La concessione del suolo pubblico: richiesta, rilascio, diniego, revoca e decadenza

Occorre in prima battuta affermare, in uno con la Giurisprudenza amministrativa, che «tutta la disciplina concernente l’occupazione del suolo pubblico è posta anche a presidio della sicurezza pubblica, sia sotto il profilo della circolazione pedonale che veicolare».


In virtù del principio di sussidiarietà che abbiamo analizzato nel capitolo precedente, l’ente preposto a concedere l’autorizzazione per l’occupazione del suolo pubblico è il Comune e l’occupazione del suolo pubblico viene regolata dai regolamenti comunali. Di conseguenza, non può essere omogenea e unitaria sull’intero territorio nazionale. Sebbene quindi le modalità generali possano, in concreto, essere simili (si ... _OMISSIS_ ...lità di presentazione della domanda, cartacea o telematica), la documentazione da allegare può variare a seconda del comune di riferimento.

Ad ogni buon conto, la concessione di suolo pubblico esige sempre e comunque una decisione ponderata in ordine al bilanciamento dell’interesse pubblico con quelli privati eventualmente confliggenti, di cui dare conto nella motivazione, stante il loro carattere discrezionale, con la conseguenza che la Pubblica amministrazione interessata, prima di concederla, deve, attraverso apposita istruttoria, effettuare una accurata ricognizione sulla meritevolezza degli interessi coinvolti.
Orbene, una volta richiesta ed ottenuta la concessione del suolo pubblico da parte del Comune, in capo al conc... _OMISSIS_ ...rsquo;obbligazione specifica, vale a dire il pagamento di un corrispettivo in favore dell’ente concedente, definito canone.


Richiesta e rilascio.


Come ogni procedimento volto al rilascio di una concessione di un bene demaniale, anche la richiesta di occupazione del suolo pubblico avviene su istanza di parte: occorre infatti che il soggetto interessato all’occupazione dello spazio pubblico presenti una apposita richiesta al Comune proprietario del suolo pubblico.


Come abbiamo visto nel paragrafo che precede, le modalità di richiesta della concessione del suolo pubblico vengono stabilite da regolamenti comunali e/o provinciali, p... _OMISSIS_ ...ibile in questa sede analizzare compiutamente tali modalità.

Ciò che non differisce è sostanzialmente l’iter procedurale per la richiesta della concessione in esame che, come abbiamo visto poc’anzi, inizia con la c.d. fase dell’iniziativa: il soggetto privato deve, infatti, predisporre un’istanza indirizzata al Sindaco del Comune nel quale è situata l’area che si intende occupare.


Al fine di consentire che gli uffici competenti possano mettere in atto la seconda fase del procedimento amministrativo, ossia la c.d. fase istruttoria, l’istanza deve generalmente contenere una serie di elementi, quali, ad esempio, l’indicazione delle generalità del richiedente; l’ubicazion... _OMISSIS_ ...atto di area o di spazio pubblico che si chiede di occupare e la superficie o estensione lineare dell’occupazione che si intende realizzare; l’oggetto dell’occupazione, la sua durata, i motivi a fondamento della stessa, gli estremi dell’eventuale autorizzazione all’esercizio dell’attività che si intende ivi svolgere, se prescritta, e dell’autorità che ha provveduto al rilascio, la descrizione dell’opera che si intende, eventualmente, eseguire, le modalità di utilizzazione dell’area; l’impegno ad osservare le norme legislative e regolamentari vigenti in materia e le prescrizioni specifiche dell’atto di concessione; l’impegno a pagare il canone determinato nell’atto di concessione oltre al rimborso d... _OMISSIS_ ...un eventuale sopralluogo istruttorio.

Può essere, inoltre, previsto che la domanda sia corredata da specifica documentazione tecnica (quale, ad esempio, la planimetria dei luoghi interessati dalla richiesta). Parimenti, è consentito per l’ufficio comunale preposto di richiedere al soggetto istante una integrazione documentale entro un determinato termine ovvero di procedere d’ufficio all’acquisizione di tale documentazione.

Una volta terminata la c.d. fase istruttoria, si passa alla c.d. fase decisoria, ovvero il momento deliberativo del procedimento amministrativo, che deve concludersi con un provvedimento espresso. Secondo la giurisprudenza amministrativa di merito, infatti, non è possibile leg... _OMISSIS_ ...cedere all’occupazione del suolo pubblico mediante posa di tavoli, sedie e fioriere sulla base della mera richiesta di concessione di suolo pubblico presentata: tale concessione è infatti soggetta al regime del rilascio del provvedimento espresso e non può certo essere ritenuta assentibile mediante una sorta di autodichiarazione.
È proprio durante tale fase che viene a determinarsi concretamente il contenuto dell’atto da adottare e si provvede alla formazione ed emanazione dello stesso, e, una volta accertata la sussistenza di tutti gli elementi e condizioni necessarie al fine di poter emanare un provvedimento positivo, l’ufficio preposto rilascia l’atto di concessione o di autorizzazione ad occupare il suolo pubblico, nel quale vengono ... _OMISSIS_ ...ata dell’occupazione, la misura dello spazio di cui è consentita l’occupazione nonché le condizioni alle quali è subordinata la concessione o autorizzazione. Naturalmente, la pubblica amministrazione concedente conserva la facoltà di imporre nuove condizioni al concessionario, nonché di sospendere, revocare o modificare la concessione stessa.



Diniego.
Abbiamo appena analizzato come l’iter per la concessione del suolo pubblico possa avere esito positivo, con il provvedimento finale costituito dalla concessione del suolo pubblico, così come richiesta dal soggetto istante.
Ben può accadere che il procedimento ... _OMISSIS_ ...in esame si concluda con un esito negativo, di diniego della concessione per l’occupazione del suolo pubblico.


Ciò può avvenire, ad esempio, per ragioni di inammissibilità della domanda (perché carente di un elemento essenziale), oppure a causa della mancata integrazione da parte dell’istante della documentazione richiesta dall’ufficio nei termini indicati, o perché – molto più semplicemente – l’ufficio comunale preposto abbia valutato come preponderante l’interesse al godimento del suolo pubblico in favore della collettività rispetto all’interesse privato sotteso alla richiesta di concessione.


Come ogni provvedimento di diniego di una concessione, la giurisprudenza ha da sempre ch... _OMISSIS_ ...otivazione del diniego può ritenersi congrua e corretta attraverso il semplice rinvio alla istruttoria svolta ed ai criteri ai quali l’ufficio si è attenuto nel rilasciare le concessioni richieste dai singoli interessati. Ad ogni buon conto, si ritiene che il diniego della concessione dell’uso del suolo pubblico richiesta per il soddisfacimento di un interesse privato deve essere congruamente motivato, non essendo sufficiente una motivazione generica ed atecnica. Nello stess...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 18813 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo