Carrello
Carrello vuoto



Computo di altezze e volumetrie per sottotetti e locali interrati


Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:ALTEZZE VOLUMI INDICI DENSITÀ EDILIZIA
anno:2016
pagine: 385 in formato A4, equivalenti a 654 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 20,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> ALTEZZE E VOLUMI --> ALTEZZE --> SOPPALCHI

Per calcolare l'altezza di un locale soppalcato occorre fare riferimento all'altezza media e dunque dividere la cubatura totale per la somma delle altezze. Non ha senso, invece, calcolare separatamente l'altezza del soppalco e del locale sottostante o dividere per due l'altezza del locale sottostante il soppalco, non essendo indicativo di alcun valore o parametro.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> ALTEZZE E VOLUMI --> ALTEZZE --> SOTTOTETTI

Quando una costruzione raggiunga o sia poco al di sotto dell'altezza massima consentita a un edificio, non è consentita una qualificazione negativa (nel senso che non si computa a fini di altezza) del sottotetto che, per le caratteristiche di sostanziale identità con quelle delle abitazioni sottostanti, si traduca in un sostanziale innalzamento dell'edificio assentito in elusione della normativa sulla altezze degli edifici.

Quando un ambiente possieda nel suo complesso caratteristiche oggettive, tali da renderlo idoneo ad ospitare la vita domestica, al fine di escludere la volontà del pri... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tinarlo a funzione abitativa, non si può addurre la circostanza che la sua altezza sia di poco inferiore rispetto a quella prescritta dal regolamento edilizio per i vani abitabili.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> ALTEZZE E VOLUMI --> VOLUMETRIA --> BALCONI

I balconi sono computabili nel volume solo se costituiscono corpo di fabbrica, cioè aggetti chiusi volti a separare l'ambiente interno da quello esterno, e non quando invece siano aperti su tre lati.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> ALTEZZE E VOLUMI --> VOLUMETRIA --> LOCALI INTERRATI

La realizzazione di autorimesse interrate costituisce nuova volumetria.

Gli spazi confinanti con muri perimetrali interamente interrati, in quanto interrati a loro volta, non vanno computati ai fini del calcolo della volumetria dell'edificio.

La nozione di piano interrato la cui volumetria non è computabile va ristretta alla destinazione degli stessi ad usi episodici o meramente complementari, per cui, viceversa, il locale seminterrato adibito ad attività umane di tipo continuativo, con presenza e permanenza di persone, va disc... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...tutti gli effetti come locale costruito sopra il piano di campagna e deve essere considerato ai fini del calcolo della volumetria assentibile in relazione ai carichi urbanistici che ne derivano.

In Sicilia, in assenza della specifica qualificazione derivante dall'art. 3 D.P.R. 380/2001, i locali interrati non sono computabili ai fini dell'applicazione degli standards urbanistici, a condizione che essi siano costruiti al di sotto dell'originario piano di campagna: ciò in quanto le prescrizioni dettate dagli strumenti urbanistici in tema di altezza, distanze e volumetria degli edifici sono dirette a tutelare quegli specifici valori -aria, luce, vista- sui quali incidono tutti i volumi che, sporgendo al di sopra della linea naturale del terreno, modificano in maniera significativa la conformazione del suolo e dell'ambiente.

Nello studio della computabilità del volume e del carico urbanistico nel caso di opere interrate, occorre avere riguardo, principalmente, alle previsioni degli strumenti urbanistici ed, inoltre (o in assenza), alla effettiva fruibilità della costruzione, vale a dire alla possibile stabile permanenza dell'uomo, influenzante, così, il carico urbanistico, all'assenza di strumentali interramenti e, quindi, al... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...enza di una linea di campagna superiore al locale da realizzare coniugata all'assenza di destinazioni che determinano, comunque, la presenza (ove assentibile) di permanente insediamento abitativo o commerciale.

Poiché la volumetria di un edificio deve essere calcolata in base a tutti i suoi elementi strutturali destinati alla stabile permanenza dell'uomo, possono considerarsi legittime le eventuali disposizioni urbanistiche che escludano dal computo della cubatura i locali sottostanti il piano di campagna solo ove essi non comportino un proprio carico urbanistico.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> EDIFICABILITÀ --> ALTEZZE E VOLUMI --> VOLUMETRIA --> SOTTOTETTI

Le opere volte a rendere abitabile un locale sottotetto non possono essere considerate volumi tecnici e sono quindi computabili ai fini della volumetria consentita, allo stesso modo delle soffitte, degli stenditoi chiusi nonché del piano di copertura impropriamente definito sottotetto, ma costituente in realtà una mansarda.

La realizzazione di un locale sottotetto con vani distinti e comunicanti con il piano sottostante mediante una scala interna costituisce indice rilevatore dell'intento di rendere abitabile ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...e, non potendosi considerare volumi tecnici i vani in esso ricavati.

Il sottotetto che sia isolato dai locali sottostanti rispetto ai quali dovrebbe svolgere la funzione di locale tecnico e che presenti le caratteristiche di un locale abitativo (superfici ampiamente finestrate e terrazzino) va computato nella volumetria complessiva dell'edificio.

L'innalzamento del sottotetto, non autonomamente fruibile, giustificato da mere ragioni di isolamento termico e quindi da esigenze strettamente funzionali della costruzione ben può considerarsi come volume tecnico.

E' legittima la scelta dell'amministrazione comunale di prevedere un'altezza interna massima del piano sottotetto affinché il medesimo non partecipi al computo dei volumi, quale previsione di salvaguardia e ragionevolezza, al fine, in primo luogo, di evitare soluzioni tecniche estreme.

Pur a fronte di indici rivelatori dell'intento di renderlo abitabile, il sottotetto non genera volumetria se rispetta le condizioni previste dal regolamento comunale affinché i locali di questo tipo non siano valutati ai fini del computo di cubatura.





 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI