Contraddittorio nell'imposizione del vincolo culturale

PROCEDURA --> BENI CULTURALI

Il vincolo culturale deve ritenersi sussistente per essere stata emessa la comunicazione dell’avvio del relativo procedimento nelle more del perfezionamento del procedimento espropriativo, risultando irrilevante che il decreto di vincolo sia stato emesso dopo il decreto di esproprio.

L'espropriazione costituisce un modo di acquisto della proprietà che produce, in sostanza, gli stessi effetti dell’alienazione, determinando un mutamento della titolarità del diritto di proprietà. Tale operazione effettuata su un bene demaniale di interesse storico-artistico è nulla. Tuttavia va precisato che mentre gli immobili appartenenti allo Stato riconosciuti di interesse storico, archeologico e artistico fanno parte ... _OMISSIS_ ...blico ex art. 822, 2 comma, c.c., per gli immobili di proprietà delle province e dei comuni della specie di quelli indicati dal 2 comma del cit. art. 822, vige il regime stabilito dall’art. 824 c.c. Tale disposizione non qualifica i beni in questione alla stregua di demanio comunale e/o provinciale, limitandosi a stabilire che essi “sono assoggettati” al regime del demanio pubblico, che è ovviamente cosa ben diversa. Volendo applicare l’art. 824 c.c. anche ai beni immobili regionali riconosciuti di interesse storico, archeologico e artistico ‘a norma delle leggi in materia’, è evidente che deve farsi riferimento alle specifiche norme contenute nel Codice dei beni culturali. Il Codice all’art. 54, 1 e 2 comma, contiene il tassativo el... _OMISSIS_ ...nalienabili, che non comprende gli immobili dichiarati di interesse storico-artistico ai sensi dell’art. 10, comma 1 (l’inalienabilità è prevista per gli immobili dichiarati di interesse particolarmente importante ai sensi dell’art. 10, comma 3, lettera d). Per i beni immobili di proprietà degli Enti locali l’alienabilità è soltanto subordinata alla previa autorizzazione del Ministero ai sensi dell’art. 55 d.lgs. 42/2004.

La legittimità del provvedimento amministrativo va apprezzata avuto riguardo alla situazione di fatto e di diritto esistente al momento della sua adozione: conseguentemente il procedimento di apposizione del vincolo ex articolo 10, comma 3, lettera a), D.Lgs. n. 42/2004 avviato e concluso con l’emanazione d... _OMISSIS_ ...utela quale bene d’interesse culturale particolarmente importante, successivamente alla conclusione del procedimento di esproprio, non inficia lo stesso.

La disciplina dell’espropriazione nell’ambito della legislazione di tutela dei beni culturali assolve nello stesso tempo a finalità di tutela (conoscenza, conservazione e protezione della cosa) e di fruizione/valorizzazione (migliore fruibilità pubblica e miglioramento delle condizioni di tutela). Come nella legge del 1939, la disciplina del 1999 e quella del 2004 hanno conservato la tripartizione in espropriazione del bene (già dichiarato) culturale, espropriazione per fini strumentali ed espropriazione per interesse archeologico. Pur nell’unitaria finalità generale di tutela/fruizion... _OMISSIS_ ...urale, i tre istituti si differenziano per la funzione specifica perseguita, per l’oggetto e, in parte, per la procedura.

Nel caso di espropriazione del bene culturale il fine è di assicurare la miglior tutela e fruibilità pubblica del bene già conosciuto e dichiarato di interesse culturale; in questo caso la dichiarazione di pubblica utilità coincide con la manifestazione di volontà di assicurare migliori condizioni di tutela e fruibilità del bene vincolato mediante l’acquisto al demanio pubblico. Le specificità sono le seguenti: oggetto dell’esproprio è un bene già qualificato come bene culturale, che può anche essere un bene mobile; scopo primario dell’espropriazione è l’acquisizione del bene, per la sua migliore fruizione, e n... _OMISSIS_ ...ione di un’opera con effetto di trasformazione del territorio; il Ministero ha la facoltà di autorizzare gli enti locali, su loro richiesta, ad effettuare l’espropriazione, ferma la dichiarazione di pubblica utilità da parte del Ministero stesso.

Nell’ambito della legislazione di tutela dei beni culturali, il fine specifico dell'espropriazione per fini strumentali o per interesse archeologico, è quello di isolare o restaurare monumenti, assicurarne la luce o la prospettiva, garantirne o accrescerne il decoro o il godimento da parte del pubblico, facilitarne l'accesso, ovvero eseguire ricerche archeologiche: l’oggetto è un immobile che non è stato dichiarato di interesse culturale. La dichiarazione di pubblica utilità richiede l’ap... _OMISSIS_ ...n progetto relativo al monumento, ovvero della ricerca archeologica. Il bene da espropriare deve essere comunque in rapporto con un bene culturale ed è sempre un bene immobile; lo scopo primario è quello di eseguire un’opera o un intervento con trasformazione dell’area; il procedimento non prevede fasi in capo ad enti territoriali non regionali.

Il dpr 327/2001 non si applica all'espropriazione di un bene culturale, mentre si applica in via suppletiva alle specifiche fattispecie di esproprio strumentale e per ricerche archeologiche.

PROCEDURA --> BENI CULTURALI --> ARTT. 95-96 D.LGS. 42/2004

Le specificità della fattispecie dell'art. 95 del Codice dei Beni Culturali sono le seguenti: oggetto dell'esproprio è un b... _OMISSIS_ ...cato come bene culturale, che può anche essere un bene mobile; scopo primario dell'espropriazione è anzitutto l'acquisizione del bene, per la sua migliore fruizione, e non la realizzazione di un'opera con effetto di trasformazione del territorio (comma 1); l'espropriazione prevista dall'art. 96 ("Espropriazione per fini strumentali"), invece, viene disposta se l'esproprio di "edifici ed aree" è necessario per "isolare o restaurare beni culturali immobili" per "assicurarne la luce o la prospettiva, garantirne o accrescere il decoro o il godimento da parte del pubblico, facilitarne l'accesso.

Nella fattispecie di cui all'art. 95 del Codice dei Beni Culturali e Ambientali (“espropriazione del bene culturale”) il fine... _OMISSIS_ ...e la miglior tutela e fruibilità pubblica del bene già conosciuto e dichiarato di interesse culturale (vincolato); in questo caso la dichiarazione di pubblica utilità (ministeriale) coincide con la manifestazione di volontà di assicurare migliori condizioni di tutela e fruibilità del bene vincolato mediante l'acquisto al demanio pubblico; ai fini della dichiarazione di pubblica utilità (come previsto dal comma 2 dell'articolo 98 del codice suddetto), non è richiesta la previa approvazione di un progetto di intervento.

Nel caso di procedura espropriativa ai sensi dell'art. 96 del Codice dei Beni Culturali e Ambientali (così come nella espropriazione dei beni archeologici), il fine specifico è quello di isolare o restaurare monumenti, assicurarne la luce ... _OMISSIS_ ...a, garantirne o accrescerne il decoro o il godimento da parte del pubblico, facilitarne l'accesso, ovvero di eseguire ricerche archeologiche; l'oggetto è un immobile che non è (o non è ancora) stato dichiarato di interesse culturale (vale a dire l'immobile, in sé privo di interesse culturale, confinante o vicino a quello vincolato, oppure l'area sulla quale eseguire le ricerche archeologiche); la dichiarazione d...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 23345 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto.

pdf 490 pagine in formato A4

25,00 €