIS_ ...le nell’elenco delle strade comunali non ha valore costitutivo dell’uso pubblico, ma solo dichiarativo e, come tale, superabile mediante prova contraria: «l’iscrizione della strada nell’elenco delle strade vicinali di uso pubblico costituisce presunzione iuris tantum, superabile con la prova contraria, dell’esistenza di un diritto di uso o di godimento della strada da parte della collettività».

Nella giurisprudenza ordinaria, recentemente la Corte di Cassazione ha affermato che «l’inclusione o rispettivamente la mancata inclusione nell’elenco delle strade comunali non può ritenersi elemento da solo sufficiente per poter determinare l’appartenenza di una strada al demanio pubblico, stante la nat... _OMISSIS_ ...a e non costitutiva dell’elenco anzidetto».

Naturalmente, da ciò discende che «qualora difetti l’iscrizione della strada nell’elenco delle strade vicinali di uso pubblico (iscrizione costituente presunzione iuris tantum, superabile con la prova contraria, dell’esistenza di un diritto di uso o di godimento della strada da parte della collettività), è l’Amministrazione che ha l’onere di accertare, con rigorosa istruttoria, la sussistenza dei requisiti per dichiarare la strada pubblica», ovvero, come abbiamo già visto, le sue condizioni effettive e la concreta idoneità del bene a soddisfare esigenze di carattere generale, anche per il collegamento con la pubblica via e un titolo valido a sorreggere l’aff... _OMISSIS_ ...iritto di uso pubblico, che può anche identificarsi nella protrazione dell’uso da parte della collettività da tempo immemorabile.

Al fine, inoltre, di inserire una strada vicinale nell’elenco comunale, «la valutazione deve essere svolta in concreto, e può tenere conto sia dell’utilizzazione pregressa sia di nuove infrastrutture di interesse pubblico che abbiano trasformato le modalità di utilizzazione del territorio&raqu...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 23087 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo