L’autotutela nelle singole categorie di beni demaniali

Gli abusi dei privati come situazione usurpativa del bene pubblico riverberano i propri effetti su tre distinti piani funzionali.

Quello dedicato alle macroaree divisorie delle tipologie di bene disposte nella matrice codicistica e di cui se ne è offerta ampia rassegna giurisprudenziale, oltre che letteraria.

L’aspetto maggiormente istituzionale racchiuso nell’archetipo delle raccolte dei testi primigeni o dei compendi codicistici secondo le miscellanee distinte per catalogazione sistematica civile e penale.

Infine, quello recisamente più “fenomenico” afferente alle casistiche sviluppate su casi concreti ed a cui si è deciso di dare il giusto risalto narrativo in questo contesto.

Immediata si... _OMISSIS_ ...erelle di “vecchia guardia” che soffre ancora dell’ipotetica applicazione dell’istituto dell’usucapione al bene demaniale e, più in particolare, a quello culturale.

Non v’è dubbio che tralasciata ogni vertenza dottrinaria, la giurisprudenza è oramai orientata a mettere la parola fine ad ogni possibile apertura considerata l’interdizione disposta dall’art. 823, comma 1 c.c., per cui in alternativa alla pronuncia giudiziaria l’intervento amministrativo dell’autotutela per la rimozione dell’ostacolo illegittimo si afferma essere non solo possibile, ma addirittura auspicabile.

Maggiori perplessità rispetto ad aree a vocazione culturale destano quelle concernenti il demanio fluviale, ... _OMISSIS_ ...io è assunto dallo spostamento fisico dell’asse fluviale che può coprire o, viceversa, scoprire zone del demanio e zone di proprietà privata.

Ciò in effetti non permette di ancorare ad un parametro sicuro la scelta per l’operatore di ricorrere all’autotutela oppure adottare misure ermeneutiche di certo ricorso all’azione giudiziale per il raggiungimento del fine istituzionale che si intende perseguire.

Per ben intenderci, ciò che comportava l’abbattimento di un manufatto edilizio abusivo perché non rispettoso delle distanze dall’ “alveus fluminis” potrebbe decadere di fondamento in quanto venuto meno per lo spostamento del medesimo nel corso del tempo, ciò che prima era illecito e, dunque, cagione... _OMISSIS_ ...o;interesse pubblico, ora potrebbe non esserlo più.

Le finalità poste a base del rispetto delle distanze dai tratti fluviali sono perseguite sin dal regio decreto n. 523 del 1904, e riprese con la medesima ratio dal Codice della navigazione in riferimento al demanio marittimo, il quale tramanda in assenza di autorizzazione amministrativa il divieto di costruzione di opere all’interno di alvei di fiumi, torrenti, rivi e qualsiasi altra forma di canale corrente idrico che sia di proprietà pubblica.

A tale scopo, il legislatore persegue qualsiasi trasgressore che possa alterare lo stato dei luoghi e le finalità a cui sono preservati mediante l’avvalimento in testa alla P.A. dello strumento di autotutela esecutiva.

Corro... _OMISSIS_ ...rsquo;ausilio dell’autotutela in tema di opere vietate sui corsi d’acqua suddetti la parte più resiliente della giurisprudenza secondo cui non sussiste un particolare obbligo di motivazione per il provvedimento di ripristino delle condizioni di integrità violate, essendo bastevole il mero richiamo alla norma di legge.

Come poc’anzi ricordato in ambito demaniale marittimo, il codice della navigazione si “prende cura” dell’interezza della proprietà pubblica in esso disciplinata citando in diverse occasioni la più celere forma di tutela dell’Autorità a cui compete la gestione del bene asservito all’interesse della collettività.

Prima facie, viene in menzione l’art. 54 che sanziona l’... _OMISSIS_ ...siva con l’ingiunzione diretta al contravventore di riportare alla situazione originaria il bene oggetto di violazione, la condotta di quest’ultimo è assunta contra legem se arbitraria e cosciente nel contrasto che arreca all’ordinamento, non così invece nel caso in cui il comportamento tenuto sia stato reso necessario non da una propria coscienza volitiva ma da un evento calamitoso che contraddistingue l’esimente della causa di forza maggiore.

La misura della demolizione coattiva è una diretta conseguenza dell’accertamento dell’illegittimità anche se acclarata in ordine retroattivo rispetto a questa.

Il demanio marittimo necessita di un controllo cartografico congiunto dalle varie competenze istituzio... _OMISSIS_ ...tamente la Capitaneria di Porto e l’Ufficio tecnico comunale, che sono deputate a un esame preventivo conforme alla gestione funzionale dell’area e ad apprestare la documentazione tecnica, sia della conformazione costiera sia dell’aggiornamento catastale, comprovante l’attendibilità della condizione di abusivismo nell’opera oggetto di abbattimento.

Il godimento del bene demaniale come si sa deve essere oggetto di rapporto concessorio, l’abuso viene identificato pertanto se l’area posta ad oggetto di quest’ultimo non sia coincidente con quella effettivamente occupata.

In tal caso, l’occupazione da legittima diviene usurpativa, perché decontestualizzata dal confine giuridico, e come tale ogge... _OMISSIS_ ...

L’attenzione per le distanze è invece prevista dall’art. 55 del codice della navigazione, il quale dispone una fascia di rispetto dalla zona demaniale di 30 metri entro la quale non possono essere eseguite nuove opere se prive della correlata autorizzazione compartimentale.

In tal guisa, viene ad essere sanzionata non solo l’occupazione in loco della proprietà demaniale, ma anche quella interessata della fascia limitrofa a confine, il limite imposto se oltrepassato comporta la contravvenzione esecutiva allo stesso modo della condotta primaria contra legem.

Il disposto della norma richiamata per il mantenimento delle distanze è predominante rispetto anche ad una situazione apparentemente lecita perché oggetto ... _OMISSIS_ ...provvedimento concessorio di occupazione di suolo pubblico.

E’ il caso emblematico di un chiosco limitrofo alla zona demaniale marittima conforme al diritto in quanto costruito in seguito ad un legittimo titolo edilizio, la compatibilità con le esigenze dell’interesse pubblico deve infatti essere vagliata anche in corrispondenza a quelle demaniali, considerato lo stato dei luoghi, e non solo a quelle concernenti l’occupazione di suolo pubblico urbano.

Ne scaturisce che in circostanze tali il titolo edilizio e la concessione di suolo pubblico non esauriscono i “nulla osta” necessari a rendere fedele la condotta materiale all’ordinamento pubblico, essendo doveroso anche l’allineamento alla misura precauzio... _OMISSIS_ ...anze teorizzata dall’art. 55 mediante il conseguimento dell’ulteriore concessione ivi espressa.

Il contenuto stringente della liceità ricavabile dalla corrispondenza alla regolamentazione edilizia è superabile altresì dalla mancata osservanza di un’altra figura di diritto puntualizzata motu proprio in autonomia dal legislatore nell’art. 24 del regolamento di esecuzione al codice della navigazione.

Lo “strappo” al tessuto sociale può quindi verificarsi a p...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12038 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo