Ambito di applicazione e di esclusione dell'autotutela di cui all'art. 823 del codice civile

AMBITO DI APPLICAZIONE DELL'ART. 823 C.C.: I BENI PATRIMONIALI INDISPONIBILI

Attesa la classificazione edotta dagli schemi codicistici, è resa ora possibile la sussunzione della norma sull’abuso nella realtà fenomenica che ci circonda, rispettando comunque il filo conduttore del discrimine tipologico.

La regola principale dettata dall’orientamento predominante è che il potere di autotutela di cui all’art. 823, comma 2 c.c. si adatti al contesto immobiliare sia demaniale che patrimoniale indisponibile, tuttavia la sua perfetta esecuzione dipende dal binomio di presupposti che specificano la sfera giuridica del bene.

I due profili coinvolti, soggettivo e oggettivo, devono necessariamente caratterizzare l’eser... _OMISSIS_ ...della “cosa”, significando in caso in cui ciò non avvenga l’interdizione dall’uso dello strumento coattivo di conservazione.

Più segnatamente, laddove il bene, pur essendo stato “predestinato” dal provvedimento amministrativo, non sia effettivamente utilizzato in conformità all’uso vincolato stabilito decade il fondamento stesso del potere tipico di cui in menzione.

Il corollario non sfugge al principio dell’onere della prova previsto dal dispositivo di cui all’art. 2697 c.c., per cui invocare l’autotutela amministrativa è ammissibile per esercitare la difesa sulla res pubblica soltanto se l’Ente titolare della potestà prova i fatti che ne legittimano l’applicazione, dimost... _OMISSIS_ ...ncontrovertibilmente la configurabilità dei presupposti predetti nella fattispecie oggetto di contraddittorio.

L’afflato partecipato, seppur generalizzato alla classificazione subita dal bene pubblico, trova corrispondenza in una casistica contingente in cui la frequenza concreta della sua ripetitività è espressa nella specie riprodotta della sua stessa esecuzione e dal cui novero rimane esclusa soltanto la generica area dei beni patrimoniali.

L’azione coercitiva dettata dall’autotutela possessoria è ravvisabile anche quanto il bene demaniale deve essere trasformato ad un uso proprio di un bene indisponibile, e tale scelta viene effettuata prima del recupero materiale del medesimo.

Cosicché, se il bene è origin... _OMISSIS_ ...mplato come demaniale, ma successivamente, in vista del diverso utilizzo, è oggetto di spossessamento per una diversa funzione, considerato che comunque quest’ultima è finalizzata ad uno scopo collettivo pur sempre ricadente nel regime giuridico tutelato, si ravvisa non solo il perseguimento del fine prefissato dalla legge ma, di conseguenza, anche la legittimità dello strumento di recupero adoperato.

L’attribuzione del potere di autotutela crea l’affidamento nella P.A. del dovere di intervento ogni qualvolta si crea una situazione ostativa all’esercizio dell’interesse legittimo a cui il bene è devoluto, ciò ingenera la convinzione che l’Autorità non abbia la facoltà di astenersi dall’azione pur se non obbligata a far... _OMISSIS_ ...F| In tal senso, la turbativa è oggetto di indagine per cui, se accertata la violazione, in seguito, si può disporre la reprimenda: in sintesi, soltanto all’esito del sopralluogo attestante le modifiche surrettiziamente apportate allo stato materiale quo ante indirizzato allo scopo sociale può eseguirsi la misura cautelare di risanamento.

A contrario, ricorrendo i presupposti fattuali prima ricordati, nulla osta all’emissione del provvedimento amministrativo di interruzione del comportamento lesivo illegittimo che, pertanto, non necessita né di particolari altre formalità, né tantomeno di attesa, in termini di pregiudizialità, dell’impugnazione di un’altra misura cautelare, opposta con una richiesta di revoca, come ad esempio è quella... _OMISSIS_ ...confisca, e pendente ipso facto sullo stesso bene giuridico.

Il carattere autoritativo della misura in commento dispone la sua applicazione erga omnes per la salvaguardia dell’esercizio vincolato al quale il bene è asservito, di talché se ne deduce anche il ruolo autonomo che l’istituto de quo possiede in relazione ad eventuali forme di difesa statuite nell’ambito del controllo sul demanio da altre disposizioni normative.

Peraltro, ciò risponde anche alle esigenze espresse dal legislatore nel contenuto dell’art. 823, comma 2 di concedere ampia discrezionalità all’Amministrazione nella scelta dello strumento più idoneo per il ripristino della legalità, precetto che stricto sensu non stabilisce un ordine imposto per... _OMISSIS_ ...quo;autotutela in alternativa o in subordine ai mezzi ordinari.

In definitiva, il dato letterale fornito dalla collocazione sistemica e dal tenore letterale dell’art. 823, comma 2 c.c. non deve fuorviare l’operatore pratico al quale compete il “potere-dovere” di autotutela per la rimozione della situazione illegittima di abusivismo creata e perdurante sul patrimonio pubblico, di conseguenza la tutela potestativa ascritta all’autorità dalla norma potrà essere invocata ed agita sia per i beni demaniali, che per quelli compresi nell’insieme di quelli non utilizzabili in quanto devoluti al fine collettivo della comunità territorialmente interessata e sottoposti pertanto al medesimo regime giuridico.


... _OMISSIS_ ... DI ESCLUSIONE DELL'ART. 823 C.C.: I BENI PATRIMONIALI DISPONIBILI


La disciplina specifica dell’art. 823, comma 2, istituente il potere amministrativo dell’autotutela in alternativa alle forme ordinarie di tutela giudiziaria, non si applica ai beni rientranti nel patrimonio definito disponibile.

La conformazione della norma citata e la sua esatta posizione schematica a sostegno del bene demaniale, a cui si equipara quello indisponibile, non consente in alcun caso l’estensione dei benefici di un’azione immediata, quando l’immobile è sottoposto ad una condotta compromissiva della sua funzionalità, se si è in presenza di questa classificazione che, come si ricorda, è concettualmente prevista come pubblica sol... _OMISSIS_ ...one al profilo soggettivo, essendo che in realtà non acquisisce alcun regime giuridico privilegiato stante la subordinazione alle regole di diritto privato, tanto commerciali quanto giudiziarie.

Ne deriva una forzata interpretazione del caso pratico, che sottende all’attenzione del giudice, per comprendere se l’atto di iniziativa della P.A., come ad esempio un ordine di rilascio di un bene sottoposto a locazione, oramai scaduta, sia da intendersi in base al rapporto giuridico di godimento a favore del terzo più come una diffida per inadempimento, qualificabile dal punto di vista reattivo al lassismo moroso, che come una forma di autotutela.

Al riguardo, rimanendo nei confini di un valido tecnicismo, è più corretto definire l’... _OMISSIS_ ...cio come un’intimazione di sfratto, ma sicuramente non si è in presenza di una giustizia esecutoria, come attivit&agr...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 11298 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo